Immobili
Veicoli
AFP
Kadri Simson (a destra).
ULTIME NOTIZIE Economia
SVIZZERA
5 ore
Swiss cancellerà altri voli tra agosto e ottobre
Al momento non è nota la portata della decisione, né quali saranno le rotte coinvolte
CANTONE
2 gior
L'importanza della frutta e verdura ticinesi vista da... chi la mangia
Presentata “Ticino a te” la nuova campagna del Ccat perché «Siamo quello che mangiamo...»
SVIZZERA
2 gior
Il Ceo di Axpo avverte: «Rischio di carenza di elettricità in inverno»
Il fatto che metà del parco nucleare francese sia attualmente fuori servizio complica ulteriormente le cose
SVIZZERA
3 gior
Arranca il mercato delle auto, ma non di ibride ed elettriche
La crisi dell'auto? Colpa del Covid e della difficoltà a trovare chip. Multe agli automobilisti per 35,8 milioni.
SVIZZERA
3 gior
Gli svizzeri acquistano sempre di più sulle piattaforme online straniere
La Svizzera fa capolino anche nella top ten dei Paesi che più riescono a vendere all'estero
STATI UNITI
3 gior
I magazzini di Amazon rischiano di restare vuoti
Entro il 2024 l'e-commerce potrebbe esaurire tutte le sue possibili risorse lavorative americane
STATI UNITI
4 gior
Stop alla nicotina nelle sigarette
L'amministrazione Biden vuole ridurre la sostanza di modo che non crei più dipendenza e che quindi meno persone muoiano
SVIZZERA
5 gior
Ecco l'identikit della casa ideale per gli svizzeri
Sempre più giovani sognano di comprare un immobile, ma in pochi ci riescono a causa dei criteri di finanziamento
STATI UNITI
5 gior
Il figlio di Elon Musk cambia cognome per troncare qualsiasi legame
Stando a TMZ Xavier avrebbe anche avviato la procedura per cambiare genere
MONDO
5 gior
Tutti stregati dagli Nft: vero investimento o bolla?
Cosa si nasconde dietro la sigla che sta rivoluzionando il mercato delle aste
UNIONE EUROPEA
02.05.2022 - 21:030
Aggiornamento : 23:36

Ma l'Europa è davvero pronta a fare a meno di gas e benzina russi?

Domani l'argomento, spinosissimo, arriverà sul tavolo a Bruxelles. Ma le divisioni (ovviamente) non mancano.

Il monito di Kadri Simson: «Quello che è successo a Polonia e Bulgaria può capitare a chiunque».

BRUXELLES - L'Unione europea (Ue) lavora al nuovo pacchetto, il sesto, di sanzioni alla Russia contro l'invasione in Ucraina, con un embargo graduale sul petrolio da far partire a fine anno e, ci si attende, nuovi soggetti nella lista nera, a partire dalla seconda banca russa, Sberbank.

Una proposta della Commissione europea dovrebbe arrivare già domani, dopo gli incontri singoli con i 27 Stati tenuti nel fine settimana, per venir sottoposta agli ambasciatori dell'Ue già mercoledì. Si tratterà poi di capire se tutti i nodi verranno sciolti.

Per ora c'è da registrare la netta presa di posizione di Berlino, con il ministro per gli affari economici Robert Habeck, che pur parlando di un eventuale "carico pesante", seppur locale, per l'economia tedesca ha chiarito che «la Germania non è contraria a un embargo petrolifero alla Russia».

Agli antipodi restano invece gli ungheresi, che hanno chiarito ancora in giornata come «la propria posizione rispetto a qualsiasi embargo su petrolio e gas non è cambiata: non li sosteniamo», ha detto il portavoce del governo, Zoltan Kovacs.

Varsavia resta intanto tra i più acerrimi oppositori delle politiche del presidente russo Vladimir Putin, a partire dal pressing per uno stop agli idrocarburi di Mosca: «La Polonia chiederà sanzioni immediate sul gas e il petrolio russo» e «facciamo appello a tutti gli altri Paesi a non pagare in rubli», ha detto Anna Moskwa, ministra dell'ambiente e del clima.

La quadratura del cerchio dovrebbe arrivare con deroghe mirate per gli stati più esposti alle forniture di Mosca, si parla innanzitutto di Ungheria e Slovacchia, accanto alle diverse azioni già annunciate le cui strategie andranno concretizzate prima del Consiglio europeo di fine maggio.

In attesa delle mosse sul petrolio russo, a Bruxelles era intanto la giornata del gas, con un consiglio straordinario dei ministri comunitari dell'energia convocato dalla presidenza francese dopo lo stop unilaterale delle forniture a Bulgaria e Polonia, per il rifiuto di assecondare la richiesta di pagamenti in rubli dalla Russia.

Al termine dei lavori, circa tre ore che secondo diverse fonti avrebbero visto un confronto disteso tra i responsabili delle politiche energetiche dei 27, la commissaria europea all'energia Kadri Simson ha ribadito che tutt'ora «la Commissione non ha informazioni circa Paesi o imprese private» che stiano pagando in rubli il gas russo o "vogliano farlo".

Ancor più netta la ministra francese per la transizione Barbara Pompili: «Tutti gli stati membri hanno detto che si devono mettere in opera le sanzioni e rispettare i contratti, che sono in euro». Resta l'incognita di nuovi stop alle forniture russe dopo quelle a Polonia e Bulgaria.

Per Simson è evidente che i russi «non sono fornitori affidabili e tutti gli stati membri devono avere dei piani per un'eventuale interruzione totale della fornitura». «Tutto il lavoro che stiamo facendo è per essere pronti se dovesse essere presa la decisione» di uno stop delle forniture russe, ha detto anche Pompili, ma non si può "pensare di rimpiazzare tutto il gas russo con altre forniture di gas", nell'Ue occorre "produrre elettricità".

La sottosegretaria italiana alla transizione ecologica Vannia Gava ha ribadito la preoccupazione per i livelli dei prezzi dell'energia: «Dovranno essere considerate tutte le misure necessarie a livello europeo per proteggere i consumatori più vulnerabili e la competitività delle imprese, incluso il price cap (regolamentazione) sul gas proposto dall'Italia», ha segnalato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 22:04:51 | 91.208.130.87