Immobili
Veicoli

SVIZZERAFino a 550 franchi di risparmio, cambiando carta di credito

06.07.21 - 17:34
Uno studio del servizio Moneyland ha confrontato i costi di 162 carte di credito e prepagate
Keystone
Fino a 550 franchi di risparmio, cambiando carta di credito
Uno studio del servizio Moneyland ha confrontato i costi di 162 carte di credito e prepagate
«Effettuando la scelta giusta si possono risparmiare diverse centinaia di franchi», secondo il Direttore

HORGEN - Le differenze di costi e servizi tra le varie carte di credito e prepagate disponibili in Svizzera «sono impressionanti».

È quanto risulta da uno studio del servizio indipendente di confronto online Moneyland, che ha analizzato e comparato più di 160 carte di credito e prepagate svizzere sull'arco di due anni. Secondo il Ceo dell'istituto, Benjamin Manz, «effettuando la scelta giusta si possono risparmiare diverse centinaia di franchi».

In particolare, comunque, il maggior risparmio riguarda gli svizzeri che si recano piuttosto frequentemente all'estero, e che in taluni casi vengono pesantemente tassati a causa delle commissioni.

550 franchi di risparmio
Secondo i risultati dello studio, gli utenti occasionali (coloro che fanno acquisti con la carta, in media, per 200.- al mese in Svizzera e 1'000€ all'anno all'estero) possono risparmiare fino a 550 franchi in due anni passando dalla carta di credito più cara a quella più economica (escluse le carte platino).

Gli utenti abituali (che fanno acquisti per almeno 1'000 franchi al mese in Svizzera e 5'000 euro all'anno all'estero), invece, possono arrivare a risparmiare fino a 1'200 effettuando la stessa scelta.

In ogni caso, ci tiene a informare Moneyland, «la classifica delle carte di credito più economiche può essere diversa a seconda dell'uso», raccomandando quindi di confrontare le carte di credito in base ai singoli casi. Nell'ambito dell'analisi, sono state prese in considerazione tutte le tasse rilevanti, inclusi i tassi di cambio dell'euro.

Per chi va all'estero...
Per coloro che si recano frequentemente all'estero, la carta multivaluta Silver di Swissquote è la più economica con costi pari a 302,45 franchi nel corso dei due anni, seguita dalla carta multivaluta Gold di Swissquote (402,45 franchi), dalla Supercard Mastercard/Visa Coop (486,90 franchi) e dalla carta di credito Cashback American Express di Swisscard (505,55 franchi).

Per quanto riguarda le prepagate, la carta Neon Free di Mastercard è in testa per l'uso all'estero: con costi di 105,45 CHF in due anni. La Mastercard Value di PostFinance segue al secondo posto con una certa distanza (CHF 533'25) e la Prepaid Card Silver di Swissquote è invece al terzo posto (CHF 537).

La classifica generale
Per l'utilizzo in Svizzera, la carta di credito Cashback American Express di Swisscard è la migliore in termini di costi per gli utenti abituali: 340,60 franchi in due anni. Al secondo posto, la Silver di Swissquote (372,45 franchi) e al terzo la Gold, sempre di Swissquote (472,45.-). A seguire, la Supercard di Coop (482,70.-).

Invece, per gli utenti occasionali, la più economica tra le carte di credito svizzere è la Cashback American Express di Swisscard (-10 franchi, grazie ai rimborsi), seguita dalla Supercard di Coop Mastercard/Visa (47,40 franchi), dalla Cumulus-Mastercard di Migros e dalla carta di credito Ikea Family (entrambe 58,85 franchi).

Le prepagate
Per quel che concerne le prepagate, per gli utenti occasionali la più economica è la Neon Free, erogata da Mastercard. In seguito, la Supercard Visa Prepaid di Coop, la Silver Prepaid di Swissquote e la Cornèrcard Energy Prepaid.

Oltre alle carte svizzere, l'azienda ricorda poi che ci sono anche soluzioni di carte estere, come Revolut e Wise, che hanno un prezzo simile alla prima classificata Neon free. Moneyland ricorda infine che le carte di debito non sono state considerate in quest'analisi.

Comunque, tirando le somme, «una carta di credito svizzera è ancora raccomandata», ha detto Manz. «Questo vale sia all'estero (a causa della maggiore accettazione) che in patria (a causa dei bonus spesso migliori e dei benefici di cashback)».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA