Roche
Per celebrare l'anniversario, sono previste animazioni sulla torre Roche di Basilea.
ULTIME NOTIZIE Economia
GERMANIA
4 ore
Lufthansa, aumento di capitale da 2,14 miliardi
Operazione decisa per poter restituire gli aiuti statali, come annunciato dal gruppo
MONDO
14 ore
La città più sicura al mondo è Copenhagen
Zurigo, la prima città svizzera citata dallo studio, si posiziona al 19esimo posto
STATI UNITI
1 gior
Addio alle password, svolta per Microsoft
Sarà necessario installare l'app Authenticator, e collegare il proprio account
PAESI BASSI
1 gior
Fare una transazione in Bitcoin? «È come buttare nel cestino due iPhone»
Una nuova analisi mette in evidenza il problema dei rifiuti tecnologici generati dalla criptovaluta
SVIZZERA
2 gior
Dentro Logitech, fuori Swatch: come cambia l'SMI
La Borsa di Zurigo segue le evoluzioni provocate dalla pandemia
STATI UNITI
2 gior
Dati manipolati per favorire la Cina? Bufera su Georgieva
Il caso riguarda i rapporti 2018 e 2020 di "Doing Business", realizzati dalla Banca Mondiale
SVIZZERA
2 gior
Nuove case da gioco, decisione non prima di un anno
Quelle in essere scadranno il 31 dicembre 2024
SVIZZERA
2 gior
«Oggi non siamo d'accordo su cosa significhi sostenibilità»
Servono regole globali così da evitare le accuse di 'greenwashing', secondo la responsabile UBS per l'Europa
SVIZZERA
2 gior
Il Covid fa trasformare Ricola, «in arrivo nuovi prodotti»
Il celebre marchio elvetico sta per lanciare una nuova linea di caramelle
CINA
2 gior
Evergrande, un altro pesante tonfo in Borsa: -13%
L'azienda è ancora in bilico tra un disastroso tracollo, un collasso gestito, o un salvataggio del Governo
Stati Uniti
2 gior
Le Pagine Gialle sbarcano su WhatsApp, in arrivo pubblicità e Marketplace
L'azienda di messaggistica vuole sfruttare la crescita dei negozi nell'online, esplosa durante la pandemia
Irlanda
3 gior
Ryanair apre 5'000 nuove posizioni per il personale di bordo
La compagnia torna alla carica a discapito di chi non ce l'ha fatta o ha ridotto l'offerta
SVIZZERA
10.09.2021 - 11:000

Quest'anno Roche spegne 125 candeline

Oggi Roche impiega oltre 100'000 persone e genera un fatturato annuo di quasi 60 miliardi di franchi

BASILEA - Roche celebra quest'anno il 125esimo anniversario della sua fondazione. Per quattro giorni a partire dal 28 settembre, il gigante farmaceutico proietterà animazioni tridimensionali sulla torre della sua sede di Basilea, accompagnate dalla musica suonata dall'orchestra sinfonica della città.

Dalla sua fondazione da parte di Fritz Hoffmann-La Roche (1868-1920), l'azienda renana ha fatto molta strada diventando uno dei più grandi gruppi farmaceutici del mondo, che oggi impiega più di 100'000 persone e genera un fatturato annuo di quasi 60 miliardi di franchi svizzeri.

Il giovane Fritz Hoffmann, figlio dell'alta società di Basilea, svolse il suo primo apprendistato come impiegato di banca nel 1886, che completò poi con una formazione presso la farmacia Bohny, Hollinger & Co. Lavorando per una drogheria di Amburgo, fu confrontato con un'epidemia di colera nella città della Germania settentrionale prima di tornare a Basilea dopo un periodo di quarantena. Dopo aver sposato Adèle La Roche, divenne socio della farmacia Bohny, Hollinger & Co. dove assunse la direzione del laboratorio chimico. Tuttavia, dopo aver litigato con gli altri proprietari, comprò il laboratorio con denaro preso in prestito dal padre e il 1. ottobre 1896 ribattezzò la società F. Hoffmann-La Roche & Co.

La giovane azienda raggiunse rapidamente il successo con il suo primo preparato, lo sciroppo per la tosse "Sirolin". Insieme al suo socio in affari Carl Meerwein, Fritz Hoffmann-La Roche stabilì filiali in Europa e oltreoceano all'inizio del 20esimo secolo, tra cui Parigi, Milano, New York, San Pietroburgo e Londra.

Ma l'azienda dovette affrontare difficoltà finanziarie dopo la Prima Guerra mondiale e la rivoluzione bolscevica in Russia. Nel 1920, Fritz Hoffmann-La Roche morì dopo una malattia renale. L'azienda tornò ad avere successo a partire dal 1930 con la produzione di vitamine.

Dopo la Seconda Guerra mondiale, Roche intensificò la ricerca farmaceutica per ridurre la sua dipendenza dal settore delle vitamine. Nel 1968, l'azienda renana entrò nel campo della diagnostica, concentrandosi sullo sviluppo di test e attrezzature di analisi.

Anche se i farmaci sviluppati da Hoffmann-La Roche hanno salvato molte vite, la storia dell'azienda non è priva di battute d'arresto. La principale è forse quella del 1976, con il grave incidente chimico di Seveso, a nord di Milano. Dalla fabbrica Icmesa di proprietà di Givaudan, allora una filiale del gruppo Roche, fuoriuscì una nuvola di diossina e soda caustica, componenti tossici destinati alla produzione di un erbicida, che contaminò l'area intorno al sito, causando il ricovero di molti bambini e la morte di diverse decine di migliaia di animali da allevamento.

L'incidente, molto mediatizzato, fu causato dalla mancanza di un piano di emergenza in caso di surriscaldamento di un reattore. Come risarcimento, il gruppo di Basilea e le sue filiali hanno pagato più di 300 milioni di franchi ai quattro comuni colpiti, alla Regione Lombardia, allo Stato italiano e a più di 7'000 privati. Due dirigenti dell'Icmesa sono stati condannati con la condizionale nel 1985.

Poco prima dell'inizio del nuovo millennio, è venuto alla luce un cartello di vitamine: la Roche è stata multata per 750 milioni di franchi svizzeri negli Stati Uniti. Nel 2001, la Commissione europea ha multato la società renana per 462 milioni di euro per aver fissato i prezzi dei preparati vitaminici. L'anno seguente, il gruppo ha venduto questo comparto dopo aver diviso le sue divisioni vitamine, aromi e profumi.

Da allora in poi, Roche si è concentrata sempre più sulla biotecnologia. Nella primavera del 2009, ha acquisito lo specialista biotecnologico americano Genentech per non meno di 47 miliardi di dollari. Con questa acquisizione, il gigante di Basilea è ora il leader mondiale delle biotecnologie.

Il gruppo farmaceutico è cambiato nel corso degli anni, ma una costante è rimasta: la famiglia Hoffmann. Con il 9,3% del capitale sociale e il 50,1% dei voti, la quinta generazione controlla ancora il gruppo.

André Hoffmann è membro del consiglio di amministrazione dal 1996 e vicepresidente dal 2006. Jörg Duschmalé - che rappresenta la prossima generazione di discendenti di Fritz Hoffmann - è entrato nel Cda l'anno scorso.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 01:49:26 | 91.208.130.87