keystone-sda.ch / STF (Mark J. Terrill)
+22
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
VIDEO
TIGRE
8 ore
Maradona il mago e l’ipnotico “Live is life”
Diego e lo storico riscaldamento pre-sfida al Bayern Monaco nella UEFA 1989.
ARGENTINA
8 ore
«Con la palla era Dio, senza era umano»
Il mondo dello sport è in lutto e sotto shock per la scomparsa di Maradona: «Diego è eterno. Ci lascia, ma non se ne va»
CHAMPIONS LEAGUE
8 ore
L'Inter affonda e ora è nei guai
I nerazzurri, battuti 2-0 dai Blancos di Zidane, sono ultimi con 2 punti in 4 match. Ottavi sempre più lontani.
ZURIGO
10 ore
«Il nostro cuore ha smesso di battere»
Gianni Infantino: «Nel profondo sentiamo dolore, silenzio e lacrime».
BASKET
10 ore
Monthey schiacciato: i Tigers tornano a graffiare
Secondo successo stagionale per il Lugano, che all'Elvetico ha vinto 66-48
ARGENTINA
10 ore
Maradona, le parole che voleva sulla lapide
Ecco ciò che disse l'asso argentino nel corso di un programma televisivo
SUPER LEAGUE
11 ore
Successi interni per Basilea e Sion
Due recuperi in Super League, con i renani che hanno battuto il Losanna (2-1) e il Sion che ha piegato il Servette (2-0)
ARGENTINA
12 ore
Add10 Diego: «Stiamo piangendo per te»
La leggenda del calcio si è spenta a 60 anni. Non si contano i messaggi dedicati al giocatore del secolo
ARGENTINA
13 ore
«Un giorno giocheremo a calcio insieme in cielo» 
La scomparsa dell'ex campione argentino ha scosso il mondo del calcio e non solo.
NATIONS LEAGUE
14 ore
Ucraina sconfitta a tavolino, Svizzera salva
L'Uefa ha stabilito che l'Ucraina è responsabile del mancato svolgimento della partita di Nations League.
MOTOMONDIALE
16 ore
Rossi ha fatto il grande passo
Il pilota italiano ha chiesto la mano alla sua fidanzata Francesca Sofia Novello.
NAZIONALE
18 ore
Gaëlle Thalmann positiva al Covid
Il portiere della nazionale elvetica femminile è in isolamento
STABIO
19 ore
Il coraggio di Murat Pelit: dalla sedia a rotelle al sogno olimpico
Il ticinese, protagonista alle ultime paralimpiadi di Pyeongchang: «Io in una parola? Felicità».
LOS ANGELES
26.01.2020 - 23:450
Aggiornamento : 27.01.2020 - 14:10

«Egoista e spietato, per questo amo Kobe Bryant»

Dominatore in campo e con una vita privata turbolenta, l'ex cestista ha lasciato un vuoto enorme nel cuore di tanti. Parlare al passato è difficile

LOS ANGELES  - Se hai tra i 35 e i 45 anni sei cresciuto con lui. Se ne hai di meno lo hai idolatrato. Se ne hai di più lo hai mal sopportato perché è stata la cosa che più si è avvicinata a Sua Maestà Michael Jordan.

In ogni caso, hai respirato a pieni polmoni il suo talento, il suo gioco, il suo carisma, il suo sconfinato ego. E ne sei rimasto rapito. Lui è Kobe Bryant.

Il tempo presente è un obbligo perché davvero, nonostante il rincorrersi delle notizie, dei tweet, dei post, di tutto quello che oggi ci regala questa informazione orizzontale e immediata, si fa fatica a credere a quanto successo a uno dei più grandi atleti della storia dello sport.

Non si sta parlando di basket, non solo di quello. Ci fermassimo alla palla a spicchi, probabilmente impiegheremmo ore per raccontare una carriera che definire leggendaria è il minimo. Si sta parlando di sport. A livello globale. Kobe è stato grande tanto quanto Muhammad Ali, Fausto Coppi, Michael Schumacher, Babe Ruth e pochi altri. In più, ha avuto la fortuna-sfortuna di vivere un'epoca nella quale l'esposizione mediatica era già diventata un fattore. E questo ha reso la sua leggenda ancora più grande.

