Cerca e trova immobili

ZURIGOErmotti sui licenziamenti: «Troveranno rapidamente un nuovo lavoro»

31.08.23 - 12:07
3000 licenziamenti annunciati e ulteriori tagli all'orizzonte. La scure soprattutto a Zurigo, impatto in Ticino «gestibile».
TiPress
Fonte ats, Rsi
Ermotti sui licenziamenti: «Troveranno rapidamente un nuovo lavoro»
3000 licenziamenti annunciati e ulteriori tagli all'orizzonte. La scure soprattutto a Zurigo, impatto in Ticino «gestibile».

ZURIGO - Addio a Credit Suisse (CS): le ultime speranze di chi auspicava ancora un'entità elvetica indipendente in seno alla galassia UBS si sono infrante oggi, con l'annuncio della completa integrazione. L'operazione porterà a 3000 licenziamenti in Svizzera. Intanto UBS realizza un utile trimestrale stellare, grazie all'acquisizione di un concorrente - con l'aiuto di garanzie statali - a prezzo di sconto.

«La miglior soluzione possibile»

La soluzione scelta - fusione completa - è di gran lunga la migliore possibile, ha affermato il Ceo Sergio Ermotti in teleconferenza. È anche la più favorevole per i clienti. Le analisi effettuate negli scorsi mesi hanno confermato la necessità dell'acquisizione. Per CS non era solo una questione di liquidità: l'istituto non avrebbe più potuto sopravvivere da solo, ha argomentato il 63enne.

Licenziamenti «inevitabili»

Ogni impiego cancellato è doloroso, ha aggiunto il dirigente. Ma la soppressione di posti - 1000 riguardano l'integrazione di CS Svizzera nel gruppo bancario, mentre altri 2000 concernono altre aree di attività locali dell'istituto rilevato - viene considerata inevitabile. Va peraltro rilevato che l'organico di CS si era già ridotta in modo sostanziale negli ultimi mesi a causa della forte fluttuazione: a metà anno 8000 persone in meno lavoravano per CS rispetto alla fine del 2022, ha indicato il responsabile delle finanze Todd Tuckner.

Ulteriori tagli all'orizzonte

E all'orizzonte potrebbero esserci ulteriori tagli: UBS ha infatti annunciato oggi che entro il 2026 intende ridurre i costi di 10 miliardi di dollari (la valuta in cui tiene i conti), un valore superiore agli 8 miliardi fin qui ventilati dalla dirigenza. A titolo di confronto gli interi oneri di Credit Suisse sono ammontati nel 2022 a 18 miliardi. Il portale Inside Paradeplatz ha già messo online un calcolo speculativo, secondo cui il programma di risparmio dovrebbe comportare nei prossimi anni la cancellazione di 30-35'000 posti. In Svizzera - sempre secondo questa fonte - sarebbero a rischio 10'000 impieghi.

Ermotti, in ogni caso, è fiducioso per quanto riguarda il futuro dei dipendenti interessati dai tagli: «I collaboratori che hanno lavorato presso UBS e CS e sono colpiti dal licenziamento troveranno rapidamente un nuovo lavoro», ha affermato.

Toccata soprattutto Zurigo, in Ticino impatto «gestibile»

Come riportato oggi dalla RSI, i tagli maggiori dovrebbero interessare soprattutto l'area di Zurigo. A confermarlo è Natalia Ferrara, co-direttrice dell’Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB). Per quanto riguarda il Ticino, già toccato dai licenziamenti negli scorsi anni, Ferrara parla di un possibile impatto «gestibile», confermando il coinvolgimento delle autorità «per far si che le persone siano concretamente accompagnate e aiutate».

 Intanto utili da primato

Nel frattempo UBS archivia un utile da primato, nel secondo trimestre, proprio grazie all'acquisizione di CS: la grande banca ha conseguito un profitto netto di 28,9 miliardi di dollari (25,4 miliardi di franchi) che include un utile contabile di pari importo derivante dal fatto che l'istituto concorrente è stato rilevato a un prezzo nettamente inferiore al suo valore. Al netto di questo fattore - il cosiddetto goodwill (avviamento) negativo - nonché delle spese legate all'integrazione e degli oneri di acquisizione, l'utile ante imposte del gruppo è stato di 1,1 miliardi di dollari.

Il guadagno netto della sola UBS si è attestato a 2,0 miliardi, in linea con i 2,1 miliardi dello stesso periodo del 2022. Per il solo CS, che da giugno appartiene ufficialmente al nuovo gruppo UBS, si registra una perdita ante imposte di 8,9 miliardi di dollari, che scende a 4,3 miliardi escludendo gli effetti legati all'acquisizione.

