Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
2 ore
Veicoli in fiamme vicino alla dogana di Gandria: c'è un fermo
Il presunto responsabile sarebbe un 24enne del Comasco, già finito in manette
LUGANO
12 ore
La photo challenge di Lorenzo: «Fatevi una foto con la scritta»
L'ex pilota di MotoGp in posa con il sindaco Marco Borradori invita i suoi follower a visitare Lugano
LOCARNO
13 ore
L'Astrovia di Locarno? «Da oltre dieci anni abbandonata a se stessa»
Un'interrogazione chiede al Municipio d'intervenire per sistemare il percorso didattico
CANTONE
18 ore
Ecco le località nel mirino del radar
Sono sette i distretti ticinesi in cui sono previsti controlli mobili della velocità
SLOVENIA / SVIZZERA
18 ore
La Slovenia mette la Svizzera sulla lista gialla
Ora è prevista una quarantena di 14 giorni per chi entra nel Paese
CANTONE
19 ore
Richiesta di miglioramento del progetto Tram-Treno
Auspocato il mantenimento della linea di collina e il riassetto dello snodo di Cavezzolo
FOTO
BELLINZONA
19 ore
Corbaro ha ritrovato la libertà
La Spab si è presa cura del rapace, che ora riprenderà la sua vita nei boschi che sovrastano la Turrita
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
23 ore
Incidente allo svincolo di Bellinzona Nord
Auto contro un mezzo del Cantone: non si registrano feriti
CANTONE
1 gior
Fine della tregua: riecco la canicola
MeteoSvizzera annuncia una nuova ondata di caldo. Temperature fino a 34 gradi da domani a mercoledì
CHIASSO
1 gior
Pompieri in Corso san Gottardo
Fumo dal primo piano di uno stabile
LOCARNO
1 gior
I secret screenings di Lili Hinstin iniziano in Italia
Al GranRex il pubblico che si è accomodato in sala ieri ha visto "In nome del popolo italiano" di Dino Risi
CANTONE
1 gior
Nomina in seno alla polizia cantonale
Andrea Pronzini dirigerà il Centro di formazione, coordinerà le attività di selezione dei canditati aspiranti di polizia
VIDEO
LUGANO
1 gior
I City Angels regaleranno 4'000 mascherine
Con questa iniziativa i volontari vogliono sostenere le famiglie in difficoltà e lanciare un messaggio alla politica.
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha tre nuovi casi di coronavirus
Nel nostro cantone il tampone ha dato esito positivo per un totale di 3'449 persone da inizio pandemia.
CANTONE
15.05.2020 - 10:560

Aiuti dalla Confederazione: «Quanti furbetti?»

Lo domanda al Governo ticinese un’interrogazione di Tiziano Galeazzi e Roberta Soldati

BELLINZONA - In tempo di crisi economica legata al Coronavirus, la Confederazione si è mossa mettendo a disposizione la possibilità di ottenere liquidità in breve tempo senza lungaggini burocratiche. «Bastava compilare dei moduli e senza lasciare ulteriori documenti sullo stato di bilancio aziendale, struttura aziendale, organigramma, incassare la percentuale richiesta».

Se per molte aziende si è trattata di una “manna dal cielo”, è possibile che qualcuno ne abbia approfittato. Sono i “furbetti del quartierino”, così come li hanno definiti Tiziano Galeazzi e Roberta Soldati (UDC) in un’interrogazione al Consiglio di Stato. Persone «che, con degli escamotage, avranno incassato sì, i soldi destinati a sostenere la propria azienda, ma poi dirottati magari sui propri conti privati o utilizzati diversamente dallo scopo ben indicato».

Lo scenario continua: «Il risultato è semplice da capire. Incasso i soldi, li uso diversamente e faccio fallire l'azienda lo stesso. Conseguenza: licenzio il personale, non pago gli stipendi, non pago gli oneri sociali, non pago le tasse, non pago le fatture, non pago i creditori e fuggo con il malloppo».

Di seguito le sette domande dell’interrogazione UDC:

