Cerca e trova immobili

SVIZZERAOrologi, calano ancora le esportazioni

20.06.24 - 09:31
Anche nello scorso mese di maggio si è registrato un calo nelle vendite
Foto Deposit
Fonte ATS
Orologi, calano ancora le esportazioni
Anche nello scorso mese di maggio si è registrato un calo nelle vendite

GINEVRA - Nel mese di maggio i produttori svizzeri di orologi hanno nuovamente esportato meno all'estero. Sebbene gli ordini dagli Stati Uniti, il più grande mercato di vendita, si siano mantenuti pressoché invariati, le esportazioni verso la Cina si sono indebolite.

L'export di orologi svizzeri è diminuito del 2,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, raggiungendo i 2,29 miliardi di franchi a maggio, hanno indicato oggi l'Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (UDSC) e la Federazione dell'industria orologiera svizzera (FH).

La tendenza osservata nei primi quattro mesi dell'anno è quindi proseguita, ha spiegato la FH in merito ai dati di maggio. Dopo cinque mesi, le esportazioni erano quindi inferiori del 2,5% rispetto al livello record dell'anno precedente.

L'inizio del 2024 è stato contrastato per il settore: le esportazioni si sono ridotte del 16% a marzo e di poco meno del 4% a febbraio. A gennaio (+3%) e ad aprile (+4,5%), invece, l'export di orologi "Made in Switzerland" è leggermente aumentato.

Gli orologi in acciaio, in calo del 7,6%, hanno penalizzato il risultato complessivo, mentre i prodotti in "altri metalli" hanno registrato una crescita del 9,9% e quelli in metalli preziosi dell'1,6%.

Stabile il principale mercato di vendita - Nel mese di maggio, la domanda stabile di orologi svizzeri negli Stati Uniti è stata sostenuta in particolare dagli affari di Rolex, Omega e Co. In quello che è di gran lunga il più grande mercato di vendita per l'industria, le esportazioni sono diminuite di appena lo 0,5%, raggiungendo i 359,2 milioni di franchi.

Le vendite sono aumentate anche in altri grandi mercati come il Giappone (+5,8%) e la Francia (+18%).

Calo in Cina - Per contro, l'attività in Cina è stata ancora una volta debole. Le esportazioni di orologi sia verso la Cina continentale (-18%) che verso Hong Kong (-22,7%) hanno subito un calo a due cifre.

In termini di categorie di prezzo, gli orologi di lusso sono stati - come sempre - quelli più richiesti. Gli orologi con un prezzo di esportazione superiore a 3'000 franchi hanno registrato un aumento del valore dello 0,7%. Anche gli orologi di valore compreso tra 200 e 500 franchi hanno registrato una crescita del 3,9%.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE