Immobili
Veicoli

REGNO UNITOLondra non si lascia intimidire: «Restiamo risoluti nel nostro sostegno all'Ucraina»

16.04.22 - 15:22
Tra i sanzionati ci sono anche Nicola Sturgeon e Theresa May
keystone-sda.ch / STF (Matt Dunham)
REGNO UNITO
16.04.22 - 15:22
Londra non si lascia intimidire: «Restiamo risoluti nel nostro sostegno all'Ucraina»
Tra i sanzionati ci sono anche Nicola Sturgeon e Theresa May

LONDRA - Il divieto d'ingresso sul suolo russo per il primo ministro britannico Boris Johnson e per svariati suoi collaboratori con avrà conseguenze sulla politica del Regno Unito nei confronti della guerra in Ucraina.

Un portavoce governativo ha spiegato al quotidiano britannico Guardian: «Restiamo risoluti nel nostro sostegno all'Ucraina. Il Regno Unito e i nostri partner internazionali restano uniti nel condannare le azioni del governo russo e nel chiedere al Cremlino nel fermare la guerra».

La messa al bando in Russia da parte del ministero degli Esteri di Mosca riguarda i già citati Johnson, Truss e Wallace, ma anche vari ministri e alti funzionari: Dominic Raab, Grant Shapps, Priti Patel, Rishi Sunak, Kwasi Kwarteng, Nadine Dorries, James Heappey e Suella Braverman. Nella lista ci sono anche la leader scozzese Nicola Sturgeon e l'ex primo ministro conservatore Theresa May.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO