TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 ore
Nuove norme nei locali: GastroTicino fa chiarezza
Dalla capienza massima alla raccolta dati, chi non le rispetta rischia sanzioni amministrative e penali.
FOTOGALLERY
ASCONA
4 ore
Si suona per New Orleans (e per Ascona)
Si è concluso l'evento organizzato da chi, ogni anno, allestisce JazzAscona sulle rive del Verbano
FOTO
CHIASSO
6 ore
Il mercato serale d'estate, per riscoprire il centro di Chiasso
Primo appuntamento con la manifestazione, che si protrarrà per tutti i sabati di luglio
LUGANO
8 ore
Passaggio di testimone per il Lions Club Lugano
L’uscente Dario Curti ha dato il cambio al neo-presidente Pietro Croce davanti al Municipio
FOTOGALLERY
LUGANO
12 ore
"Nuvole colorate" nei cieli ticinesi
Tante le fotografie giunte in redazione. Si tratta di un parelio, come spiegato da MeteoSvizzera
CANTONE
14 ore
Al portale nord del San Gottardo "solo" tre chilometri di coda
Attese di molto inferiori rispetto allo stesso periodo degli anni passati
ROVEREDO (GR)
15 ore
A Rorè si pensa al prossimo carnevale
Una decisione definitiva sul carnevale previsto dal 2 al 7 febbraio seguirà a fine ottobre/inizio novembre
CANTONE
17 ore
Niente weekend in discoteca, ecco le prime chiusure
Vanilla Riazzino e Pix Club Ascona tornano a serrare le porte, per «rispettare le norme e la salute dei clienti».
BELLINZONA
18 ore
La capitale incentiva l'assunzione di apprendisti
C'è soddisfazione nel gruppo PPD+GG per la scelta di accogliere la loro mozione
CONFINE
19 ore
Auto immatricolate in Svizzera per risparmiare in Italia
Sono otto i sequestri da inizio anno presso la dogana di Oria Valsolda.
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Anche il Ticino "forgia" armi contro il Covid
Dall'arco nebulizzante, alla lampada, passando per il distributore di disinfettante.
CANTONE
17.05.2020 - 22:460

Aiuti dalla Confederazione: due segnalazioni sospette anche in Ticino

Il Ministero pubblico precisa che si tratta di «presunte irregolarità» legate ai crediti Covid-19.

In caso di informazioni false si rischia una multa fino a 100'000 franchi. Per delitti più gravi, come la falsificazione di documenti o la truffa, si potrebbe arrivare al carcere

BELLINZONA - «Sono convinto che l’abuso possa essere escluso». Così si esprimeva, lo scorso 25 marzo, il capo del Dipartimento federale delle finanze Ueli Maurer. Quel giorno il Consiglio federale aveva presentato l’ordinanza di necessità per la concessione di crediti e fideiussioni solidali da parte della Confederazione dell’ordine di 20 miliardi di franchi. Ma la fiducia del consigliere federale sembra essere stata smentita.

La scorsa settimana la procura zurighese ha annunciato un’inchiesta su «circa 30 casi di richieste fraudolente di un sostegno finanziario». Le indagini vertono su reati che vanno dalla truffa, alla falsificazione di documenti fino al riciclaggio di denaro. I soldi ottenuti dalle banche dietro garanzia della Confederazione sono finiti su conti privati oppure all'estero, o sono stati usati per ripagare prestiti privati. Il pubblico ministero di Basilea Città ha dichiarato al Tages Anzeiger di avere «un numero a una cifra» di casi sospetti, a Svitto sono tre casi e nel canton Vaud due. L’Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro (MROS), che riceve informazioni dalle banche, dal 6 maggio ha inoltrato 23 segnalazioni di transazioni sospette alle autorità cantonali. Eppure solo il 22 aprile Maurer aveva ripetuto che secondo lui i casi di abusi non supereranno l’1%. 

E in Ticino? Il Ministero pubblico ha confermato a Tio/20minuti che «attualmente (stato al 14 maggio, ndr.) sono giunte due segnalazioni di presunte irregolarità legate ai crediti Covid-19». Considerato che «le verifiche e gli accertamenti del caso sono in corso», non è stato possibile avere maggiori dettagli. L’Ordinanza concernente la concessione di crediti e fideiussioni solidali in seguito al coronavirus prevede che «è punito con la multa fino a 100’000 franchi chiunque ottenga un credito fornendo intenzionalmente informazioni false oppure utilizzi il credito» per motivi diversi dalla necessità di liquidità dovuta alla crisi generata dal coronavirus («sempre che non si tratti di un reato più grave secondo il Codice penale»). 

Sull’argomento Tiziano Galeazzi e Roberta Soldati (UDC) hanno inoltrato un’interrogazione al Consiglio di Stato, con l’obiettivo di scovare i “furbetti del quartierino”. 

Dal 26 marzo sono 123 le banche dove è stato possibile per le imprese usufruire di queste fideiussioni garantite dalla Confederazione. Sulla base di un’autodichiarazione sono stati concessi in tempi brevissimi crediti a più di 122’000 aziende. Fino a 500’000 franchi di prestito a tasso zero senza alcuna lungaggine burocratica. La fiducia riposta nei cittadini da Ueli Maurer non è mai stata condivisa da Michel Huissoud, direttore del Controllo federale delle finanze (CDF), che da subito ha espresso la volontà di procedere a verifiche confrontando i dati presenti sulle autodichiarazioni con le informazioni disponibili, in particolare per quanto attiene a procedure di fallimento in corso o eventuali richieste multiple, oppure confrontando l'Iva versata col fatturato dichiarato.

Il 3 aprile il Consiglio federale ha approvato il quadro per contrastare gli abusi legati ai crediti Covid-19. Sulla base di questo documento la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha emanato un piano di misure anti-abusi e lo ha adottato il 15 maggio.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-05 03:52:04 | 91.208.130.87