Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Severodonetsk è stata occupata
Ne dà l'annuncio il sindaco della città. I russi sarebbero entrati anche nell'impianto Azot
Cronaca
4 ore
Oslo, la sparatoria considerata «atto di terrorismo islamista»
Due persone sono rimaste uccise. Almeno 21 i feriti. In manette un uomo di 42 anni
UCRAINA
7 ore
«Mosca sta tentando di trascinare Lukashenko nella guerra»
È la lettura che l'intelligence di Kiev propone in relazione ai presunti attacchi provenienti dal territorio bielorusso
ITALIA
10 ore
I giorni di Giuda nelle "ultime" parole di Borsellino
Esattamente trent'anni fa, il magistrato italiano pronunciava il suo "j'accuse". Fu il suo ultimo discorso in pubblico.
FOTO
ECUADOR
10 ore
Lasso teme un golpe degli indigeni
Sono quasi 14mila i manifestanti mobilitati in tutto il Paese. Il presidente si è detto «aperto al dialogo»
STATI UNITI
10 ore
Armi, Biden firma la stretta mentre il Paese protesta per l'aborto
Nel frattempo, un gruppo di 83 magistrati (in 28 Stati) ha annunciato che non perseguiranno chi cerca o pratica l'aborto
FOTO
NORVEGIA
11 ore
Oslo, sparatoria fuori da un locale gay: 2 morti
Oltre una ventina i feriti. L'autore è stato arrestato. La polizia indaga per terrorismo. Annullato il Pride
STATI UNITI
23 ore
Via libera del Congresso alla stretta sulle armi
Controlli più severi approvati con 234 voti favorevoli e 193 contrari.
FRANCIA
23 ore
Aereo biposto si schianta sul ghiacciaio del Monte Bianco
Entrambi i passeggeri, un 60enne e un 30enne, hanno perso la vita.
STATI UNITI
23 ore
Estirpato il diritto all'aborto: «Un giorno triste per gli Stati Uniti»
«La Corte suprema ha portato via un diritto costituzionale», ha dichiarato il presidente Joe Biden.
STATI UNITI
10.11.2020 - 07:130
Aggiornamento : 07:33

Trump fa causa alla Pennsylvania

Facebook nel frattempo ha rimosso i falsi profili che sponsorizzavano la frode

WASHINGTON - La campagna di Donald Trump ha fatto causa al segretario di Stato della Pennsylvania, Kathy Boockvar, con l'accusa che il sistema di conteggio dei voti per posta è stato meno rigoroso di quello dei voti in persona.

Un «doppio standard» che rappresenta una «violazione costituzionale».

La Pennsylvania è lo stato che ha dato la vittoria a Joe Biden che, al momento della chiamata della sua vittoria, era avanti di circa 45 mila voti.

L'accusa di violazione della Costituzione lascia presagire l'intenzione della campagna di Trump di arrivare in fondo alla questione fino a portare il caso davanti alla Corte Suprema. Nonostante la maggioranza dei giudici costituzionali sia di estrazione conservatrice gli esperti tendono però a ritenere fortemente improbabile la corte possa rovesciare il risultato delle elezioni.

Barr: «indagare sulle accuse» - Il ministro della giustizia americano William Barr ha autorizzato il Dipartimento di giustizia a indagare su «accuse rilevanti» di frode elettorale. Lo riporta la Associated Press.

L'indagine, ha affermato Barr, possono essere avviate «se ci sono accuse di irregolarità chiare e apparentemente credibili. Irregolarità che, se riscontrate realmente, potrebbero potenzialmente impattare sul risultato elettorale di un singolo stato».

Dimissioni del procuratore - Il principale procuratore del Dipartimento di Giustizia per i crimini elettorali negli Stati Uniti, Richard Pilger, si è dimesso per protesta dopo le parole di William Barr. Lo riporta la Cnn.

Pilger ha inviato una mail ai suoi colleghi affermando che il procuratore generale stava intraprendendo «una nuova importante iniziativa che cancella 40 anni di politiche di non interferenza con indagini su presunte frodi elettorali nel periodo antecedente alla certificazione dei voti da parte dei singoli Stati», e che per questo motivo ha deciso di rassegnare le sue dimissioni.

Le elezioni non sono finite - «Le elezioni non sono finite», ha detto la portavoce della Casa Bianca Kayleigh McEnany nel corso di una conferenza stampa nella notte. «Queste elezioni - ha ripetuto - sono ben lontane dall'essere finite, e al contrario dei nostri avversari noi non abbiamo niente da nascondere». McEnany quindi ha ripetuto l'accusa di voti illegali ma senza fornire alcuna prova.

Profili rimossi - Dopo Twitter e Youtube, anche Facebook ha rimosso dei falsi profili tesi a promuovere la tesi repubblicana di frodi elettorali da parte democratica, tutti riconducibili all'ex consigliere di Donald Trump Steve Bannon. Lo denuncia l'Ong Avaaz, secondo cui il gigante dei social media ha rimosso sette pagine direttamente collegate a Steve Bannon che avevano raccolto in totale 2,45 milioni di abbonati, e che l'organizzazione aveva segnalato alla piattaforma venerdì.

«Il nostro team aveva identificato, all'inizio di quest'anno, alcune di queste pagine che condividevano informazioni errate su presunte frodi elettorali, e che, solo nella scorsa settimana, hanno raggiunto le 10 milioni di visualizzazioni» ha detto un portavoce dell'Ong per i diritti umani.

Le pagine rimosse avevano nomi come 'Valori conservatori', 'L'imbattuto', 'Stiamo costruendo il muro', 'Cittadini della repubblica americana' o 'Trump in guerra'.

Bannon, 66 anni, è stato uno degli artefici della vittoria di Donald Trump nel 2016 prima di essere cacciato. Sospettato insieme ad altre tre persone di aver sottratto fondi presumibilmente destinati alla costruzione di un muro al confine tra Stati Uniti e Messico, era stato arrestato alla fine di agosto ma ha sempre respinto le accuse.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-25 19:27:58 | 91.208.130.87