tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
2 min
Iniziativa "Strade sicure", in primavera la consultazione
L'iniziativa cantonale vuole vietare il transito ai camion non dotati dei nuovi sistemi di sicurezza
CANTONE
21 min
La Cantonale ha tre nuovi Ufficiali
Marco Mombelli, Georges Locatelli e Luca Ceresetti sono stati nominati dal Consiglio di Stato
CASTEL SAN PIETRO
2 ore
Medacta potrebbe dover sborsare una decina di milioni
Advanced Surgical Devices, società controllata dal gruppo della famiglia Siccardi, ha subito una condanna (provvisoria) negli Stati Uniti
CONFINE
2 ore
«Li perdono, ma intanto li ho denunciati»
Ladri in azione nella villa di monsignor Grampa. L'ex vescovo di Lugano: «Bottino magro, solo oggetti devozionali»
PARADISO
2 ore
Gran successo per il carnevale di Paradiso
Lo scorso weekend trampolieri, giocolieri e mangiafuoco hanno trasformato il lungolago in un circo a cielo aperto
CANTONE / MILANO
2 ore
«Altro che volante, a me tutto il cruscotto»
Ennesima vittima della banda milanese che, in questo caso, ha colpito la sera di S. Valentino. Il danno? Circa 17mila franchi
LUGANO
3 ore
La fisica solare entra all'USI
Approvata ieri dal Parlamento l'affiliazione dell'IRSOL alla Facoltà di scienze informatiche
FOTO E VIDEO
CONFINE
5 ore
A carnevale questo scherzo non vale: «Sequestrati 100'000 prodotti non sicuri»
La Guardia di Finanza di Como ha requisito parrucche, maschere e cappelli di due esercizi commerciali di Olgiate Comasco e Vertemate Con Minoprio
LUGANO
5 ore
Tensioni in casa Swica: quella donna può permettersi di tutto
Il recente articolo di Tio/ 20 Minuti ha sollevato un polverone. Diverse le nuove testimonianze. Tutte contro la responsabile vendita
FOTO
TESSERETE
5 ore
Trovo l'acqua in Amazzonia, e loro mi regalano sorrisi
Saverio Mondini ha dedicato quasi metà della sua vita in Brasile, seguendo in prima persona gli aiuti umanitari della sua associazione
CANTONE
12 ore
Marchesi: «Anche noi frontalieri per il triplo dello stipendio»
Al comitato cantonale UDC un unico motto: «Il 17 maggio tutti per la limitazione dell’immigrazione»
CANTONE
13 ore
Legionellosi, una doccia pubblica chiude i rubinetti
Da un recente controllo trovate strutture non conformi. In una di queste la contaminazione era massiccia
FOTO
NOVAZZANO
13 ore
«Non arrendiamoci». Partono le giornate del malato
Alla serata di gala e d'apertura un centinaio di persone oltre al Consigliere di Stato Raffaele De Rosa
BALERNA
14 ore
Il tentato scippo sventato con una caramella
La polizia, intanto, ha già fermato il malvivente
CANTONE
18.01.2019 - 16:040

«Tentativo di speculazione della EFG SA: chi la racconta giusta?»

Ghisletta interpella il Governo: «Insufficienti per giustificare questa speculazione immobiliare sia le residenze per anziani, sia gli scampoli verdi del quartiere proposti»

BELLINZONA - Sulla Banca EFG SA di Lugano e i sui progetti per un nuovo piano di quartiere nell’area dell’ex Centro sportivo BSI di Cadro, Raoul Ghisletta, dopo aver interrogato il Municipio di Lugano, si rivolge ora al Governo con un'interpellanza.

«In futuro - spiega Ghisletta - EFG vorrebbe trasformare l'area in una zona residenziale con grandi palazzi, di pregio architettonico». «Ovviamente - prosegue il granconsigliere PS - EFG ha diritto di indire dei concorsi. Il guaio è che nella giuria del concorso (collegio di esperti) siedono anche due membri nominati dal Municipio di Lugano: l’on. Angelo Jelmini e l’arch. Marco Hubeli, direttore della Divisione pianificazione ambiente e mobilità della Città di Lugano».

