Immobili
Veicoli

AUSTRALIAPartecipavano a una messa non autorizzata a causa della pandemia: la polizia ha multato 31 persone

23.08.21 - 21:45
La funzione religiosa era in corso nel bel mezzo di un focolaio nel Nuovo Galles del Sud
keystone-sda.ch / STR (JOEL CARRETT)
Partecipavano a una messa non autorizzata a causa della pandemia: la polizia ha multato 31 persone
La funzione religiosa era in corso nel bel mezzo di un focolaio nel Nuovo Galles del Sud

SYDNEY - La polizia del Nuovo Galles del Sud ha comminato 31 multe a dei fedeli che hanno preso parte a una messa serale domenicale non autorizzata a Blacktown, un sobborgo di Sydney che si trova nel bel mezzo di un focolaio della pandemia di coronavirus.

Gli agenti sono intervenuti alle 19.30 di ieri dopo aver ricevuto la segnalazione di un raduno che violava le ordinanze di salute pubblica emanate per impedire la diffusione del contagio. Nel luogo di culto erano presenti circa 60 tra adulti e bambini. Si è scoperto che non c'era nessun tipo di controllo all'ingresso e che molti dei presenti si erano mossi da altri punti dell'area per la quale sono in vigore le restrizioni. 

Le multe emesse sono di 1000 dollari australiani (poco meno di 660 franchi svizzeri), senza contare quella alla chiesa che è di 5000 dollari (3280 franchi). David Elliott, il ministro della Polizia e dei servizi d'emergenza del Nuovo Galles del Sud, si è detto «abbastanza sbalordito» da quanto accaduto e ha sottolineato come le chiese suburbane possano trasmettere le funzioni religiose in streaming, così come fanno quelle del centro di Sydney. 

Negli 'hotspot' Covid sono in vigore regole ferree, inasprite proprio in queste ore: coprifuoco notturno dalle 21 alle 5 del mattino e obbligo di mascherina fuori dalla propria abitazione, compreso all'aperto (salvo durante l'attività fisica). Ciò è la conseguenza di due giorni consecutivi con oltre 800 contagi. Tutto il Nuovo Galles del Sud è in isolamento e la polizia, come nel caso della chiesa, è inflessibile nell'applicazione delle restrizioni previste per contenere la diffusione della variante Delta del Sars-CoV-2.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO