keystone-sda.ch / STF (KIM LUDBROOK)
Il dottor Jonah Marais e Paco, in una riserva vicino al kruger National Park, Phalabora, Sud Africa, 8 settembre 2020 (pubblicato il 21 settembre 2020).
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
9 min
«Questo messaggio ti infastidisce?»
Tinder introduce due nuovi filtri. E le segnalazioni di molestie aumentano del 46 per cento
STATI UNITI
2 ore
Alec Baldwin è «scioccato» dalla tragedia sul set
Nuovi particolari sull'incidente in cui ha perso la vita la direttrice della fotografia Halyna Hutchins
SUD AFRICA
12 ore
Poliziotta fa strage di parenti per intascare i soldi dell'assicurazione
A processo l'agente che tra il 2012 e il 2017 ha ingaggiato dei sicari per uccidere sei suoi parenti.
SPAGNA
12 ore
«Denunceremo la presidente della Camera»
Podemos ha reagito alla decisione che ha costretto alle dimissioni un suo deputato a seguito di una condanna del 2014.
ITALIA
12 ore
Anche il Governo italiano contro la Superlega
C'è anche la vicina Penisola tra i Paesi che hanno dichiarato ufficialmente il loro appoggio alla Uefa.
STATI UNITI
14 ore
Quanti drammi sui set di Hollywood
La morte di Halyna Hutchins è solo l'ultima tragedia consumatasi durante le riprese di un film a stelle e strisce.
STATI UNITI
17 ore
Il caldo ha ucciso una famiglia durante un'escursione
Il misterioso caso è stato risolto dopo più di due mesi. Si attende ancora l'autopsia sul cane
POLONIA
18 ore
Alla ricerca dell'aborto illegale o all'estero
Le associazioni hanno segnalato che in Polonia da gennaio più di 30'000 donne hanno chiesto aiuto
STATI UNITI
20 ore
L'ormone della felicità modifica la capacità di ricordare le persone
È quanto emerso da uno studio. La serotonina permetterebbe di aiutare i pazienti affetti da autismo, e non solo
FOTO
UNIONE EUROPEA
21 ore
L'addio europeo ad Angela Merkel
Il commiato oggi, al termine del summit di due giorni dei leader dell'Unione Europea
STATI UNITI
21 ore
Twitter e l'algoritmo "inclinato" verso destra
Lo dicono gli esiti di un'analisi interna del social, che si avvarrà ora di un aiuto esterno per migliorare i sistemi
STATI UNITI
22 ore
Baldwin interrogato, il regista «era in condizioni critiche»
L'attore si è presentato alle autorità per rispondere agli inquirenti. Nell'incidente sul set è morta una persona
MONDO
22.09.2020 - 06:010

Tra chi li vuole uccidere e chi li vuole salvare: il duro limbo dei rinoceronti

La giornata mondiale del rinoceronte ci ricorda l'importanza di combattere il commercio illegale

L'organizzazione "Save the Rhino International" si dedica alla causa dal 1992: «Ognuno di noi può fare la differenza».

PRETORIA - Se ne parla da tempo, e la lotta è più serrata che mai: i bracconieri continuano a mettere a rischio la fauna selvatica.

Tra gli animali più colpiti i rinoceronti, che vengono uccisi, o mutilati, per ottenere il loro prezioso corno. In occasione della Giornata Mondiale del Rinoceronte, che cade il 22 settembre, l'ente benefico "Save the Rhino International" ha lanciato l'hashtag #WorldRhinoDay, per celebrare e proteggere i rinoceronti. Nel corso della giornata, per celebrare i ceratomorfi, si può donare, comprare dipinti e fotografie, e partecipare al concerto virtuale dei Rhino’s Revenge.

«In tutto il mondo, un rinoceronte viene ucciso ogni 12 ore» sostiene l'organizzazione a favore dell'animale. Nonostante il numero di bracconieri sia diminuito, «c'è ancora molto da fare». A tal riguardo, abbiamo sentito Emma Pereira, responsabile della comunicazione.

