Immobili
Veicoli
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO / UCRAINA
1 ora
A Lugano «per ricostruire l'Ucraina»
All’evento sul Ceresio parteciperanno una quarantina di Stati e diciotto organizzazioni internazionali.
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Inaugurato il nuovo impianto di filtrazione
Attivo già da otto mesi, il nuovo sistema dell'AMB ha reso più trasparenti le acque del fiume Ticino.
CONFINE/CANTONE
2 ore
Violentate e costrette a prostituirsi in Ticino. Tre arrestati
Gli uomini finiti in manette sono accusati anche di spaccio di droga.
CHIASSO
3 ore
Luganighetta e formaggelle: Street Food all'insegna del local
La manifestazione si terrà a Chiasso su Viale Volta tra venerdì 27 e sabato 28 maggio.
CANTONE
4 ore
Dove mettere il circo Knie?
Il consigliere comunale PPD Luca Campana interroga il Municipio per la ricerca di spazi adatti a ospitare gli spettacoli
CANTONE
4 ore
Pensionati del Cantone: «Decisione scandalosa»
Il Vpod promette un autunno "caldo" di proteste contro i tagli alle rendite
CANTONE
4 ore
Spettacoli, vincite e attività interattive: tutto in una passeggiata
Torna Scollinando il 12 giugno con una nuova edizione all'insegna della sostenibilità.
BELLINZONA
5 ore
Corteo e bagno nella fontana: «Cosa era autorizzato?»
Lega e UDC vogliono vederci chiaro sulla manifestazione "Sciopero per il futuro"
ROSSA (GR)
5 ore
Trovato morto un escursionista dato per disperso
L'uomo ieri non si era presentato al lavoro. È precipitato da una parete rocciosa sopra il Lagh de Calvaresc.
LAMONE
6 ore
Poliziotti sotto indagine: «Diamo massima fiducia. L'inchiesta è chiusa»
Il Municipio di Lamone e la Commissione intercomunale della Polizia del Vedeggio si esprimono sugli agenti indagati.
CANTONE
7 ore
Gobbi, due colpi con i colleghi e uno sguardo al futuro
Lo scorso mercoledì si è tenuto l'incontro tra il Direttore del DI e i suoi funzionari dirigenti
CANTONE
7 ore
Ritorna il progetto Mentoring: «Si cercano volontari»
Dopo due anni i mentori di Pro Juventute sono tornati a riunirsi lo scorso 22 maggio.
CAPRIASCA
7 ore
Forchetta verde per Casa San Nicolao
«Il marchio rispecchia i valori in cui crediamo», sottolinea il direttore Furio Vanossi.
CANTONE/UCRAINA
8 ore
Ricostruire l'Ucraina, partendo da Lugano? «Va fatto nel modo giusto»
L'appello delle Ong svizzere al Consiglio federale: «Non decidano solo i Governi, si ascoltino le popolazioni colpite»
CANTONE
9 ore
Covid, terapie intensive vuote
È la prima volta da oltre 10 mesi. Negli ospedali ticinesi restano ricoverate 43 persone
SERRAVALLE
9 ore
Due mesi e mezzo di cantiere a Malvaglia
Il risanamento della pavimentazione della strada cantonale si svolgerà tra il 30 maggio e il 16 settembre.
LUGANO
10 ore
Deviazioni stradali per agevolare le "Bike Emotions"
Alcuni tratti stradali di Lugano verranno chiusi al traffico veicolare da giovedì a domenica
VALLEMAGGIA
11 ore
Vallemaggia, inaugurata una nuova ciclopista
Nuovo accordo per favorire il traffico ciclabile e pedonale tra Cevio e Visletto.
CANTONE
24.01.2022 - 11:570
Aggiornamento : 14:38

La diossina non inquieta le autorità cantonali

A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.

Analizzati ventun campioni raccolti nelle vicinanze dell'impianto di termovalorizzazione di Giubiasco e dei vecchi impianti d'incenerimento di Bioggio e Riazzino. Il Cantone: «Risultati rassicuranti».

BELLINZONA - In Ticino non vi è nessun allarme diossina. I risultati delle analisi effettuate dal Cantone a ottobre - allarmato dalla situazione vissuta a Losanna - hanno infatti dato un esito «rassicurante». Anche (e soprattutto) nelle zone calde come attorno all’Impianto di termovalorizzazione dei rifiuti (ICTR) di Giubiasco e nelle vicinanze dei vecchi impianti d'incenerimento dei rifiuti di Bioggio (CER) e Riazzino (CIR).


DT

L'allarme vodese - Il campanello d'allarme era stato lanciato negli scorsi mesi dal Canton Vaud, dove le concentrazioni di diossina misurate in diversi suoli della capitale superavano ampiamente il valore di guardia (VG) definito dall’Ordinanza contro il deterioramento del suolo (O suolo) di 20 ng I-TEQ / kg.

La risposta ticinese - Le autorità ticinesi hanno quindi deciso di correre ai ripari soprattutto monitorando le zone a rischio. Ovvero là dove le diossine avrebbero potuto celarsi nel terreno: nei pressi dei vecchi impianti d'incenerimento. «Abbiamo subito promosso - specifica la Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo (SPAAS) del Dipartimento del Territorio - una campagna di misurazione dei residui di diossine». Le analisi si sono concentrate su 21 campioni di suolo raccolti lo scorso mese di ottobre. «Si tratta dei dieci suoli già verificati nell’ambito del monitoraggio attorno all’ICTR, di tre suoli rispettivamente campionati nelle vicinanze dei vecchi impianti d'incenerimento dei rifiuti di Bioggio (CER) e Riazzino (CIR) e di cinque suoli in diverse zone del Ticino».

«Risultati rassicuranti»... - Dopo qualche mese, ecco infine giungere l'esito delle analisi. Un esito molto positivo. «I risultati, tutti inferiori al VG stabilito dall’O suolo, suggeriscono che attorno agli ex impianti CER di Bioggio e CIR di Riazzino non sussiste una situazione problematica e analoga a quella riscontrata a Losanna», sottolineano dal DT. 

... da confermare nel 2022 - Dei risultati rassicuranti che però indicano come attorno a tali impianti i residui di diossine possano essere mediamente più elevati rispetto ad altri suoli del Cantone. «Nel corso del 2022, la SPAAS effettuerà ulteriori verifiche analitiche per irrobustire questi primi risultati rassicuranti, estendendo inoltre la misurazione di diossine nel suolo ad altri comparti».

Cosa sono le diossine - Le diossine sono composti organici persistenti e si possono creare a seguito di processi di combustione incompleta. La loro presenza nell’ambiente è principalmente dovuta all’attività umana prima degli anni ’80, mentre grazie allo sviluppo tecnologico e della legislazione ambientale, dagli anni ’90 le emissioni di diossine sono state ridotte di circa il 90 per cento.


