Immobili
Veicoli

SVIZZERAQuest'anno Roche spegne 125 candeline

10.09.21 - 11:00
Oggi Roche impiega oltre 100'000 persone e genera un fatturato annuo di quasi 60 miliardi di franchi
Roche
Fonte ATS
Quest'anno Roche spegne 125 candeline
Oggi Roche impiega oltre 100'000 persone e genera un fatturato annuo di quasi 60 miliardi di franchi

BASILEA - Roche celebra quest'anno il 125esimo anniversario della sua fondazione. Per quattro giorni a partire dal 28 settembre, il gigante farmaceutico proietterà animazioni tridimensionali sulla torre della sua sede di Basilea, accompagnate dalla musica suonata dall'orchestra sinfonica della città.

Dalla sua fondazione da parte di Fritz Hoffmann-La Roche (1868-1920), l'azienda renana ha fatto molta strada diventando uno dei più grandi gruppi farmaceutici del mondo, che oggi impiega più di 100'000 persone e genera un fatturato annuo di quasi 60 miliardi di franchi svizzeri.

Il giovane Fritz Hoffmann, figlio dell'alta società di Basilea, svolse il suo primo apprendistato come impiegato di banca nel 1886, che completò poi con una formazione presso la farmacia Bohny, Hollinger & Co. Lavorando per una drogheria di Amburgo, fu confrontato con un'epidemia di colera nella città della Germania settentrionale prima di tornare a Basilea dopo un periodo di quarantena. Dopo aver sposato Adèle La Roche, divenne socio della farmacia Bohny, Hollinger & Co. dove assunse la direzione del laboratorio chimico. Tuttavia, dopo aver litigato con gli altri proprietari, comprò il laboratorio con denaro preso in prestito dal padre e il 1. ottobre 1896 ribattezzò la società F. Hoffmann-La Roche & Co.

La giovane azienda raggiunse rapidamente il successo con il suo primo preparato, lo sciroppo per la tosse "Sirolin". Insieme al suo socio in affari Carl Meerwein, Fritz Hoffmann-La Roche stabilì filiali in Europa e oltreoceano all'inizio del 20esimo secolo, tra cui Parigi, Milano, New York, San Pietroburgo e Londra.

Ma l'azienda dovette affrontare difficoltà finanziarie dopo la Prima Guerra mondiale e la rivoluzione bolscevica in Russia. Nel 1920, Fritz Hoffmann-La Roche morì dopo una malattia renale. L'azienda tornò ad avere successo a partire dal 1930 con la produzione di vitamine.

Dopo la Seconda Guerra mondiale, Roche intensificò la ricerca farmaceutica per ridurre la sua dipendenza dal settore delle vitamine. Nel 1968, l'azienda renana entrò nel campo della diagnostica, concentrandosi sullo sviluppo di test e attrezzature di analisi.

Anche se i farmaci sviluppati da Hoffmann-La Roche hanno salvato molte vite, la storia dell'azienda non è priva di battute d'arresto. La principale è forse quella del 1976, con il grave incidente chimico di Seveso, a nord di Milano. Dalla fabbrica Icmesa di proprietà di Givaudan, allora una filiale del gruppo Roche, fuoriuscì una nuvola di diossina e soda caustica, componenti tossici destinati alla produzione di un erbicida, che contaminò l'area intorno al sito, causando il ricovero di molti bambini e la morte di diverse decine di migliaia di animali da allevamento.

L'incidente, molto mediatizzato, fu causato dalla mancanza di un piano di emergenza in caso di surriscaldamento di un reattore. Come risarcimento, il gruppo di Basilea e le sue filiali hanno pagato più di 300 milioni di franchi ai quattro comuni colpiti, alla Regione Lombardia, allo Stato italiano e a più di 7'000 privati. Due dirigenti dell'Icmesa sono stati condannati con la condizionale nel 1985.

Poco prima dell'inizio del nuovo millennio, è venuto alla luce un cartello di vitamine: la Roche è stata multata per 750 milioni di franchi svizzeri negli Stati Uniti. Nel 2001, la Commissione europea ha multato la società renana per 462 milioni di euro per aver fissato i prezzi dei preparati vitaminici. L'anno seguente, il gruppo ha venduto questo comparto dopo aver diviso le sue divisioni vitamine, aromi e profumi.

Da allora in poi, Roche si è concentrata sempre più sulla biotecnologia. Nella primavera del 2009, ha acquisito lo specialista biotecnologico americano Genentech per non meno di 47 miliardi di dollari. Con questa acquisizione, il gigante di Basilea è ora il leader mondiale delle biotecnologie.

Il gruppo farmaceutico è cambiato nel corso degli anni, ma una costante è rimasta: la famiglia Hoffmann. Con il 9,3% del capitale sociale e il 50,1% dei voti, la quinta generazione controlla ancora il gruppo.

André Hoffmann è membro del consiglio di amministrazione dal 1996 e vicepresidente dal 2006. Jörg Duschmalé - che rappresenta la prossima generazione di discendenti di Fritz Hoffmann - è entrato nel Cda l'anno scorso.

NOTIZIE PIÙ LETTE