Barcelona
Bayern Monaco
21:00
 
COL Avalanche
1
ARI Coyotes
0
1. tempo
(1-0)
PHI Flyers
MON Canadiens
21:00
 
Keystone (foto d'archivio)
+5
TORINO
17.10.2019 - 21:010
Aggiornamento : 18.10.2019 - 09:06

Acquafresca, bordate a Constantin: «Un anno a chiedere colloqui senza mai avere risposta»

Desaparecido biancorosso, l'attaccante italiano ha criticato il Sion: «Il comportamento che hanno avuto nei miei confronti è stato incredibile»

TORINO (Italia) – Robert Acquafresca chi? Chi assaggia il calcio solo distrattamente non ha forse sentito parlare della punta italiana. Chi invece – e sono tanti – del pallone ha fatto l'ingrediente principale dei suoi piatti, conosce bene il 32enne torinese.

Rivelatosi al mondo appena maggiorenne a Treviso (11 reti in 43 presenze) e poi esploso a Cagliari (24 gol in due campionati), l'attaccante pareva destinato a una carriera brillantissima. Chiuso il biennio rossoblù per lui, passato da Atalanta, Genoa, ancora Cagliari, Bologna, Levante, ancora Bologna e Ternana, la luce si è invece spenta. Ha avuto qualche acuto, qualche lampo, ma in generale non è più riuscito a incidere, finendo con il perdere occasioni e serenità.

Ad appena 30 anni, nel tentativo di rilanciarsi, nell'estate del 2017 Acquafresca ha accettato la proposta del Sion. La sua avventura vallesana è però stata qualcosa di simile a un incubo. Mai davvero convincente (una rete, contro il Lucerna, nella primissima parte della prima stagione), l'azzurro è presto finito ai margini del progetto. La sua definitiva uscita di scena si è concretizzata con l'esonero di Tramezzani: arrivato Gabri in panchina, è infatti finito in U21 con altri “epurati”. Da quel momento - e si era solo all'autunno 2017 – l'attaccante è stato “solo” uno stipendiato di lusso del club biancorosso. E questo fino al 30 giugno 2019, quando il suo contratto è scaduto.

«Spero di trovare squadra in Italia – ha spiegato Robert a tmw - Vorrei rientrare con un bel progetto, la voglia è ancora tanta. Al Sion mi sono trovato fuori rosa senza motivo anche se avevo iniziato bene. Il comportamento che hanno avuto nei miei confronti è stato incredibile. Ma ho visto che hanno fatto lo stesso con altri calciatori. Non so di chi siano le colpe, ma quando fai un investimento devi crederci. Io invece ho passato un anno a chiedere colloqui al presidente e non ho mai ricevuto risposta. Dal punto di vista sportivo mi sono pentito della scelta; sul piano personale invece, la mia famiglia ha conosciuto una bella realtà come la Svizzera».

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 20:25:30 | 91.208.130.86