Immobili
Veicoli
Lettore Tio.ch / 20 minuti
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
22 min
Da Bellinzona a Losanna senza mai cambiare treno
Le FFS hanno presentato il progetto d'orario 2023. Diverse le novità, anche per i viaggiatori ticinesi.
CANTONE
1 ora
Altri 107 positivi e ospedali un po' più vuoti
I pazienti ricoverati per Covid-19 in Ticino scendono sotto la soglia delle 60 unità
CANTONE
3 ore
«Pandemia, la vittima è stata la ragione»
Il reporter Gianluca Grossi crea scompiglio in libreria con la pubblicazione di "La libertà è una parola". Ecco perché.
AVEGNO GORDEVIO
16 ore
Perizia psichiatrica per il sospetto matricida
Il 21enne che dovrà rispondere del reato di assassinio è attualmente incarcerato alla Farera.
FOTO
CAPRIASCA
17 ore
L'altalena panoramica non c'è più
L'atto di vandalismo sarebbe stato commesso con una motosega.
CANTONE
18 ore
Gratis è meglio
Solo il 3% dei campioni d'acqua corrente analizzati dal Laboratorio cantonale nel 2021 presentavano delle lacune.
CANTONE
19 ore
Inquinamento, incendi ed esplosioni: una settimana di catastrofi
Sono stati svelati oggi i dettagli dell'operazione Odescalchi 2022, che scatterà il 13 giugno.
TICINO
19 ore
Sposarsi con l'ambiente: arriva il Festival della Natura
Biodiversità e riscoperta del verde al centro della nuova edizione che avrà luogo dal 18 al 22 maggio.
CANTONE
20 ore
Bignasca e Aldi lasciano TiSin
La novità è apparsa sul Foglio Ufficiale. No comment dal sindacato
LAVIZZARA
20 ore
Si è spento Giorgio Vedova
Addio a un uomo speciale. Con la sua azienda aveva dato lavoro a tanti ticinesi.
CANTONE
22 ore
Altri 35'000 posti a sedere per Ascensione e Pentecoste
Nei due weekend sono previsti venticinque treni speciali da e per il Ticino
FOTO
CANTONE
23 ore
Altro passo verso una (eventuale) aggregazione del Basso Mendrisiotto
Il consigliere di Stato ha incontrato gli Esecutivi di Balerna, Breggia, Chiasso, Morbio Inferiore, Novazzano e Vacallo.
BELLINZONA
31.08.2020 - 09:280

Undici domande sul crollo di Daro

I Verdi tornano alla carica sulla problematica di concedere licenze edilizie in collina.

Già nel 2014, gli ecologisti avevano denunciato la pericolosità di questo modo di agire: «Un appello che visto quello che è successo in via ai Ronchi sembra essere caduto nel vuoto».

BELLINZONA - Il crollo di un muro di sostegno in un cantiere situato in via ai Ronchi a Daro ha fatto tornare d'attualità una problematica che i Verdi del Ticino avevano già portato all'attenzione del Municipio di Bellinzona sei anni fa. Ovvero quella di concedere licenze edilizie in collina, dove le strade e la morfologia del terreno non è adeguato a uno sfruttamento intenso. «Un appello - precisano i Consiglieri comunali Marco Noi e Ronnie David - che visto quello che è successo sembra essere caduto nel vuoto».

Nella loro interpellanza, Marco Noi e Ronnie David ricordano poi come, negli ultimi anni, i Verdi abbiano denunciato «la politica sregolata del Municipio, il quale per poter corrispondere all’immaginario di grandezza e sviluppo dipinto con la campagna aggregativa, ha spinto sull’acceleratore dell’edificazione pubblica e privata, facendosi però scappare di mano in diverse occasioni la gestione normativa, operativa e finanziaria dei progetti».

Il cedimento del muro di sostegno della strada soprastante a un cantiere in una zona molto scoscesa - continuano i consiglieri comunali - sembra essere «un ulteriore esempio di questa pericolosa linea politica tenuta dal Municipio».

L'avvertimento del 2014 - Già nel 2014, in occasione della discussione sul credito di quasi tre milioni per il risanamento di Via Malmera, poco sotto a Via dei Ronchi, i Verdi avevano messo in guardia da «questa politica di urbanizzazione sregolata e non sostenibile, in atto anche in quella zona collinare».  Un «segnale politico» - lanciato in particolar modo dal consigliere comunale Paolo Bernasconi - che sembra proprio non essere stato raccolto dall’attuale Municipio. «Una riflessione approfondita è oggi ancora più rilevante - non solo in funzione della qualità del servizio, ma anche per questioni di sicurezza pubblica - alla luce della maggiore consapevolezza di quanto i cambiamenti climatici possano portare a eventi estremi con dissesti idro-geologici», concludono Noi e David nel loro esposto.

Di seguito le undici domande indirizzate al Municipio di Bellinzona:

1. Il muro di sostegno della strada ceduto e quello più grande accanto a nord (fortunatamente intatto), soprastanti il cantiere in corso, sono opere realizzate dal Comune oppure dai privati?

2. Perché è stata costruita quest’opera muraria? È stata costruita in relazione al cantiere sottostante attualmente in corso o era preesistente?

3. Nel caso il muro di sostegno sia stato realizzato o modificato dai privati in relazione al cantiere in costruzione, non ritiene il Municipio alquanto imprudente, se non addirittura scorretto, affidare ai privati le opere di fortificazione di una strada comunale?

4. Non ritiene il Municipio che sia il Comune a dover realizzare e mettere a disposizione della cittadinanza opere stradali idonee e sicure?

5. L’opera muraria di fortificazione della strada è stata collaudata e dichiarata idonea e sicura dalle Autorità comunali? Se sì, da chi è stato effettuato il collaudo?

6. Nei giorni successivi al crollo, sono state evacuate abitazioni circostanti per ragioni di sicurezza?

7. Il Municipio non ritiene imprudente la concessione di una licenza edilizia su un terreno così scosceso, la cui stabilità era in precedenza garantita da un bosco?

8. Alla licenza edilizia del cantiere in corso sono stati assegnati trapassi di indici di sfruttamento per aumentarne la SUL?

9. In che modo le prospettive di eventi idro-geologici estremi sempre più frequenti viene tenuta in considerazione nella pianificazione anche dei comparti collinari?

10. È vero che pochi anni fa quel tratto di strada era già stato chiuso perché in un terreno soprastante si era prodotto una frattura da scoscendimento del terreno?

11. Non ritiene il Municipio giunto il momento di sospendere la concessione di licenze edilizie in attesa di analisi idro-geologiche approfondite in un comparto tanto sensibile e in attesa dei risultati del masterplan?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 11:37:11 | 91.208.130.86