Keystone
CINA
19.05.2021 - 10:140

Il cacciatorpediniere americano che irrita Pechino

Ha attraversato ieri lo Stretto di Taiwan. La Cina: «Messe in pericolo la pace e la stabilità».

PECHINO - Martedì, la Marina americana ha inviato il cacciatorpediniere Uss Curtis Wilbur nello Stretto di Taiwan, parte di un'operazione definita «di routine», ma che ha provocato la reazione piccata della Cina. Pechino accusa in particolare gli Stati Uniti di minacciare la pace e la stabilità regionali.

La Settima flotta americana ha reso noto che il cacciatorpediniere, in quella che è stata la quinta operazione del suo genere sotto l'amministrazione di Joe Biden, ha condotto un «transito di routine nello Stretto di Taiwan» in linea con il diritto internazionale, a dimostrazione «dell'impegno degli Stati Uniti per un Indo-Pacifico libero e aperto», si legge in una dichiarazione postata sul suo sito web. «L'esercito americano continuerà a volare, navigare e operare ovunque il diritto internazionale lo consenta».

Un portavoce del comando cinese del teatro orientale ha espresso una forte opposizione al passaggio, che avviene in un contesto di accresciute tensioni tra i due Paesi. «Le azioni degli Stati Uniti inviano segnali sbagliati alle forze indipendentiste di Taiwan, interferendo deliberatamente nella situazione regionale e mettendo in pericolo la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan», ha affermato il portavoce. Le forze cinesi, ha aggiunto, hanno seguito e monitorato la nave durante il suo passaggio.

La Cina ritiene che il governo democraticamente eletto di Taiwan sia deciso a formulare una dichiarazione formale d'indipendenza dell'isola, una autentica "linea rossa" tracciata da Pechino. La presidente dell'isola, Tsai Ing-wen, ha osservato più volte come Taiwan sia già uno stato indipendente chiamato Repubblica di Cina, il nome ufficiale dell'isola.

Il ministero della Difesa di Taipei ha riferito che il cacciatorpediniere ha navigato in direzione sud attraverso lo stretto in una situazione «normale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 01:50:22 | 91.208.130.87