Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
43 min
Fino a quindici anni di carcere per gli abusi sui figli
La sentenza è stata comunicata poco fa dalla Corte delle Criminali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta: «Fatti di una gravità mostruosa»
LUGANO
47 min
Una star del calcio per i diplomi ai nuovi manager
È stato uno degli allenatori più blasonati del calcio. Fabio Capello ha incontrato i diplomati del CAS in Management dello Sport e degli Eventi SUPSI 
FOTO
LOCARNO
1 ora
Si immette sulla strada ma non si accorge del bus
L'incidente è avvenuto all'intersezione fra via in Selva e via Franzoni, a Locarno. Leggermente ferito il conducente dell'auto
CANTONE
1 ora
Arriva la neve, cambiate le gomme
La polizia ricorda che nonostante non siano obbligatorie, chi crea problemi alla circolazione e incidenti a causa dell’inadeguato equipaggiamento invernale può comunque essere punito
LUGANO
2 ore
Il futuro sostenibile sul Ceresio si siede sulle "e-panchine"
Una mozione interpartitica chiede al Municipio di posare alcune stazioni di ricarica polifunzionali sul territorio cittadino
GAMBAROGNO
2 ore
Un traffico da incubo, scatta l’interpellanza
Roberta Passardi e Giacomo Garzoli sottopongono tredici domande al Consiglio di Stato. «C’è l’intenzione di revocare almeno parzialmente le limitazioni?»
LUGANO
2 ore
Il contagio da epatite C finisce al Tribunale federale
Il procuratore pubblico Moreno Capella ha deciso di presentare ricorso contro la decisione di ricusa del giudice Siro Quadri
GAMBAROGNO
3 ore
«Per colpa di Ferrari il Lido Gerra potrebbe aprire in ritardo»
È quanto lascia intendere il Municipio in una presa di posizione in cui si parla di «consigliere comunale ostinato», «ostruzionismo» e «tentativi atti a screditare l’operato» dell’Esecutivo
ASTANO
3 ore
«La fusione con Tresa è l'unica soluzione percorribile»
Il Consiglio di Stato ha risposto alla mozione parlamentare che chiedeva di aiutare il comune malcantonese ad uscire dalla crisi finanziaria di cui è oggetto
FOTO
RIVA SAN VITALE
4 ore
C’era una volta il cotto. Il Comune riaccende il passato delle fornaci
Abbandonate ormai da una settantina d’anni, verranno recuperate e valorizzate. Strizzando l'occhio a artigiani e artisti locali, ma anche al turismo
CANTONE
4 ore
Quanta neve arriverà stasera? Le stime di MeteoSvizzera
Mendrisio, Lugano e Locarno potrebbero essere risparmiate. Fino ad una quindicina di centimetri a Bellinzona. Una ventina a Biasca e fino a mezzo metro ad Airolo. L’allerta scatta alle 18
CANTONE
5 ore
La Regio Insubrica si concentra sul Ceresio
Si è tra le altre cose riscontrata l’efficacia della procedura di emergenza concordata a seguito dei precedenti incontri ed attuata in occasione di un recente blackout
CANTONE
6 ore
Oltre centotrenta atti sessuali? «Sono troppi»
Cosi la difesa del cinquantenne a processo con la moglie per abusi sui figli, che punta a una pena non superiore ai sei anni e sei mesi. Le scuse degli imputati. La sentenza alle 17
VIDEO
CANTONE
6 ore
Abbiamo provato il panino con la "carne vegana" di Burger King
E sul quale però proprio i veg fanno un po' di polemica (per come è cotto). Dobbiamo dire che ci ha sorpresi, e parecchio
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Animali maltrattati: male la Svizzera, bene il Ticino
A livello nazionale i procedimenti penali per violazione delle norme di protezione sono tornati ad aumentare. Nel nostro Cantone si registra il dato più basso degli ultimi cinque anni
CANTONE
11.06.2018 - 12:200

Elezioni cantonali: politici poco “digitali”, vince la tradizione

L'Osservatorio della vita politica cantonale dell'Università di Losanna ha analizzato le elezioni del Gran Consiglio del 2015 per comprendere alcune dinamiche politiche

BELLINZONA - Come si diventa candidati? Quali sono le caratteristiche che bisogna avere per potere essere eletti? Come viene portata avanti una campagna politica? Quale convergenza c'è fra gli elettori, i candidati e gli eletti? È a queste domande che si è proposto di rispondere il nuovo studio dell'Osservatorio della vita politica cantonale dell'Università di Losanna, presentato questa mattina in conferenza stampa da Oscar Mazzoleni e Andrea Pilotti.

Lo studio, basato su un campione rappresentativo di 390 candidati, analizza le elezioni del Gran Consiglio del 2015. «Questo ci è sembrato il momento più adatto per esporre i risultati in vista delle elezioni del 2019» ha spiegato Mazzoleni nell'introduzione.