La base di clientela di Credit Suisse si è «sostanzialmente stabilizzata», con una raccolta netta di depositi di 18 miliardi nel periodo aprile-giugno e un andamento positivo che sta proseguendo anche nel terzo trimestre, si legge nel comunicato diffuso di primo mattino. UBS ha da parte sua continuato ad attrarre denaro: nell'amministrazione patrimoniale ha raggiunto il più alto afflusso netto di nuovi capitali in un secondo trimestre da oltre dieci anni a questa parte, con 16 miliardi di dollari. Anche in questo caso, lo slancio continua. In totale, a fine giugno il gruppo UBS aveva in gestione patrimoni per 5530 miliardi di dollari, rispetto ai 4184 miliardi di fine marzo, cioè prima dell'acquisizione di CS.

Ottimismo per il futuro degli affari

La banca è ottimista anche per quanto concerne il futuro degli affari: le incertezze rimangono, ma la fiducia dei clienti nella gestione patrimoniale è migliorata. «Prevediamo flussi netti positivi di nuovi attivi nelle nostre attività di gestione patrimoniale e asset management», dicono i vertici.

«A due mesi e mezzo dalla chiusura dell'acquisizione di Credit Suisse, non sprechiamo tempo per creare vero valore per tutti i nostri stakeholder» - letteralmente portatori di interesse: termine che include azionisti, clienti, dipendenti, ecc. - «da una delle fusioni bancarie più grandi e complesse della storia», afferma Ermotti, citato nella nota. «Stiamo riconquistando la fiducia dei clienti, riducendo i costi e intraprendendo le azioni necessarie per realizzare economie di scala che ci permetteranno di focalizzare meglio le nostre risorse e indirizzare gli investimenti per la crescita futura», ha proseguito il manager che ha assunto la guida operativa del gruppo il 5 aprile (dopo essere già stato Ceo dal novembre 2011 all'ottobre 2020). «Questa combinazione rafforzerà la nostra posizione globale come azienda di primo piano: una di cui il nostro mercato svizzero può essere orgoglioso», si dice convinto Ermotti. «Siamo onorati di questo compito e della responsabilità che ci è stata affidata».

Il titolo guadagna in borsa

Gli investitori gli stanno per il momento dando ragione: alla borsa di Zurigo il titolo UBS guadagnava in mattinata circa il 6%, con l'azione scambiata a oltre 23 franchi: per tornare a questi livelli bisogna risalire al 2008. Da notare che 20 marzo, cioè all'indomani dell'annuncio (domenicale) dell'acquisizione di CS, il titolo UBS aveva toccato un minimo dell'anno a 14,38 franchi. Da allora però fortemente aumentato. La performance da inizio 2023 è ora del +29%.

Il Consiglio di Stato zurighese: «La miglior soluzione possibile»

La completa integrazione di Credit Suisse in UBS era la migliore soluzione possibile. È l'opinione del Consiglio di Stato zurighese, il quale si rammarica tuttavia della soppressione di posti di lavoro. Detto ciò, l'esecutivo si dice fiducioso, visto il piano sociale e il contesto di mercato del lavoro favorevole.

Berna: «Dietro ogni licenziamento c'è una persona e una famiglia»

Il Consiglio federale «deplora» i licenziamenti decisi in seguito all'acquisizione di Credit Suisse (CS) da parte di UBS. «Dietro ogni taglio di un posto di lavoro ci sono persone e famiglie», si legge in una dichiarazione scritta del governo. L'Esecutivo ricorda le sue aspettative, formulate in marzo, secondo le quali occorre cercare soluzioni socialmente accettabili per la riduzione dei posti di lavoro e rispettare gli obblighi esistenti. 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Ciulindo.47 10 mesi fa su tio
Dobbiamo sempre ricordarci che un Paese é tanto più moderno quanto più libera forza lavoro, non quanto più ne impiega. Un tempo, nel settore primario, era impegnata più del 95% della popolazione attiva. Ora, nei Paesi più sviluppati, siamo a circa il 3-4%. In altre parole, tre contadini sfamano 97 persone. Stesso destino è in corso nel settore secondario e terziario. Il mito del lavoro ha la sua traiettoria già segnata. Nel 2010, durante una conferenza, Jeremy Rifkin aveva affermato che, se l’evoluzione della tecnologia fosse continuata come negli ultimi 15 anni, a breve, per generare il 100% del PIL mondiale sarebbe bastato il 5% della popolazione. Ma intanto ottimismo per il futuro degli affari... Evidente! Perché le banche, come d’altronde tutto il mondo del “business”, non riesce a vedere altro che il profitto e la crescita infinita. Ma intanto il sistema traballa. Il PIL mondiale ammonta a circa 80 mila miliardi di dollari mentre il capitale fittizio impegnato in derivati si stima arrivi a circa 2,5 milioni di miliardi di dollari. Stime, perché la maggior parte di questi capitali sono gestiti da algoritmi e si muovono su circuiti finanziari che nessuno più controlla A ciò si aggiungono i debiti, nazionali, federali e delle famiglie, che raggiungono cifre strabilianti: secondo i dati dell’Istitute of International Finance, alla fine del 2021 il debito globale aveva raggiunto il 350% del PIL globale, e sta continuando a salire. Altro che ottimismo per il futuro degli affari!

Righe76 10 mesi fa su tio
Caro sig. Ermotti, non faccia promesse che non può mantenere, anche se alza il dito non ci si può nascondere dietro.

Kai1979 10 mesi fa su tio
Cara Svizzera è giunta ora di tassare come si deve chi in questo periodo dal 2019 si è fatto le palle dorate! Tassateli come si deve e vedere che qualche soldino a noi poveracci rimane in tasca

Kai1979 10 mesi fa su tio
Ma scusate utile di 25 miliardi? E licenziano? … 3000 stipendi a 5500.- solo 160 milioni all’anno… avrebbe lavoro con questo utile per 30 anni… garantito Certo mandate via 3000 per assumere una mermotta da 2mio di bonus? Bonus per cosa? Per gli utili? Sono capace anche io licenziare e far vedere che creo utili pure io… Mandria di ladri… togliete i soldi dalle banche fidatevi sotto il cuscino… così non ne le tocca nessuno Boicottate le banche… unica impresa che non genera profitto ma mettiamo in situazioni qualcuno che con il sedere degli altri riesce a fare il omosessuale

Gio58 10 mesi fa su tio
UBS ha conseguito un utile di 25 miliardi di franchi grazie al contabilizzo di un goodwill negativo di pari importo. Significa che UBS ha ottenuto gratis un bene che valeva ancora parecchio. Ma se il CS aveva quel valore come mai il Consiglio Federale, la BNS e la FINMA non lo hanno "salvato"?

El Lobo loco 10 mesi fa su tio
Un nuovo lavoro ? Sì certamente, in miniera 😅

Princi 10 mesi fa su tio
il suo stipendio basterebbe a mantenerli tutti e 3000

belaolga 10 mesi fa su tio
lo troveranno......bravo caro...posotivo come un siringa del 2020

Tirasass 10 mesi fa su tio
Se lo dice lui che troveranno un nuovo lavoro allora possiamo star tranquilli🤣. Intanto scarica i costi per la ripresa del valore delle azioni (a favore dei guadagni dei grandi azionisti) sul sistema sociale della disoccupazione svizzera. Una vera novità🤣

W.Bernasconi 10 mesi fa su tio
«Stiamo riconquistando la fiducia dei clienti”.. Si certo… la gente non scorda il c a s i n o Swissair e in seguito quello del 2007/2008.. Ermotti finge che siamo ancora negli anni 80 e 90.. anzi la piazza finanziaria si è ulteriormente ingrandita (..).. purtroppo i licenziati troveranno più facilmente l’ufficio del lavoro più vicino anziché il lavoro!

gigipippa 10 mesi fa su tio
Vorrei precisare che licenziare resta pur sempre uno dei lavori più semplici e non sono richieste competenze particolari. In svizzera poi il compito di transitare le persone colpite da un licenziamento verso un nuovo impiego, se lo assumono i dipendenti stessi pagando in anticipo le trattenute per la disoccupazione. Contrariamente Il lavoro difficile è quello di fare crescere e mantenere sana un`azienda nel tempo. Non tutti ci riescono, e spesso sono i Lavoratori più onesti a pagarne le conseguenze.

Killian12 10 mesi fa su tio
Risposta a gigipippa
E’ anche molto facile comprare a 3 miliardi (con aiuti di Stato) ciò che vale in realtà molto di più

Capra 10 mesi fa su tio
Ermotti delusione 🫤 immensa! Come fai a dire…una cosa del genere??? Preferisco non avere soldi 💰 ma non parlare a vanvera

pegis 10 mesi fa su tio
Se ho ben capito il Signor Ermotti si priva del suo stipendio per mantenerli tutti, certo 14 milioni sono tanti e fa una bella beneficenza.

