Cerca e trova immobili

CANTONENo, non c'è nessun pacco da ritirare in posta. Non cliccate su quel link

22.12.23 - 21:00
Con l'avvicinarsi del Natale i messaggini-truffa diventano un vero e proprio sciame. Ecco come difendersi.
Deposit
No, non c'è nessun pacco da ritirare in posta. Non cliccate su quel link
Con l'avvicinarsi del Natale i messaggini-truffa diventano un vero e proprio sciame. Ecco come difendersi.

LUGANO - Con Natale davvero dietro e diversi regali ordinati online, probabilmente in molti saranno un po' sulle spine tenendo sott'occhio il cellulare in attesa di notifiche o notizie sulla consegna di uno dei nostri pacchi.

E non è quindi un caso che, proprio a ridosso delle feste, si moltiplichino i tentativi di truffa via messaggino. Come segnalato alla redazione sono diversi i lettori di tio.ch che ne hanno ricevuti, alcuni anche più volte in un giorno.

Si tratta di Sms, praticamente sempre in lingua tedesca, targati "Swiss Post" che segnalano la giacenza di un pacco postale e allegano un link su cui cliccare. Queste pagine poi, spesso e volentieri, chiederanno un anticipo (da saldare via carta di credito o altri mezzi).

Come confermato a tio.ch dal Centro nazionale per la cibersicurezza (Ncsc) si tratta di un tentativo di truffa ben nota e che si intensifica a ridosso dei momenti dell'anno in cui ci sono picchi di shopping online, come il Black Friday oppure il Natale: «Questo li rende particolarmente insidiosi, perché è molto probabile che la persona che li riceve stia davvero aspettando un pacchetto», conferma l'Ncsc, «fra i mittenti, oltre alla Posta Svizzera ci sono spesso anche DHL e DPD».

Come comportarsi, quindi? «In generale non pagare mai, e ignorate i messaggi che vi chiedono di pagare in anticipo in caso siate in dubbio contattate il direttamente il vostro corriere.
Nel caso ci siate già cascati, è necessario correre ai ripari: contattando chi ha emesso la vostra carta di credito che potrà così agire repentinamente e bloccare le transazioni fraudolente».

«Un'altra possibilità è quella che questi messaggini vi chiedano di pagare con il cellulare, sottoscrivendo una sorta di abbonamento che vi causerà addebiti ulteriori. In questo caso, invece, dovete contattare quanto prima la vostra compagnia di telefonia».

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

pegis 3 mesi fa su tio
La tecnologia sta portando via quella poca gente intelligente che era rimasta. Non c'é più un I DIO TA per strada che non ha il telefonino in mano. Ogni cretinata viene ordinata online e dopo si lamentano che non hanno un lavoro. Poveri (il seguito me lo vietano).

ilfastidio 3 mesi fa su tio
Risposta a pegis
Questo commento è stato scritto con carta e penna, vero? Ma poi cosa diavolo c'entra dove uno fa gli acquisti con il fatto che abbia o meno un lavoro?

ber68 3 mesi fa su tio
non e cuestioni di polli xipende in che momento che ti trovano ...

John Wayne 3 mesi fa su tio
Risposta a ber68
Può anche essere morto il gatto, ma cascarci nel 2024 è da polli, specialmente se per verificare bastano 3 secondi cronometrati facendo un clik sul mittente. Come i guzzi che ieri firmavano i fax del famoso registro di commercio a 699.- (che gira ancora oggi) ma arriva per posta ed a quanto sembra è legalmente consentito truffare.

ber68 3 mesi fa su tio
e chi la cliccato son c..... bo

gadoal 3 mesi fa su tio
di queste email ne ricevo almeno 2-3 alla settimana, ma se si guarda la nazionalità dell'SMS e si vede che risulta essere spedito da post.ch, perlomeno ad una persona con un minimo di cervello dovrebbe accendersi una lampadina. fintanto che ci sono polli in giro, i lupi dilagano

John Wayne 3 mesi fa su tio
Ultimamante ho notato che dopo alcuni ordini e ricezione di pacchi fatti con DHL e DPD, mi trovo queste mail, quindi perché non pensare che c'è qualcosa che non sempre funziona? La cifra richiesta resenta il ridicolo, ma se ci cascano in 2000 a fr. 2.95 tiri su un bel gruzzolo e basta un mail, nemmeno tanto sforzo.

John Wayne 3 mesi fa su tio
Risposta a John Wayne
Ma sappiamo anche che tutte le telefonate moleste che riguardano le casse malati, sono le stesse casse malati e combriccola ad aver svenduto i nostri dati, anche se negano. Quindi non mi stupisco più di nulla, nemmeno da chi vanta e vende che la digitalizzazione salverà il mondo.

Se7en 3 mesi fa su tio
…. C’è ancora qualcuno che ci casca? Mi chiedo solo come fanno ad avere il nostro email privato e il numero di cellulare che non è pubblicato da nessuna parte..! Oltre che ricevere delle email da parte di perfetti sconosciuti, anche diverse telefonate…! Mah 🤷‍♂️

PanDan 3 mesi fa su tio
Risposta a Se7en
Ditto...io li blocco immediatamente senza aprirli

Capra 3 mesi fa su tio
Se gli ragliassero mani…ne vedrei di meno !

John Wayne 3 mesi fa su tio
C'è ancora chi ci casca???????? Negli ultimi 7 giorni ho ricevuto 45 mail da Posta, DHL, UPS, ecc., mi è bastato guardare il mittente per capire, perché dhl yhaoo.com mi sembra poco professionale, ma anche un diep98388 gmx.de al spüzza lüntàn 56 km.

Sem prunt 3 mesi fa su tio
Risposta a John Wayne
hahaha si vero..... anche io che lavoro presso La Posta ricevo le notifiche da chi si spaccia per la mia stessa ditta... e non aspetto nessu pacco... mi vien da ridere , comunque si confermo pure io in 7 giorni almeno 30 notifiche fasulle
NOTIZIE PIÙ LETTE