Figlio di un buon giocatore, cresciuto in Italia, esploso giovanissimo nell'High School statunitense, capace di portare nuovamente in trionfo i Los Angeles Lakers – il suo grande amore mai tradito – e poi, una volta ritirato, di mettere le mani su un Oscar per il Miglior cortometraggio d'animazione: Kobe ha consumato la sua vita senza mai staccare il piede dall'acceleratore. E questo, oltre che un vincente, lo ha reso scomodissimo. Già perché nel giorno dello sbigottimento, della tristezza, del cazzotto ricevuto in pancia e che ti lascia senza fiato, sarebbe sbagliato non ricordare i tanti spigoli dell'ex 8 e 24 gialloviola. Uno che si è creato la propria grandezza anche sulle maledizioni dei tifosi delle squadre rivali, uno che si è distinto per aver fatto saltare la coppia più devastante del basket moderno (chiedere a Shaq O'Neal, per conferma), uno accusato di aver distrutto mentalmente ogni compagno non disposto a dare il massimo.

Era duro. Era talvolta egoista ed accentratore. Era spietato. Era schietto. E per tutto ciò è stato rispettato. E amato come pochissimi prima di lui. Da chi lo ha incrociato almeno una volta sul parquet più ancora che dai supporter. E questo è tutto dire.

His Airness Michael Jordan, quello che ha esportato il basket nordamericano in ogni angolo del pianeta, ha unito. Kobe, quello che lo ha fatto diventare un affare per tutti, ha diviso. Entrambi, grandissimi, sono entrati nell'immaginario collettivo come simboli stessi della palla a spicchi. Come presenze indefinite davanti alle quali anche i campioni di oggi hanno sempre chinato il capo. Uno di questi, LeBron James, proprio poche ore prima del tragico schianto aveva superato Bryant al terzo posto della classifica dei migliori marcatori della storia NBA. Aveva ricevuto i suoi complimenti – via social, ovviamente – e li aveva custoditi gelosamente come fossero un regalo preziosissimo. Glieli aveva fatti il suo idolo...

Lo stesso LeBron James, saputo della notizia, come ogni appassionato è tornato a casa per piangere con la sua famiglia. Con i suoi figli. Pure Kobe, che mollato il basket si era ammorbidito, aveva seppellito l'ascia di guerra, aveva una famiglia bellissima e che amava alla follia. Sposata giovanissima, la moglie Vanessa lo aveva supportato e sopportato e gli aveva dato quattro figlie. Natalia Diamante, Gianna Maria-Onore, anch'essa morta nell'incidente, Bianka Bella e la piccolissima Capri Kobe, di neppure un anno. Una volta che il clamore mediatico si sarà placato, una volta che si comincerà a ripensare all'ex Laker con un piccolo sorriso, perché l'incredulità avrà lasciato spazio alla routine, saranno loro, le donne Bryant, a continuare a soffrire. A continuare a ricordare ogni giorno un uomo imperfetto come tutti ma, nella sua ostinazione, grandissimo.

Questo è il tempo delle lacrime.
Ciao Kobe, che la terra ti sia lieve.

SPORT: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STF (LARRY W. SMITH)
Guarda tutte le 26 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lena Salitto 10 mesi fa su fb
Questo è giornalismo? A poche ore dalla morte di un’atleta, definendolo “la cosa che si è più avvicinata”.... ??? Questo sarebbe giornalismo? Questo è uno che non sa nulla e vuole fare il protagonista scrivendo il classico TIO articolo colmo di supponenza e verità ad effetto da emerito non conoscitore... una “cosa” ... impara il rispetto
NENO 10 mesi fa su tio
Complimenti a Giraldi per l'ottimo ricordo e una scrittura assolutamente godibile...questo è giornalismo!!
Frankeat 10 mesi fa su tio
Da quache anno gira su Youtube un filmato dove mettono a confronto le azioni da MJ e KB e il secondo sembra la fotocopia identica del primo. Gli stessi identici passi, gli stessi movimenti, gli stessi tiri dalle stesse posizioni, le stesse espressioni facciali, smorfie, risate. Neanche Hollywood sarebbe arrivata a creare una cosa simile. Cercate su youtube "Kobe Bryant vs Michael Jordan - Identical Plays" (non metto il link perché penso che sia ancora vietato farlo)
tazmaniac 10 mesi fa su tio
@Frankeat ma infatti, secondo me, raramente, per non dire mai si è visto un "passaggio di consegne" più simile a questo. Penso di poter tranquillamente dire che più di così puoi solo farlo con la clonazione.
tazmaniac 10 mesi fa su tio
Non concordo con l'articolo. Ho più di 45 anni, ho "amato" MJ ma da tifoso dei Lakers, non posso che essere stato ammaliato da Kobe, che appunto ha raccolto l'eredità pesante lasciata da MJ. Grazie Kobe, RIP con il tuo piccolo angelo al tuo fianco ;o(
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-26 07:56:52 | 91.208.130.89