Qual è l'obiettivo principale della vostra organizzazione?
«La nostra missione è che tutte e cinque le specie di rinoceronti possano prosperare in natura per le generazioni future».

Com'è la situazione dei rinoceronti, nel 2020?
«Attualmente ci sono meno di 28'000 rinoceronti nel mondo. Ci sono cinque specie (2 in Africa, 3 in Asia), e tre di queste (rinoceronti neri, rinoceronti di Giava e rinoceronti di Sumatra) sono tutte ad altissimo rischio di estinzione. Due specie (Giava e Sumatra) hanno meno di 80 animali rimanenti. È molto preoccupante. Per fortuna, nel 2019 il bracconaggio si è ridotto a meno di 750 animali uccisi, per la prima volta dal 2012. Ma, in media, due rinoceronti vengono ancora braccati ogni giorno in Africa.

La pandemia di Covid-19 vi ha rallentato?
«La pandemia ha avuto un impatto enorme sulla conservazione dei rinoceronti. Molti dei nostri partner si affidavano al turismo per le loro attività, e il turismo si è praticamente fermato durante la pandemia, ed è improbabile che riprenda presto. La perdita finanziaria è stata enorme, soprattutto poiché ci sono delle attività quotidiane - come le pattuglie dei ranger - che non possono essere interrotte. I nostri partner hanno dovuto tagliare i budget il più possibile, spesso riducendo gli stipendi, mentre la gente ha dovuto lavorare più a lungo per garantire che la fauna selvatica, compresi i rinoceronti, rimanesse protetta. È stata estremamente dura, soprattutto perché il crollo dell'economia a livello globale ha fatto sì che anche la filantropia sia più difficile e rara».

E i progetti?
«Tutti i progetti che erano stati pianificati sono stati messi in attesa e/o cancellati. In alcune di queste attività, come lo spostamento dei rinoceronti in altre regioni più sicure, il tempismo è fondamentale, e i ritardi potrebbero avere un effetto a catena negativo sulla loro sicurezza e conservazione».

«Comunque i nostri sostenitori sono stati incredibili durante questo periodo, ma non possiamo permetterci che il Covid-19 annulli le vittorie che abbiamo ottenuto negli ultimi anni».

Cosa possiamo fare nel nostro piccolo per aiutare i rinoceronti?
«Tutti coloro che si preoccupano dei rinoceronti fanno parte della nostra comunità di conservazione dei rinoceronti, e ognuno di noi può fare la differenza. Che si tratti di parlare con amici e familiari delle minacce che i rinoceronti affrontano, di fare donazioni per le attività di conservazione, o di accettare la sfida di raccogliere più fondi, tutto può aiutare, non importa quanto grande o piccolo sia il contributo».

keystone-sda.ch / STF (KIM LUDBROOK)
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Vista la notizia di oggi, ma quando faranno la giornata dell'ex ceto medio ? ;-((( Scusami cornuto, non volevo rovinarti la giornata ma guarda che non sono quelli che ho citato sopra che ti sparano. Da noi li chiamano VIP io li chiamo schifosi e mi fermo altrimenti .............
TI.CH 1 anno fa su tio
I bracconieri uccidono per soldi non per regolare il numero. Mettiamo una traglia su di loro per ogni bracconiere ucciso un premio in denaro così mettiamo a posto due cose,
F/A-18 1 anno fa su tio
@TI.CH Colorare le corna o bucarle come dice il blogger sopra, idea intelligente per salvare la specie dall’estinzione e debellare i bracconieri, dopo e chiaro che se se ne vede ancora qualcuno in giro di potrebbe anche sparargli una raffica in quel posto, l’Africa è grande e non se ne accorgerebbe nessuno.
F/A-18 1 anno fa su tio
@F/A-18 Sto parlando di sparare ai bracconieri, non agli animali, a scanso di equivoci....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 11:07:16 | 91.208.130.85