1) Quante imprese individuali, società di persone o persone giuridiche con sede sul territorio Cantonale hanno richiesto crediti bancari garantiti dalla Confederazione come previsto dall’Ordinanza sulle fideiussioni solidali COVID-19? Elencare i numeri suddivisi per i vari settori economici (primario, secondario e terziario) fino alla compilazione delle presenti risposte.
2) Di queste aziende quante non hanno riaperto e hanno chiuso per sempre le saracinesche? 
3) In base alla risposta data alla domanda no. 2; a quanto ammonta la somma complessiva che non verrà più restituita alle banche e quindi verrà elargita a queste ultime dalla Confederazione? Anche qui, gli importi sono da specificare per i vari settori economici (primario, secondario e terziario) 
4) Come si intendono recuperare le somme elargite alle aziende che hanno chiuso la loro attività o sono fallite? 
5) Quante denunce sono state presentate al Ministero pubblico cantonale aventi per oggetto reati commessi e abusi in relazione alle fideiussioni solidali? (elencare i numeri fino alla compilazione di queste risposte)
6) Risulta che qualche “furbetto del quartierino” denunciato o conosciuto per aver fatto sparire queste somme incassate nel periodo di Covid19 abbia poi riaperto altre società e/o attività commerciali? Se sì, quali misure sono previste per evitare questi raggiri ai danni dello Stato e dei cittadini? È previsto un sistema per monitorare tali fattispecie?
7) È previsto un sistema di monitoraggio delle aziende alle quali sono stati concessi fondi garantiti da fideiussioni per accertarsi che li abbiano utilizzati secondo gli intenti del Consiglio Federale? Se sì, per quale periodo e come?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 2 mesi fa su tio
Ma scusate, stiamo parlando di fideiussioni, quindi di prestiti garantiti ma da restituire. Mica sono soldi a fondo perso. O sbaglio? E' iniziata ufficialmente la campagna elettorale?
GI 2 mesi fa su tio
Fuggo con il malloppo.....manco avessero svaligiato una banca....Questo genere di "furbetto" non cesserà di esistere...covid o non covid....
Corri 2 mesi fa su tio
Non pensò che ci siano grandi malloppi, se una ditta a dichiarato 100, ne prende solo il 10%. Ovviamente può fallire di non pagare nessuno. Ma cosa li servirebbe? Con 10 mila o 20 mila ? Sì, potrebbe crearsi un’altra ditta.
tizianogaleazzi 2 mesi fa su tio
@Corri e vi sono quelli che da anni lo fanno di mestiere. Purtroppo con la legge federale sul lavoro, ad oggi non gli si può proibire di chiudere e aprire attività. Magari hanno anche preso sussidi dedicati alle start-up. Di casi in Ticino ve ne sono stati molti. Basta chiedere a qualche ufficio cantonale esecuzioni e fallimenti...se aprissero il libro .....
mats70 2 mesi fa su tio
Non c'è bisogno di essere dei geni per capire che in tanti casi andrà a finire proprio così...
miba 2 mesi fa su tio
La domanda 8 la faccio io...:):):) Ma se tutte le procedure ed i crediti accordati sono di competenza della Confederazione, e se come prevedibile una volta passata l'emergenza la Confederazione verificherà i preupposti , le condizioni e le entità dei crediti concessi dalle banche, perché mai nel nostro cantone abbiamo politici o pseudo tali che creano lavoro perfettamente inutile al Governo ticinese??? Non nego che sono sorpreso dal numero di like positivi alla stupidaggine della settimana partorita dall'UDC.....
tizianogaleazzi 2 mesi fa su tio
@miba caro Miba forse leggendo meglio tra le righe capirà che: A) lo sappiamo e non siam scemi che le fideiussioni sono di competenza federale. B) Avremo un quadro di aziende stabilite qua "farlocche" magari con titolari esteri...che da prima di covid19 aprivano e chiudevano attività commerciali mandandoli a rotoli e lasciando i buchi sulle spalle dei contribuenti (AVS, oneri sociali, iva ecc) oltre a disoccupati ...Se ci arriva lo capirebbe anche lei ..dove vorremmo andare a parare...ma forse no. Una volta passata l emergenza ...e questi furbetti che hanno già incassato, lei pensa che riusciranno a farsi rimborsare? MA in che mondo vive....Alice nel Paese delle meraviglie..Legga e si informi cos'è successo nel Canton Zuirgo e chissà quanti altri cantoni. Per finire queste persone purtroppo non si possono perseguire all'esterno, con pignoramenti o altro...quindi...non le se accende una lapadina? leggendo quanto scrive non mi pare. Si ricordi che questi debiti non ripagati li pagheremo noi. Anche a livello svizzero..e quindi se lei paga le tasse qua, parteciperà anche lei a tappare i buchi. Saluti
albertolupo 2 mesi fa su tio
@tizianogaleazzi Egregio signor tizianogaleazzi, allora sarebbe più utile darsi da fare per attuare delle modifiche di legge che impediscano o almeno frenino il fenomeno dei fallimenti farlocchi? Così si colpirebbero i casi concreti, senza girarci attorno.
miba 2 mesi fa su tio
@tizianogaleazzi Non ho le qualità di un politico ma vedo che è passato abilmente di lato alla questione di fondo e cioè che le fidejussioni sono di competenza federale ma lei dovrebbe anche spiegarmi anche dove sta il nesso tra le fidejussioni e gli oneri sociali eventualmente non pagati: in un passato poi nemmeno così lontano non vi era forse chi, ora ormai deceduto, dava la caccia alle streghe (alias Mattino della domenica) pur avendo scoperti importanti con gli oneri sociali? Ha anche abilmente evitato una domanda indiretta che avevo posto e cioè il suo partito quali informazioni ha ottenuto da Berna prima di procedere con questa iniziativa? Vi sono linee comuni in merito concordate con Berna e/o altri cantoni oppure no? Se no, siamo alle solite: agire su temi facili per avere facilmente consensi. Non pensa inoltre che la domanda 3 (somma complessiva che non verrà più restituita alle banche) sia completamente fuori posto in questo preciso momento? Forse tra un paio di mesi si saprà... Da tempo più che catalogarmi in un colore politico ho imparato a dare valore alle persone, siano esse di destra o di sinistra, ma soprattutto a farmi qualche domanda e non prendere tutto per oro colato quello che si vorrebbe far credere ed in questo, e penso ne converrà con il sottoscritto, i politici sono generalmente dei veri maestri :)
miba 2 mesi fa su tio
@miba ....e come volevasi dimostrare nell'articolo apparso successivamente nel pomeriggio: Crediti Covid: varato il piano anti-abusi Il piano contiene misure per arginare il rischio di abusi e consente di identificare gli errori. Come vede Berna non l'ha studiata dalla sera alla mattina... In Ticino purtroppo abbiamo troppo spesso politici che non si informano, che non sanno quello che fa la mano destra e la mano sinistra e/o che sfruttano questioni evidenti per il proprio marketing politico. O forse che in Ticino i politici dovrebbero seguire un corso di tedesco per restare al passo con Berna? Come vede proprio tutti i torti non li avevo.......
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 11:51:13 | 91.208.130.87