TIPRESS
Tre politiche del Moesano hanno scritto a Simonetta Sommaruga.
ULTIME NOTIZIE Ticino
MIGLIEGLIA
12 min
Dal 6 giugno di nuovo sul Monte Lema
I ticinesi potranno beneficiare di uno sconto del 50% sulla funivia
BELLINZONA
48 min
Mercato del sabato "in maschera"
Gli avventori saranno «caldamente invitati» a indossare le mascherine. I venditori saranno obbligati a farlo.
LUGANO
1 ora
Alla Foce il distanziamento sarà garantito così
Sedute e arredo delimiteranno il numero di presenze e orienteranno i frequentatori nel mantenere le distanze
MENDRISIO
1 ora
Scorte sanitarie al posto dei migranti
Con la fine della crisi migratoria, il Centro provvisorio di Rancate cambierà destinazione.
CANTONE
3 ore
Dichiarazioni d’imposta, concessa una proroga
Invio possibile fino al 30 giugno per le persone fisiche e il 30 settembre per le persone giuridiche
LOCARNO / CENTOVALLI
4 ore
In futuro Locarno-Intragna ogni 30 minuti
FART e UFT hanno siglato la convenzione per l'avvio della progettazione della tratta
VIDEO
CANTONE
4 ore
Emergency Medice Day, c'è anche Tre Valli Soccorso
Per l'occasione è stato realizzato un video che mostra alcuni aspetti del soccorso pre ospedaliero ai tempi del covid
BELLINZONA
4 ore
Gestione dei Castelli, i risultati sono ancora positivi
Rispetto al 2018, il risultato è cresciuto di 30mila franchi
CANTONE
4 ore
Dall'EOC alla Facoltà di Biomedicina dell'USI
Il dottor Olivier Giannini, viceprimario di medicina interna all'OBV, è stato nominato libero docente.
CANTONE
4 ore
«Dobbiamo convivere con un ospite molto sgradito»
A seguito delle decisioni della Confederazione, oggi il Cantone ha fatto il punto sulla situazione del coronavirus
CANTONE
5 ore
Un corso per specialisti in amministrazione pubblica
La formazione, della durata di due anni, è strutturata in cinque moduli
CANTONE
5 ore
Coronavirus: due nuovi contagi
Il numero dei morti resta immutato. Aumenta, invece, quello dei dimessi
LOSTALLO (GR)
5 ore
Precipita con il parapendio e finisce al Civico
L'incidente è avvenuto ieri in Val de Groven, sopra Cabbiolo
CANTONE
5 ore
Condanna per la titolare dello studio "Lex e Iustizia"
Per il giudice la donna ha millantato competenze non in suo possesso traendo in inganno i suoi clienti
CANTONE
8 ore
Pigioni ai tempi del Covid: «Il silenzio del Governo è scandaloso»
Il presidente dell'Asi sulle piccole e medie imprese: «Si rischia un bagno di sangue»
CANTONE
8 ore
I ristoranti superano l'esame Covid e brindano all'allentamento
Il settore supera la serie di controlli della polizia e si prepara a meno restrizioni
CANTONE
17 ore
Via libera dal Parlamento alla riforma sociale
Il pacchetto di misure prevede un investimento di 17,4 milioni di franchi, che tocca anche i sussidi cassa malati
CANTONE
17 ore
Si torna alla "normalità" anche in ospedale
De Rosa fornisce le date per i pronto soccorso di Acquarossa e Faido e la neonatologia a Locarno e Mendrisio
FOTO
QUINTO
18 ore
Si rompe il serbatoio, 400 litri di nafta sull'A2
Sul posto il Centro intervento del San Gottardo
CANTONE
19 ore
«Basta polemiche, mio figlio ha già superato il test della vita»
Covid-19: parla la mamma di un liceale che avrebbe dovuto sostenere gli esami di maturità. Poi annullati.
CANTONE
20 ore
L'obbligo formativo fino ai 18 anni è realtà
Il Gran Consiglio ha approvato la modifica della Legge della scuola per aiutare i giovani a ottenere un diploma
GRIGIONI
04.04.2020 - 20:020

Tre politiche scrivono a Sommaruga: non devono esserci differenze tra il Moesano e il Ticino

L'atteggiamento delle autorità locali, affermano, «non è accettabile» ed è «privo di etica»

SAN VITTORE - Tre politiche del Moesano hanno scritto una lettera alla presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga per chiedere che nel Moesano siano adottate le stesse misure preventive che sono in vigore in Ticino.

