Aggiornato il piano vaccinale: priorità a chi è più vulnerabile
Keystone
ITALIA
09.02.2021 - 12:290
Aggiornamento : 13:31

Aggiornato il piano vaccinale: priorità a chi è più vulnerabile

Le persone con malattie - indipendentemente dall'età - avranno la precedenza

ROMA - Dopo aver vaccinato gli over 80 e gli operatori sanitari, in Italia la priorità sarà data alle persone con malattie croniche, quelle più vulnerabili al virus indipendentemente dall'età.

È quanto emerge dall'ultimo aggiornamento del piano di vaccinazione, ripreso dal portale Repubblica. 

Il programma di questa seconda fase include 6 categorie di priorità. La prima, ovvero coloro che verranno vaccinati per primi alla fine della fase iniziale, include le persone con problemi di salute, definite «estremamente vulnerabili». Il criterio principale in questa fase è il rischio in base al tasso di letalità, si parla quindi di patologie come «malattie respiratorie, cardiocircolatorie, condizioni neurologiche e disabilità, diabete ed endocrinopatie severe, fibrosi cistica, patologia renale, malattie autoimmuni, malattie epatiche e cerebrovascolari, patologia oncologica, sindrome di Down, trapianto di organo solido, grave obesità».

Quando sarà terminata l'inoculazione alle persone più vulnerabili, toccherà a coloro che si situano nella fascia tra i 75 e i 79 anni.

Finite queste, la terza categoria comprende le persone tra 70 e 74 anni, e la quarta le persone tra i 16 e i 69 anni che hanno un «particolare rischio clinico». Dopo queste, riceveranno le due dosi del preparato le persone tra 55 e 69 anni «senza condizioni che aumentano il rischio clinico».

Infine, la sesta e ultima categoria è quella delle persone tra 18 e 54 anni «senza un aumentato rischio clinico».

Nella strategia viene anche indicato che alle persone delle prime cinque categorie verrà inoculato un vaccino a mRna (Pfizer-BioNTech o Moderna), mentre alla sesta quello più classico, prodotto da AstraZeneca.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 07:51:35 | 91.208.130.86