Deposit
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Fondazione Open, tra gli indagati c'è anche Matteo Renzi
La Procura di Firenze ha concluso le indagini sulla fondazione che ha sostenuto le idee politiche dell'ex Premier.
Afghanistan
4 ore
Figli ceduti ai creditori per sanare i debiti: la povertà in Afghanistan
Il racconto di una madre disperata: «Se la vita continuerà a essere così orribile, ucciderò i miei figli e me stessa»
LE FOTO
SPAGNA
4 ore
Quei cani ostaggio della lava e la missione con un drone per salvarli
L'obbiettivo è acciuffarli con un drone dotato di una larga rete e trasportarli al sicuro, ma le insidie sono diverse
REGNO UNITO
5 ore
C'è un'altra variante "Delta Plus" sotto la lente
La sua prevalenza è in crescita nel Regno Unito ma per ora non desta preoccupazione. Più contagiosa? «Forse del 10-15%».
GERMANIA
5 ore
Governo "semaforo", le trattative al via giovedì?
A capo dell'esecutivo, nel ruolo di primo cancelliere del dopo Merkel, ci sarà probabilmente Olaf Scholz
ITALIA
6 ore
Senatrice in aula senza Green Pass: «Mi rifiuto». Stop alla seduta
Sospesi i lavori in senato in seguito al caso di Laura Granato, per cui è stata convocata una riunione d'urgenza
Germania
7 ore
«Chi va a letto con il capo ottiene un lavoro migliore»
Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»
UNIONE EUROPEA
9 ore
«Un ricatto inaccettabile per chi, come noi, ha combattuto il Terzo Reich»
Toni molto accesi oggi al Parlamento europeo, dove si rinnova lo scontro sulla sovranità fra Ue e Polonia
STATI UNITI
9 ore
Condannata per un aborto spontaneo
La donna è stata condannata a quattro anni di prigione per omicidio colposo.
AUSTRALIA
18.03.2021 - 16:020

Capo della polizia propone un'app per il consenso sessuale: «Un'idea ingenua»

Per Mick Fuller, bisogna fare qualcosa. Secondo i detrattori, però, questo strumento potrebbe ritorcersi contro le donne

SYDNEY - Se il suo intento era, come ha successivamente dichiarato, di lanciare un dibattito sul tema del consenso sessuale, ci è sicuramente riuscito. La proposta del capo della polizia del Nuovo Galles del Sud d'introdurre un'app in cui le persone possano registrare il proprio consenso a un incontro intimo sta infatti facendo discutere in Australia.   

«Se due anni fa qualcuno mi avesse detto che ci saremmo registrati con il telefonino ogni volta che ci fossimo seduti al tavolo di un ristorante gli avrei riso in faccia», ha argomentato Mick Fuller sentito da ABC Radio Sydney. Quindi perché non introdurre un'applicazione in cui le persone che prendono parte a un rapporto sessuale possano confermare il loro consenso?

La proposta, ha ammesso Fuller, potrebbe essere «la peggior idea che io abbia avuto quest'anno», ma «la violenza intima, specialmente verso le donne, è un problema criminale per noi al momento e abbiamo bisogno di trovare una soluzione»: «Che l'app venga presa in considerazione o meno penso sia irrilevante», ha sottolineato Fuller. «Penso che la questione sia capire che questo crimine sta aumentando e dobbiamo affrontarlo, che sia attraverso la tecnologia, l'educazione e l'addestramento o altre idee», ha aggiunto.

A confermare che un problema esiste, del resto, sono i numeri. Secondo i dati diffusi dall'ufficio di statistica del Nuovo Galles del Sud, le violenze sessuali denunciate sono aumentate del 10% nel 2020, con 15'000 donne colpite in uno Stato con una popolazione simile, per numero di abitanti, a quella della Svizzera. Solo il 2% dei casi, ricorda ABC News, si è concluso con una sentenza di colpevolezza.

L'app di Fuller, però, non convince i commentatori.

È un'idea «ingenua», mette per esempio in guardia Catharine Lumby, giurista impegnata nella lotta alle molestie sessuali. La «piccolissima minoranza di uomini» che decide di violentare una donna, infatti, non avrebbe difficoltà a manipolare anche la tecnologia.

Per Andrew Dyer, docente di diritto all'Università di Sydney, l'app potrebbe addirittura fare più male che bene. Un consenso dato da un donna prima del rapporto sessuale potrebbe infatti ritorcersi contro di lei in tribunale. Nonostante abbia dato il consenso prima dell'incontro, infatti, la stessa potrebbe aver deciso d'interrompere il rapporto. O potrebbe esserle stato imposto un particolare atto sessuale sul quale non era d'accordo.

«Questa mattina tanta gente ha criticato l'app, ed è una cosa buona, ma nessuno mi ha detto che questo non sia un tema per cui valga la pena lottare», ha commentato più tardi il capo della polizia del Nuovo Galles del Sud. «L'app potrebbe non vedere mai la luce, potremmo non parlarne più, ma io spero che torniamo a parlare di consenso», ha concluso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 7 mesi fa su tio
Spero che quella sappia usare il cellulare altrimenti l'Anselmo va in pausa e chi l'ha visto l'ha visto ;-)))
Gikappa 7 mesi fa su tio
Purché se ne parli... l'App... qualsiasi App interessa, al di là della sua approvazione o meno... Purché se ne parli... no?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 23:31:16 | 91.208.130.86