DT

DT
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Andy 82 4 mesi fa su tio
che schifo!!! di sicuro bene alla salute Non fà . poi ognuno pensi ciò che vuole...
vulpus 4 mesi fa su tio
Un complimento ai servizi del cantone che si sono mossi immediatamente senza attendere la solita sequela di interrogazioni. Alcuni forse avrebbero preferito un risultato diverso , con inquinamento sopra i livelli. E invece questa volta tutto nella norma.
Nmemo 4 mesi fa su tio
@vulpus Sono pagati per quella funzione. Non hanno fatto altro che il loro dovere. I controlli per ora sono nei limiti di legge. Per essere confrontati con i valori reperiti nei dintorni dei CER di Bioggio e Riazzino (peraltro impianti di tecnologie superate (anni 1960, che inizialmente non erano dotati di elettrofiltri) bisognerà attendere ancora 20 anni.
vulpus 4 mesi fa su tio
@Nmemo Sì sono pagati per lavorare, ma non era evidente la cosa prima di quanto riscontrato in Romandia. E per i valori, bè se pensiamo che a Dalpe la concentrazione è maggiore o pari alle zone attorno a Giubiasco, cosa dobbiamo pensare? Avevano un inceneritore a Dalpe? Oppure i paesani lassù bruciano materie plastiche quotidianamente??
Nmemo 4 mesi fa su tio
@vulpus Pure alla presenza di riscontri tali da dovere imporre puntuali risanamenti, per l'ex Petrolchimica ad esempio, si è lasciato correre un inquinamento che ora è definito sito contaminato. Le autorità che non sono intervenute tempestivamente sono ora costrette a risanare la contaminazione del suolo prodotto da noti responsabili resisi irreperibili e caricando i costi sul cittadino contribuente.
F/A-19 4 mesi fa su tio
@Nmemo Bisognerebbe capire chi c’era a capì delle autorità preposte in quegli anni, comunque il danno è di diversi milioni che ora deve appunto pagare il cittadino con le tasse, tutti soldi buttati dalla finestra...
vulpus 4 mesi fa su tio
@Nmemo Concordo, ma si ha l'impressione che all'autorità allora faceva comodo che qualcuno svolgesse un lavoro sporco.
Nmemo 4 mesi fa su tio
@F/A-19 Vuoi pensare che non sia agli archivi di Stato il nome dei direttori del dipartimento competente? Se li so enunciare a memoria …
Nmemo 4 mesi fa su tio
Il pericolo dell’incidente è sempre dietro l’angolo, e dal camino non esce comunque ossigeno. Per la posizione strategica dell’impianto del quale il Ticino ancora oggi avrebbe potuto farne a meno per la capacità di smaltimento presente in Svizzera, va sempre ringraziato il mai dimenticato Mauro Dell’Ambrogio ex sindaco di Giubiasco che ha offerto al Cantone una modificazione pianificatoria ad hoc, fatta votare dai pecoroni del partitone.
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@Nmemo Ciao Nmemo, non sono informato sul tema, immagino facciano dei controlli su ciò che esce dalla ciminiera. In ogni caso sarebbe interessante fare un confronto fra i danni di un eventuale incidente oppure quelli causati dall'inquinamento generato dall'esportare il materiale verso la Svizzera tedesca, o peggio verso l'Italia. Considerando che il nostro cantone è separato dal resto della Svizzera dal S. Gottardo o dal S. Bernardino penso che erigere la struttura su suolo cantonale sia stata la scelta migliore, sulla locazione specifica si può ancora disquisire, pure io non la trovo molto azzeccata, sia per un fattore estetico che pragmatico, però è lì e non si sposta.
Nmemo 4 mesi fa su tio
@Mattiatr .. é lì! Il merito è inequivocabile e va sempre ricordato.
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@Nmemo Ah boh, nel 2009 avevo 8 anni, diciamo che all'epoca la posizione del termo valorizzatore non era la mia priorità ;-) Recuperare queste faccende da ''tutti sanno ma mai fu scritto'' è difficile visto che si fa fatica a distinguere il vero dal detto popolare.
Nmemo 4 mesi fa su tio
@Mattiatr Carta canta, altro che allegorie popolari. Se a quei tempi stavi nei pannolini, dovresti avere l’umiltà di non pretendere di disquisire su fatti che poco hanno fatto onore a questo Cantone.
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@Nmemo Personalmente non mi interessa molto di queste faccende, ce ne sono a decine in Ticino, solo che non di tutti se ne parla. Ho specificato di non esser a conoscenza dei fatti specifici, poi ho fatto alcune considerazioni sull'effettiva utilità di una struttura del genere in Ticino (senza allusioni alle discussioni riguardo la locazione). Poi se le discussioni hanno lasciato malumori e mal di pancia non posso farci nulla e non posso dire nulla. Ciò nonostante dopo 15 anni non ha senso risollevare la polemica, come detto il termo valorizzatore è lì e non si sposta.
F/A-19 4 mesi fa su tio
Nei paraggi dell’inceneritore c’è il granaio del Ticino, ubicazione azzeccata!
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@F/A-19 Uela, vero, però non penso che un impianto bene o male controllato sia molto influente (a livello d'inquinamento) rispetto al traffico ben più anarchico sul piano di Magadino. Diciamo che sarebbe stato meglio un po' più a Nord, in valle Riviera oppure a sud a Rivera o in zona, ma non penso sarebbe stato così differente.
F/A-19 4 mesi fa su tio
@Mattiatr Potevano farlo a Chiasso, poteva in questo caso diventare il paese più inquinato d’Europa, tanto poi non manca molto.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-24 20:57:54 | 91.208.130.87