Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
10 min
Elezioni federali, ecco gli ordini di successione dei candidati
CONFINE / CANTONE
39 min
A prendere il sole nel parcheggio del supermercato. Anche oggi
AIROLO / GÖSCHENEN
1 ora
Sfida a volano nel tunnel (bloccato) del Gottardo
BERNA/LUGANO
2 ore
L'Acsi: «Parlamento sordo agli interessi dei consumatori»
AIROLO / GÖSCHENEN
3 ore
Schianto nel San Gottardo: coinvolti un'auto, un camper e un furgone
MAGADINO
3 ore
Gita estiva per il Consiglio di Stato
BELLINZONA
3 ore
IOSI apripista: nuove terapie contro i linfomi aggressivi
CANTONE / URI
4 ore
Incidente nel San Gottardo: galleria chiusa fino alle 18
LUGANO
4 ore
Veicoli a guida autonoma? «Parlatene con l'intelligenza artificiale»
CANTONE
5 ore
Impatto della cultura: «Perché lo studio non è stato demandato all'IRE?»
CANTONE
6 ore
Chi merita il «Sasso del Diavolo», premio per i trasporti assurdi?
CANTONE
6 ore
«Il Ticino sia riconosciuto come un Cantone a statuto speciale»
BELLINZONA
6 ore
Risanamento della cassa pensione, l'MPS risponde al Municipio
BELLINZONA
7 ore
Ufficio postale di Claro, confermata la chiusura e il ricorso a alla PostCom
AVEGNO GORDEVIO
7 ore
Attenzione alle opere di pavimentazione
CANTONE
07.05.2018 - 09:540
Aggiornamento : 12:36

Posti di lavoro in Ticino: «Che succede alla Swisscom?»

Nadia Ghisolfi ha inoltrato un'interpellanza sul tema: «Quanti posti dirigenziali esistono ancora in Ticino? Quanti sono andati persi per essere concentrati nella Svizzera tedesca o francese?»

BELLINZONA - «Swisscom taglia posti di lavoro, esternalizza servizi e concentra le attività in svizzera tedesca. Cosa resta in Ticino?» si chiede Nadia Ghisolfi in un’interpellanza inoltrata al Consiglio di Stato.

La parlamentare sottolinea come negli ultimi anni Swisscom abbia «riorganizzato, spostato, licenziato ed esternalizzato parecchi servizi» facendo «sparire» i posti di lavoro con potere dirigenziale. «Posti importanti, mai sostituiti ma assunti sempre da nuovo personale in Svizzera tedesca o francese».

Licenziamenti - Sotto la lente della Ghisolfi è finito anche il licenziamento, nuova tecnica adottata al posto del pensionamento, «tanto c’è il piano sociale». Ma per la pipidina non viene tenuto in considerazione che il mercato del lavoro ticinese non è come quello di Berna o Zurigo.

Esternalizzazioni - Altro punto affrontato nell’interpellanza è l’esternalizzazione dei servizi: «Altri posti sono stati esternalizzati, a ditte private o sottoditte che non hanno le ottime condizioni di lavoro e il CCL di Swisscom e quindi sottopagano il personale e magari fanno anche del dumping per accaparrarsi fette di mercato. Si dice che le condizioni di impiego rimarranno le stesse per un anno, ma dopo cosa succede? Non ci vuole certo un genio per capire cosa avverrà».

Prima di procedere con le domande, la parlamentare sottolinea anche l’alta densità di cartelloni pubblicitari, che l’azienda propone: «Per fare un sacco di pubblicità allora i soldi ci sono!».

Per far luce sulla questione, la parlamentare chiede al Consiglio di Stato:

  •  1) Il Consiglio di Stato è a conoscenza dell’evoluzione dei posti di lavoro Swisscom in Ticino negli ultimi 10 anni? Quanti posti dirigenziali esistono ancora in Ticino? Quanti sono andati persi per essere concentrati nella Svizzera tedesca o francese? Quanti collaboratori Swisscom (non esterni) sono ancora impiegati in Ticino? Quanti sono stati esternalizzati?
  • 2) Non ritiene il Consiglio di Stato di dover intervenire in difesa di questi posti di lavoro, visto che Swisscom continua ad annunciare tagli e riorganizzazioni, si preoccupa di fare pubblicità a tappeto in tutto in Ticino, mentre dovrebbe invece concentrarsi ed offrire in tutte le Regioni posti di lavoro sia in termini di qualità che di quantità?
  • 3) Non ritiene il Consiglio di Stato di dover prendere una posizione nei confronti dei vertici di Swisscom affinché rivendano questa politica di esternalizzazioni e licenziamenti volti al profitto a corto termine, che di fatto scaricano sulla collettività la responsabilità sociale ed il futuro di collaboratori ultracinquantenni che restano senza lavoro dopo 20 o 30 anni di fedeltà all’azienda?
Commenti
 
siska 1 anno fa su tio
..ahh ma fino a quando ci saranno questi qua seduti sulle loro poltrone nulla accadrà. Hanno solo l'interesse ad aiutare le aziende ed i benestanti. Il resto peggio di prima.
casi89 1 anno fa su tio
eh si i nostri consiglieri consigliano di non toccare le decisioni dei kruki.purtroppo e lavoro e non hanno piu tempo per pensare dove e come nascondere certi incassi.se ci sarebbe la possibilità a licenziare questi politici,allora si sucederebbe qualcosa in governo.
SosPettOso 1 anno fa su tio
Idem come con Posta ed FFS: grazie ai partiti di destra sono ormai diventate Società Anonime e fanno quello che vogliono. L'unica via percorribile è quella di far cambiare il mandato/ragione sociale da parte dell'azionista maggioritario, la Confederazione. Le ragioni di un governo cantonale sono ininfluenti, quelle del nostro poi...
tip75 1 anno fa su tio
un altra pagina di un grande libro in cui il Cds risponderà che è sereno
albertolupo 1 anno fa su tio
non essendo il CdS azionista di Swisscom, sarà difficile che possa rispondere... poi per le domande 2 e 3 si può sicuramente fare "pressione", ...come con LaPosta.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-19 19:05:12 | 91.208.130.86