Reuters
L'esercito spagnolo ricaccia i migranti fuori da Ceuta. Nel pallino: Pedro Sánchez.
+4
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
1 ora
Stabile occupato: guerriglia e scontri con la polizia, 60 feriti
La polizia aveva il compito di effettuare un'ispezione, ma secondo gli occupanti voleva in realtà sgomberare
FOTO E VIDEO
CINA
1 ora
Cinque arresti nel più importante giornale pro-democrazia di Hong Kong
L'operazione di polizia è stata possibile grazie alla controversa "legge sulla sicurezza nazionale"
MESSICO
2 ore
Treno deraglia e colpisce le case, un morto e tre feriti
Non è ancora chiaro il motivo per cui il treno merci sia deragliato
PAKISTAN
2 ore
Niente hamburger gratis alla polizia: arrestati 19 dipendenti di un fast food
La denuncia social e il clamore causato dall'episodio hanno portato alla sospensione degli agenti e a un licenziamento
GERMANIA
3 ore
Vaccino CureVac efficace solo al 47%
Non sono così soddisfatti i criteri di successo prestabiliti
FOTO
CINA
3 ore
Il ritorno della Cina nello spazio
Tre astronauti sono partiti per una missione con equipaggio di tre mesi nella stazione spaziale
TURCHIA
13 ore
Sequestro di cocaina record: più di una tonnellata
La merce è stata trovata su una nave container proveniente dall'Ecuador
MONDO
14 ore
I media cinesi deridono una donazione di vaccini degli USA: 80 fiale
«Poco è stato fatto, ma molto è stato detto», ha scritto ad esempio l'agenzia stampa Xinhua
COREA DEL SUD
15 ore
Molka, o la paura di essere riprese dalla webcam di uno sconosciuto
Un fenomeno diffuso nel quotidiano sudcoreano e un incubo per milioni di donne. La denuncia: «Pochissimi pagano»
AUSTRALIA
17 ore
Un mare di ragnatele
Il fenomeno è stato osservato in questi giorni nello stato di Victoria
FRANCIA
18 ore
Il presunto basista del rapimento di Mia è arrivato in Francia
Rémy Daillet è stato arrestato all'aeroporto di Parigi Charles de Gaulle
ITALIA
18 ore
Il video che mostra la caduta della funivia del Mottarone trapelato sul web
Le immagini della fune che si spezza, a pochi metri dall'arrivo, finite sul web. Ci si interroga su come sia successo
ITALIA
20 ore
Emergenza fino a fine anno? L'Italia ci pensa seriamente
La proroga, secondo fonti vicine al "premier" Mario Draghi, sarebbe già «certissima».
FRANCIA
20 ore
Si torna (quasi) alla normalità
Da domenica via il coprifuoco e da domani, salvo eccezioni, basta mascherina all'aperto
SPAGNA / MAROCCO
18.05.2021 - 18:110
Aggiornamento : 19:14

«Difenderemo i nostri confini ad ogni costo»

Il Premier spagnolo Pedro Sánchez, allarmato dalla situazione, si è recato a Ceuta

CEUTA - La crisi migratoria e diplomatica tra Spagna e Marocco, che ha visto migliaia di migranti arrivare a Ceuta, ha scatenato il massimo allarme nel Governo di Pedro Sánchez, che si è recato nell'enclave «d'urgenza» per affrontare la situazione.

Prima di partire per Ceuta, come riporta il quotidiano El País, Sánchez ha parlato da Madrid senza nascondere la gravità della situazione, ma evitando un attacco diretto al Marocco, persino vietando le domande ai giornalisti. Il premier ha dichiarato di aver «sempre visto il Marocco come un partner e un amico della Spagna», e per questo ha aperto la porta ad una risoluzione del problema «da buoni vicini».

Tuttavia, in conclusione e con toni fermi, il premier ha sottolineato che «l'integrità territoriale delle frontiere di Ceuta e Melilla, che sono anche le frontiere dell'UE, sarà difesa dal governo spagnolo in ogni momento, in qualsiasi circostanza e con tutti i mezzi necessari».

