Immobili
Veicoli

ZURIGOCredit Suisse rassicura i dipendenti

25.09.22 - 20:27
«Siamo consapevoli che questo periodo di grande incertezza rappresenta un ulteriore onere per i dipendenti»
Reuters
Fonte Ats
Credit Suisse rassicura i dipendenti
«Siamo consapevoli che questo periodo di grande incertezza rappresenta un ulteriore onere per i dipendenti»

ZURIGO - La direzione di Credit Suisse ha pubblicato un memorandum interno per tentare di rassicurare i suoi dipendenti, dopo una settimana turbolenta segnata da diverse speculazioni sul futuro della banca e un crollo dell'azione ai minimi di sempre a poco più di 4 franchi.

Il Ceo Ulrich Körner e il presidente del consiglio di amministrazione Axel Lehmann hanno firmato il memorandum, che conferma il programma di revisione strategica del gruppo.

Le speculazioni diffuse dai media hanno «naturalmente» portato a domande da parte di clienti e colleghi sull'orientamento futuro della banca, ha ammesso la direzione dell'istituto nella nota, una copia della quale è stata ottenuta dall'AWP. «Siamo consapevoli che questo periodo di grande incertezza per l'intera azienda rappresenta un ulteriore onere per i dipendenti».

Informazioni a fine ottobre

La banca si è prefissata un programma ambizioso e ha chiarito che tutte le opzioni verranno considerate in modo approfondito e attento. Credit Suisse ha annunciato la revisione strategica a luglio e ha dichiarato che avrebbe comunicato i risultati il 27 ottobre, in occasione della presentazione dei risultati del terzo trimestre.

Secondo la nota, la priorità rimane quella di offrire servizi di prima classe ai clienti e, a tal fine, di ripristinare la reputazione e la capacità finanziaria della banca.

Nell'ultima settimana, numerosi articoli sulle testate giornalistiche hanno causato una notevole incertezza nel mercato, come la notizia dell'eventuale smantellamento della banca d'investimento.

Deprezzamento dell'azione

Le speculazioni su un possibile aumento di capitale multimiliardario hanno aumentato la pressione.

Giovedì pomeriggio, Reuters ha riportato che la numero due delle banche elvetiche, che ha avuto difficoltà ricorrenti e ha intrapreso un'importante ristrutturazione, ha discusso per diverse settimane con importanti investitori in vista di un aumento di capitale di diversi miliardi, secondo fonti vicine alla questione.

Questo ha pesato molto sul titolo Credit Suisse, che ha chiuso la sessione di venerdì in calo del 12,4% a 4,07 franchi, dopo aver toccato un nuovo minimo storico a 4,04 franchi durante la giornata. Il giorno prima aveva già stabilito un nuovo minimo storico chiudendo a 4,37 franchi. La debolezza dello SMI (-1,55%) non ha salvato il titolo della seconda banca svizzera.

Dall'inizio dell'anno, il prezzo delle azioni della banca si è deprezzato di quasi la metà. A titolo di confronto, il titolo della principale rivale UBS - in calo del 4,4% a 14,57 franchi venerdì - ha perso meno del 10% del suo valore nello stesso periodo.
 
 

NOTIZIE PIÙ LETTE