Immobili
Veicoli

SVIZZERALa BNS vuole assicurarsi il marchio "e-franco"

15.01.21 - 15:08
Si tratta di una possibile versione digitale del franco
Deposit
Fonte ats awp
La BNS vuole assicurarsi il marchio "e-franco"
Si tratta di una possibile versione digitale del franco

ZURIGO - La Banca nazionale svizzera (BNS) vuole assicurarsi la versione digitale del franco: l'istituto di emissione ha registrato presso l'ufficio svizzero dei brevetti i marchi "e-franco", "franco digitale" e "franco digitale svizzero", complessivamente in 13 versioni in tedesco, francese, italiano e inglese.

Secondo i dati dell'Istituto Federale della proprietà Intellettuale (Swissreg), le domande di protezione dei marchi della BNS sono state presentate a fine dicembre 2020 e sono attualmente pendenti. Sulle registrazioni aveva riferito ieri la "Handelszeitung".

L'anno scorso la BNS aveva condotto esperimenti con la propria moneta digitale. Tuttavia, si trattava di un "e-franco" accessibile solo agli istituti finanziari. L'uso del denaro digitale è stato testato sulla piattaforma di scambi della prevista borsa digitale SDX.

I test avevano lo scopo di dimostrare la fattibilità di una tale moneta digitale della banca centrale (Central Bank Digital Currency, CBDC). Tuttavia, i test non significavano ancora che la BNS avrebbe ora emesso una propria moneta digitale, aveva sottolineato allora Andréa Maechler, membro della direzione generale della BNS. In particolare, non era prevista l'introduzione di un "e-franco" che potesse essere utilizzato anche dai consumatori.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA