tipress (archivio)
CANTONE
30.11.2019 - 08:400

Obv, con l'inchiesta cade una prima testa

Sul caso dell'infermiere sospettato di 17 morti, l'Eoc ha tagliato un collaboratore per uso improprio delle chat

di Redazione
DM

MENDRISIO - C'è già un primo licenziamento nell'ambito dell’inchiesta amministrativa aperta dall’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) per far luce sui fatti accaduti nel reparto di Medicina 1 dell’ospedale regionale della Beata Vergine di Mendrisio.

Il taglio di un collaboratore - riferisce oggi la Regione - sarebbe stato deciso per l’uso, se non improprio, quantomeno disinvolto delle reti sociali. Cosa, questa, che sarebbe accaduta anche tra altri collaboratori, o almeno è ciò su cui si sta concentrando una parte delle indagini.

I professionisti della sanità, a contatto quotidiano con dei malati, avrebbero infatti utilizzato le chat per scambiarsi e diffondere foto e video dei pazienti a loro insaputa. Abitudine, questa, che ha riguardato ad esempio l’infermiere 45enne indagato dalla Procura per la morte sospetta di 17 degenti, malati terminali.

I fatti avrebbero avuto luogo in un periodo che va dal 2014 alla fine del 2018. Le indagini della magistratura proseguono, dunque, mentre l’operatore sanitario indagato è stato rimesso in libertà lo scorso agosto, dopo quasi nove mesi di carcere. L’Obv, intanto, ha fatto recapitare all’organico in forze alla struttura delle informative specifiche su come comportarsi con i media sociali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 18:43:51 | 91.208.130.86