È perciò una strategia a doppio taglio, quella di Sánchez: da un lato, la fermezza e la garanzia che userà tutti i mezzi disponibili, compreso l'esercito, per difendere la frontiera. Dall'altro, un appello al Marocco per risolvere la situazione in modo diplomatico, facendo appello alle buone relazioni tra i due paesi.

ll Ministro dell'Interno, Fernando Grande-Marlaska, ha spiegato intanto che la Spagna ha già riportato 4'000 persone in Marocco, su un totale di più di 8'000 migranti che sono arrivati a Ceuta da lunedì. Altri 50 agenti saranno inviati nell'enclave, oltre ai 200 già annunciati.

 

«Le azioni hanno conseguenze»

L'ambasciatrice del Marocco in Spagna, Karima Benyaich, ha da parte sua dichiarato che «ci sono azioni che hanno conseguenze», e che chi le mette in atto deve assumersene le responsabilità, in un riferimento velato alla decisione della Spagna di fornire assistenza medica al leader del Fronte Polisario, Brahim Ghali.

Parlando a Europa Press, l'ambasciatrice ha aggiunto che ci sono «atteggiamenti che non possono essere accettati», ribadendo che le relazioni tra paesi vicini e amici devono essere basate sulla «fiducia reciproca».

La Ministra degli Esteri spagnola, Arancha González Laya, ha in risposta convocato Benyaich per affrontare la situazione di Ceuta. Poco dopo, il Marocco ha richiamato nel paese la diplomatica.

«È una frontiera europea»

Sánchez, nel frattempo, si è messo al lavoro prendendo contatto con i colleghi europei. La Spagna, infatti, sostiene che non è solo la sua frontiera che il Marocco mette in pericolo, ma anche quella dell'Unione Europea. Finora è già riuscito a coinvolgere la Commissione europea. Margaritis Schinas, vicepresidente e responsabile dell'immigrazione, ha sottolineato che «la frontiera spagnola di Ceuta è una frontiera europea» e ha espresso «piena solidarietà alla Spagna».

Dello stesso avviso anche Ursula von der Leyen e Charles Michel, che hanno espresso su Twitter la vicinanza dell'Ue al paese iberico.

Reuters
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
M70 4 sett fa su tio
quello che dovrebbe fare anche l'Italia!
Ro 4 sett fa su tio
Finalmente qualcuno in Europa si accorge che c’è qualcosa che non va. Un conto è accogliere delle persone che fuggono dalle guerre, un conto gli approfittatori economici e sono la maggioranza. Non siamo più ai tempi dove la gente partiva, inizio 20 secolo, a lavorare perché c’era mancanza di manodopera come sul continente americano. In Europa ci sono decine e decine di milioni di persone senza lavoro ed è a questa persone che bisogna pensare. Basta gettare denaro pubblico dalla finestra. E per finire bisogna bloccare le esportazioni di armi a quelle nazioni dove la democrazia è solo su della carta straccia. E a certi giornalisti sarebbe ora di parlare non di migrazione ma di invasione economica, con anche aspetti criminali (mafie .... ) e di in altra migrazione ma ..... chi vuol capire capisca. Sapete perché c’è questa invasione ? Perché una volta qui stanno bene e allora avvisano i loro di venire. E ora pensate quello che volete del sottoscritto non sarebbe che l’ennesima menzogna.
Princi 4 sett fa su tio
molto bene !! Pedro
ceresade36@gmail.com 4 sett fa su tio
Questa storia di migrati poverini mi sembra molto vechia Bisogna sapere la veraragione delle cose non tutto che briglia non è precisamente oro Io ho girato tatto posso e so di che parlo
Enkidu 4 sett fa su tio
Una nazione ha il sacrosanto diritto e dovere di difendere i propri confino, senza se e senza ma.
seo56 4 sett fa su tio
E ci mancherebbe altro!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 10:36:35 | 91.208.130.86