Cerca e trova immobili

SVIZZERAIn solo dieci mesi in Ticino sono fallite 285 aziende

29.11.23 - 10:32
Aumentano i fallimenti in Svizzera e in Ticino. 4311 ditte in tutto il paese hanno dovuto chiudere per insolvenza.
Deposit
Fonte ATS
In solo dieci mesi in Ticino sono fallite 285 aziende
Aumentano i fallimenti in Svizzera e in Ticino. 4311 ditte in tutto il paese hanno dovuto chiudere per insolvenza.

BERNA - Si conferma la sensibile crescita dei fallimenti aziendali in Svizzera: lo indicano i dati pubblicati oggi dalla società di informazioni economiche Dun & Bradstreet (D&B), che osserva una progressione particolarmente marcata anche in Ticino.

Nei primi dieci mesi dell'anno le ditte che hanno dovuto chiudere per insolvenza sono state 4311 a livello elvetico, il 12% in più dello stesso periodo del 2022. Il dato riassume peraltro una realtà regionale variegata: tenendo conto solo dei cantoni con numeri di una certa consistenza spiccano per esempio il +40% di Friburgo nonché il +26% di Lucerna. Anche il principale polo economico elvetico, Zurigo (+11%), mostra un forte aumento. Il Ticino si muove in perfetta sintonia con la media nazionale (+12% a 285 casi). In contro tendenza risultano solo quattro cantoni: Glarona (-43%). Svitto (-38%), Neuchâtel (-14%) e Grigioni (-2% a 49 casi).

Ai fallimenti per incapacità a far fronte ai pagamenti vanno poi aggiunti quelli per lacune nell'organizzazione (articolo 731b del Codice delle obbligazioni): il numero complessivo sale così 6414 (+3% rispetto al periodo gennaio-ottobre 2022) a livello svizzero, a 461 in Ticino (-7%) e a 81 nei Grigioni (-31%).

Se diverse aziende devono abbassare le saracinesche, non poche al contrario aprono i battenti: le nuove iscrizioni al registro di commercio nella Confederazione sono state 45'542 nel periodo in esame, valore in progressione del 4% su base annua. Maggiore dinamismo viene mostrato dai Grigioni (+17% a 977), mentre il Ticino segna +1% (a 1879).

COMMENTI
 

Hassine 2 mesi fa su tio
Falso fallimento per non pagare tasse e personali e poi vanno aprire con altri nome.... la mafia continua si la legge li da il diritto di esistere

Bred 2 mesi fa su tio
Benvenuta impresa...Addio impresa!

gadoal 2 mesi fa su tio
6.6% (285 su 4311) sul totale dei fallimenti a livello svizzero, a fronte di un valore del 4% della popolazione (350K su 8.7Milioni) sul totale. un bel valore statistico di tutto rispetto per il nostro Cantone.

Lina 2 mesi fa su tio
Avete sparato nella gamba con questi sanzioni , pou senza ragione.

NelloX 2 mesi fa su tio
Le aziende fasulle che hanno aperto e chiuso dopo poco tempo in Ticino son state lo strumento per evitare lo scudo italiano e fare riemergere i soldi in nero depositati in Svizzera colla complicità delle autorità Ticinesi e di quei furbetti di leghisti che hanno inoltre rifiutato un' amnistia fiscale generale. meditate gente

Bred 2 mesi fa su tio
Risposta a NelloX
Sono assolutamente d'accordo ma la responsabilità è di tutti i diretti interessati, Lega e non Lega.

vulpus 2 mesi fa su tio
Altra statistica parziale per non dire farlocca. La convinzione che le ditte serie, anche piccole continuano ad essere piene di lavoro. Falliscono i furbi, quelli che speculano sui preventivi e poi non ci stanno, falliscono quelli che imbrogliano. E hanno ragione quelli che attirano l'attenzione sulle mcessioni delle aziende. Dempre più aprono per mesi, senza operare e poi chiudono, e poi fanno lo stesso gioco da un'altra parte.

NelloX 2 mesi fa su tio
Manco finanziano col debito l aumento delle spese per la difesa del paese in pieno conflitto Ucraino .Propongono aumentare le tasse. lo status quo dell' UDC e di KKS , loro serva traduttrice . Attirano aziende e privati forfettari, non lasciano fallire Credit Suisse e spremono chi lavora come servi della gleba. I langfotti bernesi con alla testa il ticinese Chiesa chiudono le frontiere per proteggere l'unica specie che lo merita, i contadini svizzeri, i veri svizzeri . Un modello di successo.

NelloX 2 mesi fa su tio
Lo stato rifiuta d indebitarsi sotto la spinta reazionaria dell' UDC trasferendo ogni spesa sul borsello degli svizzeri. Che poi son tutti contribuenti dall' estero

NelloX 2 mesi fa su tio
Vai Chiesa , rimarrai solo colla tua pensione da onorevole . Per una Svizzera più forte , un franco più forte . Crollerà con un impatto devastante

CHGordola 2 mesi fa su tio
Sarebbe interessante che la statistica mostri anche i settori che stanno perdendo più aziende così da capire se la crisi è globale o per esempio di più un settore specifico (esempio; settore alberghiero, commercio al dettaglio, ristoranti e bar, ...).

F/A-19 2 mesi fa su tio
Ci sono aziende che chiudono per concorrenza sleale operata da nuove aziende in odor di mafia ma che nessuno pensa di indagare perché mancano sopratutto leggi appropriate. Di fatto si sta assistendo alla sostituzione di aziende oneste con aziende che hanno come fine principale il riciclo di denaro sporco. Purtroppo in ticino si mette molto impegno a tirar su soldi con i radar o con i posteggi.

Bandito976 2 mesi fa su tio
Ne dovranno ancora chiudere. Con tutti gli aumenti, la torta é all'osso

Roggino 2 mesi fa su tio
E quante hanno riaperto con le stesse attrezzature, strutture aziendali e personaggi di quelle fallite?! 😏

curiuus 2 mesi fa su tio
Risposta a Roggino
Appunto.... 🤣
NOTIZIE PIÙ LETTE