Clo62 10 mesi fa su tio
Risposta a pegis
Ha accettato l’incarico per 2 milioni!!!!

pegis 10 mesi fa su tio
Risposta a Clo62
Ero rimasto indietro di qualche anno fa, allora erano 14 milioni.

Elveg 10 mesi fa su tio
Risposta a Clo62
Già per fare un emerito c…..!!!!

teamsabotage 10 mesi fa su tio
In breve sintesi, UBS ha ricattato il consiglio federale (malgrado in tempi recenti fosse proprio lo stato ad aver evitato la loro bancarotta) e portato a casa la sua concorrente al costo di una ciotola di riso e azzerando i risparmi di molti piccoli investitori, hanno conseguito utili miliardari proprio grazie a questa acquisizione e scaricato migliaia di dipendenti a carico delle casse di disoccupazione (ergo sempre sulle spalle dello stato, che siamo noi tutti), in futuro ripeteranno l'esercizio di tagliare posti e, come recitava la loro infelice campagno pubblicitaria degli anni in cui saltava fuori uno scandalo dietro l'altro ....e non ci fermeremo. Ma alla fine mi chiedo... ma c'é veramente ancora gente che affida i propri risparmi a certi istituti?

Livio 10 mesi fa su tio
Troveranno subito il lavoro…. In caso contrario li mantiene UBS questo sarebbe corretto !

Callaghan 10 mesi fa su tio
Ermotti....sii grande, finisci la frase con : e se dei tremila qualcuno resta a piedi lo assumo io. Caro Ermotti ti vedo bene duettare con Mina. PAROLE PAROLE PAROLE......

SO2 10 mesi fa su tio
il consiglio federale invece di deplorare adesso, doveva mettere condizioni all aiuto statale

Clo62 10 mesi fa su tio
Ma quante parole inutili, è dal crac della quotazione dei tulipani che si fanno gli stessi discorsi, ma la terra continua a girare e tra alti e bassi il capitalismo ci fa stare più che bene.

ilarios 10 mesi fa su tio
I C-level di US e di Credit Suisse sono pagati almeno 250 volte in piu del dipendente di fascia piu bassa. Ma i rischi restano sulle spalle delle fasce piu basse. Fate due conti. Ogni c-level lavora li cinque anni, fa cose schifosissime e se ne va, tanto i suoi bei milioni se li e' messi da parte.

Milite Ignoto 10 mesi fa su tio
Risposta a ilarios
Giusto così…

Mamom77 10 mesi fa su tio
Parlano i milionari. A questa gente sarebbe d’obbligo farla vivere 1 mese (al posto di un operaio) con uno stipendio Ticinese con affitto e tutte le spese mensili. Magari dico magari toccando di persona la realtà di chi mandano in miseria, imparano realtà a loro sconosciute anzi inesistenti

GC75 10 mesi fa su tio
Chi ha combinato questo disastro è stato accompagnato alla porta con un "buona uscita" guadagnandoci comunque.....3000 persone oggi e altre domani dovranno cercarsi un nuovo lavoro, sperando che lo trovino, MA intanto qualche fortunello e/o furbacchione si sfrega le mani contando gli utili e il rialzo in borsa....BRAVI! i poveri sempre più poveri, i ricchi sempre più ricchi....e il capitalismo avanza!

Pagno 10 mesi fa su tio
Provate a cercare nella nuova banca creata da Putin. Però non so con che moneta pagheranno gli stipendi.

Voilà 10 mesi fa su tio
Già, nel terziario c'è una forte richiesta di personale! Il prossimo CEO andate a prenderlo nel Burundi, e se UBS dovesse fallire tutto l'oro della BNS non basterà a sistemare le cose.

Killian12 10 mesi fa su tio
Risposta a Voilà
Perché non nel Burkina Faso?

Rusky 10 mesi fa su tio
ahhh le meraviglie del capitalismo come da copione !

vox_scriptum 10 mesi fa su tio
come al solito, gli errori manageriali, delle banche, fatti in tutti questi anni, li paghiamo noi, il sistema bancario elvetico é marcio e corrotto da anni…..

navy 10 mesi fa su tio
Certo che prendersela con Ermotti è davvero assurdo….del resto lui che è già milionario di suo dovrebbe sistemare i disastri di altri a gratis?!?! Chi commenta, spesso, non valuta la storia dei ultimi 10 anni di CS. Andate a cercare e criticare gli allora TOP MANAGER stranieri prima di criticare Mister e Signore Ermotti. Fate quello e POI il resto.

Rusky 10 mesi fa su tio
Risposta a navy
navy: infatti i megadirettori pagati con cifre astronomiche ma che hanno fatto solo danni, loro se ne fregano !