Le firmatarie - Oltre a Nicoletta Noi-Togni, sindaca del Comune di San Vittore e deputata al Gran Consiglio grigionese, la missiva è firmata da Silva Ponzio, municipale del Comune di Roveredo e deputata supplente al Gran Consiglio e Myriam Fasani-Horat, deputata supplente al Gran Consiglio retico. «Ci rivolgiamo a Lei come Presidente della Confederazione, ma anche come donna, credendo di poter trovare in Lei una particolare sensibilità nei confronti del dolore e della malattia».

La situazione sanitaria - Dopo aver dipinto la triste quotidianità ai tempi del coronavirus, spiegano: «Solo il sapere che le istituzioni mettono in atto ogni misura preventiva per debellare il nemico nascosto, sa tranquillizzare. Cosa questa che sta facendo da diverse settimane il Ticino. Ora, la nostra regione di 8600 anime circa, non fa parte politicamente del Ticino ma dei Grigioni. Condivide con il Ticino lingua e cultura, è geograficamente immersa nel Ticino e la gente del Moesano accede al Ticino per scuole, economia, lavoro e altro ancora ma anche per i servizi sanitari, segnatamente per l’assistenza ospedaliera dato che il Moesano non dispone di un suo ospedale». Portare gli ammalati a Coira o negli altri ospedali grigionesi «significherebbe compiere un tragitto di diverse ore per giungere in nosocomi dove non si parla la nostra lingua. Cosa forse non grave quando la situazione non è drammatica ma impensabile in un contesto di malattia come quello rappresentato dal coronavirus». 

Atteggiamento «non accettabile» - «Ovvio quindi» per le tre firmatarie «chiedere che tutte le misure di prevenzione da questa malattia vengano adottate al fine di evitare le situazioni sopra citate anche nel Moesano, dato che le persone che si ammalano in questa regione confluiscono negli ospedali ticinesi già al collasso. Con quale coscienza quindi non facciamo di tutto per evitare al Ticino un sovraccarico maggiore di ammalati perché nel Moesano non si mettono in atto le stesse misure anti contagio del Ticino?». Il giudizio sulla politica anti-contagio grigionese è duro: «Per noi questo atteggiamento delle autorità locali (che non stanno peraltro rappresentando l’unanimità di opinioni dei politici regionali) e cantonali grigionesi, non è accettabile; privo dell’etica che in questo momento dovrebbe essere posta al centro del dibattito nonché della piu’ elementare logica. Da settimane ci stiamo battendo per cambiare questo stato di cose».

Ditte e cantieri - Convincere le persone a rimanere a casa è complicato ma fattibile, ma «per ciò che riguarda ditte e cantieri ci ritroviamo impotenti. E proprio in questo settore ci occorrerebbe la cosi detta “finestra di crisi” che il Governo federale concede qualora fossero rispettati certi parametri, misura che l’autorità ticinese giustamente ha già introdotto da settimane, ora anche con il consenso del Consiglio Federale». Partendo dal presupposto che c’è perfetta uguaglianza tra la situazione in Ticino e nel Moesano, «non capiremo mai perché le misure, nota bene in uno stato di necessità da pandemia, non debbano essere le stesse. La finestra di crisi, peraltro, consentirebbe anche, laddove ci fossero necessità improrogabili da parte di talune ditte, di concludere lavori già iniziati. Ditte e cantieri chiusi significherebbe comunque meno traffico, meno spostamento di persone e di mezzi e perciò meno possibilità di contagio. Tutto sarebbe sotto controllo e nessuno potrebbe da un momento all'altro riaprire e non ci potrebbero essere abusi. La Polizia cantonale dei Grigioni ha scoperto, dopo la chiusura in Ticino, che ditte sono fuggite dal Ticino per installarsi nel Moesano». 

