Immobili
Veicoli

SPAGNANell'albergo della quarantena di Palma gli animi iniziano a diventare incandescenti

29.06.21 - 16:33
Dopo un aumento dei disordini e delle proteste è intervenuta la polizia, e in 3 sono anche riusciti a scappare
keystone-sda.ch (CATI CLADERA)
Nell'albergo della quarantena di Palma gli animi iniziano a diventare incandescenti
Dopo un aumento dei disordini e delle proteste è intervenuta la polizia, e in 3 sono anche riusciti a scappare

PALMA DE MALLORCA - Danni alla proprietà, oggetti lanciati dai balconi, gente che corre per i corridoi e musica forte a tutte le ore del giorno. Alla fine la polizia è dovuta intervenire per calmare le acque all'interno di dell'albergo Palma Bellver, dove decine di studenti si trovano isolati in seguito all'esplosione del focolaio di coronavirus della settimana scorsa.

Ne dà notizia El Pais che racconta di come, la sicurezza dell'albergo abbia richiesto l'intervento d'appoggio delle forze dell'ordine. Stando alla security i ragazzi hanno ignorato i diversi inviti alla moderazione e sono anche riusciti a ottenere bevande alcoliche, portate dai bar vicini e issate nelle camere attraverso delle funi di fortuna, realizzate con le lenzuola dei letti.

Intanto sui social girano diversi video dall'interno della struttura che mostrano ragazze e ragazzi intenti a sfogare la loro frustrazione e che inneggiano alla libertà.

Al momento, conferma il quotidiano spagnolo, sono circa 262 i giovani rimasti in quarantena sull'isola (249 nel maxi-albergo del capoluogo e gli altri in altre strutture).

Il trasferimento dei diversi gruppi di giovanissimi al Palma Bellver pare sia stato molto complesso e con diverse tensioni. Almeno in 3 sarebbero riusciti a scappare e rientrare, malgrado l'intimazione di isolamento, e ora rischiano sanzioni anche severe.

E anche gran parte dei diversi contagiati - al momento si parla di almeno 950 contagiati - e degli isolati è però già ritornato a casa, si stima in almeno 8 regioni della Spagna. Circa il 20% di questi, riportano le autorità spagnole, avrebbero contratto la variante Delta del virus.

COMMENTI
 
Mattiatr 1 anno fa su tio
Quindi, vediamo un po'. Dei ragazzi alla quale molto probabilmente il virus non fa effetto (io l'ho fatto un mese fa e sono stato da dio), dopo un anno di limitazioni su tutti i fronti, hanno deciso di andare in vacanza. Io lo ritengo al limite dello scandalo, parliamoci chiaro, dopo aver truccato il motorino ed essersi fumati una canna, la vacanza è l'atto più criminale mai ideato dalla mente umana. Forse i sciori qua sotto dovrebbero cominciare a pensare al fatto che non tutti hanno 50 anni, hanno già vissuto tutta la loro ''vita goliardica'' e non hanno più la necessità di contatti, ritrovi o perché no, una sbronza fra amici a una festa. Forse non si dovrebbe criticare chi non ha ancora deciso di dedicare la propria vita al lavoro e alla famiglia.
Dex 1 anno fa su tio
largo ai giovani
Güglielmo 1 anno fa su tio
viva i giovani responsabili.....
egi47 1 anno fa su tio
Casa possiamo dire? "Vi sta bene". Lavare la testa all'asino é inutile.
#JenaPlinsky 1 anno fa su tio
Dovevate pensarci prima…
Ro 1 anno fa su tio
Questi sono i giovani " responsabili " per qualcuno.
Elisa_S 1 anno fa su tio
Le categorie a rischio sono perfortuna vaccinate, e saranno protette da decorsi gravi della malattia qualora il virus malgrado il vaccino risultasse attivo. Ormai piu che questione di rispetto è diventa una questione di autovaluzione delle proprie azioni, partendo dalla base che Non ricoverato NON significa decorso leggero e senza conseguenze a lungo termine scoperte - per caso - a distanza di mesi (sicuramente non mortali ma fastidiose da sopportare nel corso del tempo: dispnea in particolare)., i casi sono piu di quanto si pensa e non esitste una chiara statistica, e le dispnee non gravi vengono inizialmente non notate (dispnea da sforzo). L 'importante è che il sistema sanitario e protetto dal rischio di collasso e le categorie a rischio sono ormai vaccinate. E solo una questione del singolo individuo che ha sia il diritto di tornare alla vita di sempre, sia il diritto di rifiutare il vaccino. Io sono a favore della campagna vaccinale ma rispetto le decisioni altrui proprio perchè le categorie a rischio sono protette e gli ospedali possono fare il loro lavoro di sempre senza pressione Covid-
Veveve 1 anno fa su tio
👍👍👍
NOTIZIE PIÙ LETTE