Come si diventa candidati - Il ruolo dei partiti nella scelta dei candidati è fondamentale, soprattutto per i partiti storici. Il 70% delle candidature del 2015 è stato sollecitato dai responsabili della lista, solo il 30% sono state spontanee. Il profilo del candidato spontaneo è uomo, ha già avuto incarichi di partito ed è leghista.

Quali sono le caratteristiche - Una lieve maggioranza di candidati è laureata. Lega, La Destra e Mps-Pc sono le tre liste che contano meno laureati. Tra i candidati Plr e Lega sono presenti imprenditori e liberi professionisti. Nel 2015, dopo 20 anni, è emersa una categoria professionale importante rispetto alle chance di successo: molti degli eletti esercitano professioni contigue alla sfera politica (funzionari di associazioni, sindacalisti, municipali).

L'esperienza politica - Un dato nuovo del 2015 è anche che è aumentata la quota di candidati con poca o nessuna esperienza politica, soprattutto per Plr e Ppd, le stesse liste che hanno presentato candidati giovani. Si conferma anche il ricambio parlamentare: circa un terzo degli eletti in Gran Consiglio sono nuovi, anche se continua il successo della rielezione del candidato uscente.

Le donne candidate - Circa un quarto dei candidati, in media, è donna. La maggioranza è nei Verdi (55,5%), seguono Ps (34,4%), Ppd (28,9%), Mps-Pc (20%). Plr, Lega e La Destra hanno le percentuali più basse (tra l'11 e il 19%). 
Le donne hanno una minore esperienza politica e di durata inferiore (massimo 10 anni rispetto ai 20 anni degli uomini), nonché minori esperienze dirigenziali di partito. La carriera politica delle candidate di sesso femminile inizia a partire dai 40 anni. È minore l'impegno economico nella campagna: le donne si affidano principalmente al partito. È molto più elevato il numero delle laureate candidate (anche nella Lega).

Le donne elette - Le elezioni del 2015 sono ricordate per l'avanzata significativa delle elette in Gran Consiglio, la percentuale più alta di sempre: 24,4%. Un aumento riconducibile alla Lega e al Ps. Nove donne su dieci sono laureate (6 su 10 per gli uomini) e salariate, un terzo esercita una professione indipendente (1/4 per gli uomini), la maggior parte è nubile.

La campagna politica - I mezzi tradizionali di campagna rimangono uno strumento imprescindibile. Sono ben lontani dall'essere sostituiti dai mezzi digitali. Si privilegiano riunioni, comizi e assemblee. È diminuito il ricorso, per tutti i partiti, a Internet. Chi li ha utilizzati si è rivolto principalmente ai social network (meno rispetto al 2011), al sito internet personale (usato dal 50,7% degli eletti e dal 24,5% dei non-eletti) e ai portali informativi (60,6% degli eletti e 31,9% dei non-eletti).Gli eletti hanno usato più dei non-eletti interviste sui mezzi d'informazione, lettere agli organi di stampa, annunci a pagamento e manifesti. I candidati di Ps e Verdi utilizzano principalmente soldi del partito per finanziare la campagna, mentre quelli di Plr e Lega contano principalmente sui mezzi personali (nel Ppd è presente un profilo misto).

Problemi da affrontare - I dati relativi agli eletti sono stati incrociati con le opinioni raccolte presso i cittadini. Immigrazione, mercato del lavoro e integrazione europea sono tra i principali temi d'interesse a livello nazionale. Sull'Europa la preoccupazione è più diffusa tra gli eletti (40,2%) che tra i candidati (29%) e gli elettori (21,1%). L'immigrazione, invece, tocca più gli elettori (12%), che i candidati (10,3%) e soprattutto gli eletti (5,7%). Sul mercato del lavoro viene segnalata una convergenza.
A livello ticinese i temi cambiano. Il mercato del lavoro - tema comune - è per gli eletti menzionato come preoccupazione principale (61,8%), così come per i candidati (50,3%) e gli elettori (32,4%). Se si considera anche il tema dei frontalieri, le percentuali aumentano soprattutto come interesse degli elettori. La terza "problematica" per i ticinesi è il traffico.

Convergenza d'opinioni - Elettori, candidati ed eletti della Lega si dimostrano i più coesi nell'identificare i problemi nazionali e cantonali prioritari. Più divergenze esistono tra eletti ed elettori di Plr, Ppd e Ps. Ad esempio nessuno degli eletti del Ps menziona l'immigrazione come problema urgente da risolvere, mentre l'8,3% degli elettori lo considera come tale. Divergenza marcata sui frontalieri viene riscontrata nel Ppd e nel Plr. In generale, le opinioni dei candidati e degli eletti al parlamento convergono con quelle degli elettori, con alcune divergenze, in particolare sull'ordine di priorità dei problemi da risolvere. 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 18:41:23 | 91.208.130.87