Ghisletta si domanda quindi perché il Municipio di Lugano abbia «benedetto questa operazione, che porterà a far guadagnare parecchio una banca grazie ad una speculazione immobiliare notevole, visto il prezzo d’acquisto del terreno». Si chiede quindi perché lo stesso Municipio si sia «prestato ad un coinvolgimento dal profilo pianificatorio (ventilando anche alti indici per l’edificazione del quartiere), poiché la realizzazione di un nuovo importante insediamento abitativo primario a Cadro significa rafforzare lo sviluppo centrifugo, anziché quello centripeto (come si predica da anni)».

«Ci sembrano insufficienti per giustificare questa speculazione immobiliare e questo caso di sviluppo centrifugo - conclude il granconsigliere - sia il fatto di prevedere delle residenze per anziani autosufficienti, sia il fatto di rendere degli scampoli verdi del quartiere accessibili alla popolazione di Cadro».

Da qui le seguenti domande:

1) com’è inserita l’area del nuovo quartiere nel PR? Quanti m2 sono? Ci sono altre parcelle viciniore al mappale 590 che vengono considerate dalla EFG per l’edificazione del nuovo quartiere a Cadro?

2) Quando e con che obiettivo il Municipio ha nominato quali suoi rappresentanti nella giuria del concorso (collegio di esperti del “Mandato di studio in parallelo – Proposte per un nuovo piano di quartiere nell’area dell’ex-centro sportivo BSI di Cadro”) l’on. Angelo Jelmini e l’arch. Marco Hubeli, direttore della Divisione pianificazione ambiente e mobilità della Città di Lugano?

3) Quando e con che modalità il Municipio ha dato “un primo parere positivo” al nuovo quartiere in questione (v. comunicato stampa del 14.11.2018 intitolato “Lo studio Lands Architecture è stato selezionato quale miglior progetto per la riqualifica dell’area dell’ex centro sportivo BSI a Cadro, ora di proprietà di EFG International”)?

4) Quando e con che modalità il Municipio di Lugano ha deciso di emanare il parere finale riportato a pag. 37 del “Mandato di studio in parallelo– Proposte per un nuovo piano di quartiere nell’area dell’ex-centro sportivo BSI di Cadro”?

5) Come si concilia l’agire del Municipio con le indicazioni dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale, che pone come uno degli obiettivi centrali lo sviluppo centripeto degli insediamenti (ossia uno sfruttamento più intensivo delle superfici d’insediamento esistenti, tutelando la migliore qualità insediativa possible) e non quello centrifugo (urban sprawl) come in questo caso?

6) Come si concilia l’agire del Municipio con le modifiche della legge cantonale sullo sviluppo territoriale in vigore dal 2014, in particolare con l’art. 1, cpv. 2 lett. a, c, d?

Le citate norme di legge indicano come obiettivi:
a) promuovere un uso misurato del suolo ed uno sviluppo sostenibile;
c) individuare soluzioni coordinate che integrino insediamenti, mobilità e ambiente;
d) preservare lo spazio non costruito per l’agricoltura e lo svago.
7) Come si concilia l’agire del Municipio con il principio del Piano direttore cantonale, che stabilisce come le zone edificabili non possano essere ampliate (Scheda R6 - Sviluppo e contenibilità del PR, punto 2.1), salvo per validi motivi?
8) Quale variante di PR intende proporre il Municipio?
9) Chi ha deciso durante lo svolgimento del concorso che si poteva alzare l’indice di edificabilità nel nuovo quartiere?
10) Quale indice di edificabilità il Municipio intende proporre nella variante di PR?
11) Quanti abitanti potrebbero essere insediati nel nuovo quartiere in caso di realizzazione della variante di PR?
12) Perché il Municipio non ha perlomeno posto come condizione per il concorso sul nuovo quartiere di mantenere a favore dell’uso pubblico una parte delle attrezzature sportive esistenti?
13) Quanto è stato il prezzo d’acquisto del terreno da parte della BSI e in che anno è avvenuto?
14) L’aumento del valore dell’area in questione, che deriverebbe dalla modifica del PR, sarebbe soggetto a contributo secondo gli art. 93 e sgg. della legge cantonale sullo sviluppo territoriale? Quanto riceverebbero i beneficiari (Comune e Cantone)?

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-19 12:27:00 | 91.208.130.85