Depositphotos (depositedhar)
Record di fusioni e acquisizioni per le piccole e medie imprese svizzere nel primo semestre 2021.
SVIZZERA
28.07.2021 - 10:130

Voglia di nozze tra piccole e medie imprese svizzere

Zurigo, Berna, Argovia, Zugo e Vaud sono stati i cantoni più dinamici nel primo semestre

ZURIGO - Record di fusioni e acquisizioni che hanno visto protagoniste piccole e medie imprese (PMI) svizzere: nel primo semestre sono state contate 117 operazioni di questo tipo, contro le 72 dello stesso periodo del 2020 e le 95 della prima parte del 2019 prepandemico.

In particolare l'aumento della quota di transazioni transfrontaliere a oltre due terzi (68%, a fronte del 57% del primo semestre dell'anno scorso) riflette la rinnovata fiducia nelle prospettive macroeconomiche, affermano in un comunicato odierno gli specialisti della società di consulenza Deloitte Svizzera, che al tema dedicano un'indagine.

I cinque cantoni più dinamici sono stati Zurigo (23 operazioni), Berna (10), Argovia e Zugo (sei a testa) e Vaud (cinque). Complessivamente l'attività di "mergers and acquisitions" (M&A) che ha visto fra le parti almeno una PMI è stata la più elevata da quando Deloitte monitora il mercato, cioè dal 2013. Anche la progressione annuale si è rivelata la più incisiva.

Deloitte si aspetta che l'attività di M&A rimanga dinamica anche nella seconda metà del 2021. Tuttavia il rischio di un'incombente quarta ondata pandemica sta crescendo, cosa che potrebbe danneggiare la ripresa economica e l'appetito per le transazioni, mettono in guardia gli esperti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 15:07:49 | 91.208.130.85