Immobili
Veicoli
keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
12 ore
Marco Poloni dirigerà il CISA
Succederà a Domenico Lucchini, che ha guidato la scuola per 15 anni
CANTONE
14 ore
Antonini condannato solo per falsità in documenti
Una pena pecuniaria (sospesa) per l'ex comandante delle Guardie di confine. Cadute le altre accuse
FOTO
CHIASSO
14 ore
Cento candeline per Celestina
I festeggiamenti per la neo-centenaria questo pomeriggio alla Casa anziani Giardino di Chiasso
LUGANO
15 ore
Il Ceresio è da livello B... una secca da record
Non piove da mesi, il bacino è ai minimi storici e tra i proprietari di imbarcazioni cresce il malcontento
CANTONE
15 ore
Nessun distretto sfugge ai radar
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 31 gennaio al 6 febbraio
LUGANO
16 ore
La cartella ipotecaria introvabile e Grandini finisce nei guai
La vendita di una villa a Montagnola innesca un procedimento penale contro l'avvocato 68enne e contro un altro notaio
CANTONE
17 ore
Medico del traffico e IVA: «Domande da fare a lei»
Il Consiglio di Stato risponde all'interrogazione del deputato Massimiliano Robbiani.
BELLINZONA
17 ore
Rissa in stazione a Bellinzona, la polizia interviene
Cantonale e Comunale impegnate oggi pomeriggio per un alterco fra “soliti noti”
CANTONE
18 ore
Droni peggio degli avvoltoi: rischiano di rovinare il nido del Gipeto
«Lasciamo tranquilli questi rapaci» è l'appello lanciato da Ficedula ai disturbatori
FOTO
BELLINZONA
21 ore
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
21 ore
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
22 ore
Ponte Covid, il Governo propone il rinnovo
Il Messaggio prevede l'entrata in vigore (per almeno) sei mesi, retroattiva al 1° gennaio
CANTONE / ITALIA
10.11.2021 - 10:500
Aggiornamento : 13:04

Eitan: numerosi viaggi in Ticino prima del rapimento

Le trasferte sono state accertate «grazie all'analisi del traffico telefonico».

La Procura spiega anche che «la condotta degli ex coniugi Peleg è stata contrassegnata anche da alcuni tentativi di corruzione al fine di agevolare il loro intento criminoso».

PAVIA - «A ulteriore conferma della pianificazione del sequestro, vi sono inoltre i numerosi viaggi in Svizzera effettuati nelle giornate immediatamente precedenti l'11 settembre», giorno del rapimento.

Viaggi accertati «grazie all'analisi del traffico telefonico, dove sia il Peleg», nonno materno di Eitan, «sia l'Alon Abutbul», autista «verosimilmente appartenente alla compagnia militare privata denominata 'Blackwater'», avevano «definito le fasi finali del progetto criminoso».

Lo scrive la Procura di Pavia a proposito dei mandati di cattura internazionale emessi a carico del nonno e dell'autista israeliano, che portò Shmuel e il bimbo da Pavia fino a Lugano, dove partirono in aereo per Tel Aviv con un volo privato.

I tentativi di corruzione - La Procura spiega anche che «la condotta degli ex coniugi Peleg», ossia il nonno Shmuel e la nonna Esther (anche lei indagata ma non destinataria del mandato d'arresto) «è stata contrassegnata anche da alcuni tentativi di corruzione al fine di agevolare il loro intento criminoso, come testimoniato da una cittadina israeliana, ormai da parecchi anni residente in Italia, la quale nel mese di luglio scorso era stata contattata telefonicamente per conto della Esther Athen Cohen», ossia la nonna materna, «con la proposta di aiutare la donna a portare il bambino in Israele in cambio di una cospicua ricompensa in denaro».

Sentimenti di ostilità - «Si è accertato, in particolare - scrive ancora la Procura di Pavia - come Shmuel Peleg e la ex moglie Esther Athen Cohen» avessero «maturato nel tempo un sentimento di ostilità nei confronti della zia paterna tutore del minore, Aya Biran Nirko, in quanto contrariati dalla decisione assunta dal Giudice Tutelare di affidare a quest'ultima il nipote».

«Proprio in questa profonda convinzione che il nipote dovesse essere affidato alla famiglia materna e trasferito definitivamente nel suo paese di origine in Israele - spiega la Procura - trova origine il disegno criminoso messo in atto con lucida premeditazione e meticolosa organizzazione dagli indagati».

E sempre «in tale ricostruzione si inserisce il coinvolgimento del connazionale» Gabriel Alon Abutbul, l'autista, «verosimilmente appartenente alla compagnia militare privata denominata 'Blackwater' e 'assunto' dai nonni materni per assisterli ed aiutarli nel loro progetto di trasferimento del piccolo Eitan in Israele».

Il viaggio - Eitan, ricorda la Procura, «a seguito di una visita concordata tra la zia» e il nonno l'11 settembre «è stato condotto in Israele da quest'ultimo e da un terzo soggetto, poi identificato per il connazionale residente a Cipro», ossia Abutbul.

I tre hanno varcato «il confine elvetico a bordo di un'autovettura presa a noleggio dallo stesso Peleg per giungere presso l'aeroporto di Lugano-Agno, da dove si sono poi imbarcati su un volo privato, noleggiato da una compagnia tedesca di noleggio charter al costo di 42mila euro» da Abutbul «con destinazione Tel Aviv».

Gli investigatori, si legge ancora, «sviluppando e analizzando scrupolosamente i dati relativi al traffico telefonico e ogni altra informazione acquisita nel corso dell'attività di indagine, hanno ricostruito in dettaglio la pianificazione del reato da parte degli indagati, ricostruzione, peraltro, resa ardua attesi i presunti trascorsi di appartenenza militare degli indagati».

Il nonno del piccolo è un ex militare in pensione. Lui e Abutbul si sono mossi, spiegano i pm italiani, in «modo 'ombroso' sul territorio italiano con l'utilizzo anche di più autovetture a noleggio e comunicando tra loro con utenze telefoniche estere».

A Shmuel, oltre ai pericoli di inquinamento probatorio e reiterazione del reato, non viene contestato quello di fuga perché ovviamente è noto che si trovi a Tel Aviv. Per domani, tra l'altro, è fissata l'udienza davanti alla Corte distrettuale di Tel Aviv per discutere il ricorso presentato dal nonno contro la sentenza della giudice Iris Ilotovic-Segal che, nell'ambito della Convenzione dell'Aja sulla sottrazione internazionale di minori, aveva dato ragione alla zia.

Fino alla decisione di secondo grado, però, il bimbo non può tornare in Italia dato che il ricorso blocca la decisione favorevole al rientro a Pavia.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-29 09:04:13 | 91.208.130.89