"Finestra di crisi" - Per quanto concerne i parametri elencati dall’articolo 7e dell’Ordinanza 2 sui provvedimenti per combattere il coronavirus del 13 marzo, che il Consiglio Federale pone come condizione per l’accesso di una regione alla “finestra di crisi” per l’economia, «noi crediamo in buona fede che questi siano dati. In riferimento a quanto sopra descritto riteniamo che la condizione a) sia data in quanto i pazienti del Moesano potrebbero trovarsi nella situazione di non poter piu’ essere accolti dalle strutture ospedaliere ticinesi perché sovraccariche. Come del resto sono date le condizioni sia della lettera b) che permette la chiusura quando è altamente probabile che non vengano rispettate le misure di protezione dei dipendenti e quelle della lettera e), quando cioè il funzionamento è compromesso dalla mancanza di mano d’opera. Cosa che si è verificata; in tal caso la finestra di crisi in questione avrebbe aiutato la ditta indennizzandola. Non dimentichiamo poi che la stessa Costituzione Federale nel capitolo dei diritti fondamentali parla del diritto all’integrità fisica e psichica e prevede all’articolo 118 la protezione dalle malattie trasmissibili».

In conclusione Noi-Togni, Ponzio e Fasani-Horat chiedono l'intervento di Sommaruga «in favore della nostra popolazione del Moesano e anche del Ticino, in quanto anch’esso ulteriormente messo in difficoltà dalla situazione sanitaria» della regione grigionese.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tazmaniac 1 mese fa su tio
ma chiudete e basta, fregatevene di Berna! Quelli non sono ancora scesi dal letto... e quando lo faranno, voi sarete già da un pezzo in cantina! Tanto cosa possono farvi? Questi fanno tanti bla,bla, ma poi calano le braghe, sono abituati, tranquilli...
falcodellarupe 1 mese fa su tio
Parrebbe la cosa più logica di questo mondo.......ma immagino che la logica non stanzi da quelle parti, o no?
4cerchi 1 mese fa su tio
Caro Ugo.. Una presidente sinistroidi, un consigliere italiano e la frittata è fatta. Non parlo di bellinzona perché se no vado a vomitare. Siamo ai livelli del prodi hihihihi
Galium 1 mese fa su tio
@4cerchi Commento di rara intelligenza
4cerchi 1 mese fa su tio
@Galium È un dato di fatto che quando parli e ti interrompono o ti danno del razzista o offendono il modo di pensare sono sicuramente della sinistra. Continuate xd che tr 1 anno a qualcuno salta la cadrega.... La gente non si dimentica. Cominciamo a dimezzare il guadagno dei consiglieri tanto per ricavare e non dare le briciole. Ti ricordo che la cassa integrazione ti da l 80. Bellissimo... Il 20 lo recuperi es dalla migros che paga una miseria in ticino di tasse e fan utili di miliardi i. Scusa ma la gysin è col bugo?
ugo202230 1 mese fa su tio
Chiudere tutto in tutta la Svizzera, altro che lasciare che gli svizzeri tedeschi entrino in Ticino. Forse non si è capito che la Svizzera è una sola e le regole devono valere per tutti. Non vorrei che fra qualche settimana quando in Ticino la fare critica passerà il to non ricada sulla Svizzera tedesca, allora tutti correranno e divieti verranno imposti per tutti i cantoni. Col cavolo che noi Ticinesi, già confinati e reclusa da due settimane, accetteremo tale imposizione. Penso che il nostro scotto lo abbiam
ugo202230 1 mese fa su tio
Chiudere tutto in tutta la Svizzera, altro che lasciare che gli svizzeri tedeschi entrino in Ticino. Forse non si è capito che la Svizzera è una sola e le regole devono valere per tutti. Non vorrei che fra qualche settimana quando in Ticino la fare critica passerà il to non ricada sulla Svizzera tedesca, allora tutti correranno e divieti verranno imposti per tutti i cantoni. Col cavolo che noi Ticinesi, già confinati e reclusa da due settimane, accetteremo tale imposizione. Penso che il nostro scotto lo abbiamo già ampiamente pagato.
Rolf Banz 1 mese fa su fb
non dovrebbe essere nessuna differenza in Svizzera ( uno per tutti - tutti per uno ) Sommaruga tic tac - tic tac azionato
seo56 1 mese fa su tio
Non è ora che il Moesano faccia parte del Ticino!
4cerchi 1 mese fa su tio
Piantiamo I paletti per un Ticino indipendente, decisamente, si Indipendenza!!!!
Deby Deby 1 mese fa su fb
Uno dei miei pensieri condiviso dai miei famigliari e' proprio quello di dover magari essere ricoverati a Thusis o Coira dove non parlano la nostra lingua. Magari se fortunati per un periodo e poi tornare a casa se invece la cosa va male.... finire i giorni in un paese sconosciuto dove non parlano nemmeno la nostra lingua. Drammatico e' dir poco.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 15:16:54 | 91.208.130.89