Veveve 10 mesi fa su tio
Risposta a navy
Nessuno penso che dia la colpa ad Ermotti però certi commenti potrebbe evitarli… lo sanno tutti che trovare un altro posto sarà un’utopia pertanto era meglio tacere faceva più bella figura!

Capra 10 mesi fa su tio
Risposta a navy
Navy! Si vede che di soldi 💰 non ne ha mai abbastanza! Mica obbligato

Capra 10 mesi fa su tio
Risposta a navy
Uscita del signor Ermotti molto infelice ….

Capra 10 mesi fa su tio
Risposta a navy
L’ho sempre stimata, ma se non troveranno lavoro…poteva evitare! Malissimo

Capra 10 mesi fa su tio
Risposta a Capra
Navy! Decisamente 😗

Lukas82 10 mesi fa su tio
Certo, anche le famiglie mangeranno e pagheranno gli affitti o ipoteca con questa promessa. Grazie Ermotti per questa frase così carica di positività

Lux Von Alchemy 10 mesi fa su tio
Non c’è dubbio che gli “errori” del CS e le avide speculazioni a suo discapito abbiano fatto naufragare ogni futuro di quella banda, scusate, banca. Ora, sempre la logica dell’avido profitto a discapito della creazione o del mantenimento dei posti di lavoro, porterà ad alcuni danni all’economia Svizzera. Poi se lo stipendio del CEO di Ubs e del resto dei compagni di merenda equivale allo stipendio medio di 3-4mila dei posti di lavoro soppressi vi si può anche passar oltre.

Se7en 10 mesi fa su tio
…. Il mio discorso di prima é in parte una presa di posizione “generale” …! Capisco che questi licenziamenti sono causati per un esubero nei vari settori di attività…., comunque sia, sono sempre 3’000 persone adesso e altri 10’000 a breve, sempre in Svizzera. 😳

Yoebar 10 mesi fa su tio
Ermotti

Yoebar 10 mesi fa su tio
Remoti sempre più ricco 😂

Se7en 10 mesi fa su tio
🫣… non tutti si chiamano “Ermotti” che trovano rapidamente un nuovo posto di lavoro….! Voglio proprio vedere di quelle 3’000 persone, quante troveranno un nuovo datore di lavoro…! E poi mi chiedo, come mai i posti saltano sempre in Svizzera? Tutte le filiale ubicate nel resto del mondo, dove peraltro hanno creato maggiori casini, vedi multe ultra miliardarie pagate in passato dall’istituto tra UBS e CS …, queste persone continuano a lavorare? Tagliate laddove dei manager hanno causato multe miliardarie e non sempre e solo gli impiegati “semplici” poi guarda caso sempre in Svizzera tagliano…! Mah … meglio fare come tanti 🙈🙉🙊

Bionda 10 mesi fa su tio
caro sig. ermotti quelli che non lo tr9veranno sarà sua premura allora cercarlo suppongo.

blitz65 10 mesi fa su tio
Ferrara Micocci se ci sei.batti un colpo

Hammer 10 mesi fa su tio
Fanno piangere anche i paracarri

Bionda 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
altrocche

Nico66 10 mesi fa su tio
io direi che perderanno rapidamente un lavoro, poi non è più affare dei CEO.

UtenteTio 10 mesi fa su tio
Si fanno dare una benna piena di soldi dalla Confederazione e adesso salta fuori che hanno fatto utili stellari, nonostante la bella fregatura dellea azioni CS e che mai nessuno andrà a fondo alla storia. I più furbi, dubito che non sapevano nulla (come non sapevano nulla i sindacati e politici, forse dormivano per convenienza), non per nulla hanno abbandonato la barca piena di buchi e rappezzi. Certo che affidarsi ancora a brillanti manager che hanno portato al fallimento una banca, io me ne guarderei bene nel dare fiducia ad una UBS, a meno che non dicano apertamente che li hanno licenziati, ma ne usciranno cmq con le tasche piene. Spero che UBS non vada a prendere qualche manager ivoriano.

Milite Ignoto 10 mesi fa su tio
Risposta a UtenteTio
I soldi li hanno ridati e comprare azione fa parte della speculazione, sai che puoi perderli e dulcis in fundo a zurigo fanno una class Action… il buon senso dice prima di informarsi e poi arieggiare

Gimmi 10 mesi fa su tio
Troveranno rapidamente lavoro......

Bionda 10 mesi fa su tio
Risposta a Gimmi
già. e se non lo troviamo ce lo cercherà sig ermotti
NOTIZIE PIÙ LETTE