keystone-sda.ch (Sashenka Gutierrez)
La barriera metallica a protezione del Palazzo nazionale di Città del Messico è diventata un memoriale.
+6
MESSICO
08.03.2021 - 23:590

La barriera anti-vandali diventa un memoriale per le vittime di femminicidio

I nomi di centinaia di donne uccise nel 2020 hanno trasformato la recinzione metallica attorno al Palazzo nazionale

CITTÀ DEL MESSICO - Una barriera posta a protezione del Palazzo nazionale di Città del Messico è diventata un memoriale per le 939 vittime di femminicidio ufficialmente registrate nel 2020 nel Paese centroamericano.

Sulla barriera metallica alta tre metri, che circonda la sede del governo messicana, sono stati dipinti i nomi di centinaia di donne, uccise nel corso dell'anno passato. La scritta «Vittime di femminicidio» campeggia sulla parte più alta, mentre attiviste e persone comuni hanno aggiunto fiori, in omaggio di tutte le vittime.

 «Non ci saranno mai muri abbastanza alti da impedire a donne organizzate di abbatterli» è uno degli slogan scritti. Domenica il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha descritto la recinzione come uno strumento necessario, «non per paura, ma per evitare provocazioni e per proteggere edifici storici». López Obrador ha replicato alle accuse di aver ignorato i problemi femminili: «Non sono un maschio sciovinista. Sono a favore dei diritti delle donne». 

La barriera ora è diventata un simbolo e le foto hanno fatto il giro del mondo. «La nostra lotta ha dei nomi», ha scritto su Twitter l'accademica Marisol Clava.

keystone-sda.ch (Sashenka Gutierrez)
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 03:31:11 | 91.208.130.89