Immobili
Veicoli
keystone
ZURIGO
06.12.2021 - 22:000
Aggiornamento : 23:01

Ecco perché anche i giovani dovrebbero vaccinarsi

Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.

Da una parte con il vaccino si ha una minor possibilità di contrarre e trasmettere il virus, dall'altra si hanno anche meno possibilità di avere conseguenze a lungo termine nel caso di un'infezione.

ZURIGO - «Sono giovane e sano, il Coronavirus non può farmi del male». Questa è tra le affermazioni che più facilmente ricorrono sui social media. Ma non è corretta.

Le persone giovani e sane hanno effettivamente un rischio inferiore di morire per Covid-19 rispetto alle persone anziane e a quelle con patologie preesistenti. Ma la morte non è l'unica conseguenza negativa che può seguire a un'infezione da Coronavirus.

La ricercatrice austriaca Sylvia Kerschbaum-Gruber lo sottolinea con fermezza: «Un virus non deve necessariamente ucciderti per avere un impatto negativo e duraturo sulla tua vita».

Piuttosto andrebbero considerati i seguenti fattori quando si valuta se vaccinarsi o meno:

1. Un minor rischio di long-Covid: la vaccinazione contro il Covid-19 riduce il rischio di long-Covid in due modi. Da un lato, riduce la probabilità di essere infettati da Sars-CoV-2, dall'altro, fa calare fino al 50% il rischio di long-Covid in coloro che sviluppano un'infezione. Inoltre, la vaccinazione può alleviare i sintomi se si contrae la malattia.

2. Fattori di rischio sconosciuti: non sono solo l'età e le malattie precedenti a rappresentare un rischio con il Covid-19. Anche fattori quali il fumo o l'obesità possono aumentare significativamente il rischio di un decorso grave.

3. Reazione immunitaria uniforme: quanti anticorpi e cellule T il corpo riesce a produrre dopo un'infezione dipende dalla gravità della malattia. Al contrario, dopo la vaccinazione la risposta è abbastanza standard ed elevata senza passare da un malattia che potrebbe essere anche grave.

4. Interruzione della catena dell'infezione: è ormai noto che le persone che sono state vaccinate possono trasmettere il virus, ma in misura molto minore. Tra l'altro sono meno contagiose per lungo tempo. Ciò è in linea con i risultati dello studio prodotto dai ricercatori dell'Università Humboldt di Berlino. Secondo questi calcoli, le persone non vaccinate sono responsabili fino al 91 percento delle infezioni.

5. Ridotta formazione di varianti: la vaccinazione contro il Covid-19 aiuta a ridurre il numero di varianti di Sars-CoV-2 in quanto in grado di prevenire completamente le infezioni o perché gli anticorpi che genera assicurano una guarigione più veloce. Questo concede meno tempo al virus per dare vita a nuove mutazioni.

6. Un aiuto al sistema sanitario: mentre nella prima ondata sono finiti negli ospedali soprattutto gli anziani e chi aveva patologie pregresse, con la comparsa della variante Delta sono sempre di più i giovani toccati dal virus. Tuttavia, la vaccinazione può aiutare anche in questo caso. Lo dimostrano, tra gli altri, i dati provenienti dalla Gran Bretagna: maggiore è il tasso di vaccinazione, minore è il tasso di ospedalizzazione.

7. Prevenzione dagli effetti a lungo termine: gli esperti escludono gli effetti a lungo termine dopo la vaccinazione. Sono invece ancora sconosciuti, almeno in parte, gli strascichi possibili derivanti da un'infezione da Covid-19. Il virus è ancora troppo recente per permettere risposte definitive in questo senso. Vi sono tuttavia prove che dimostrano come il virus possa stabilirsi nel cervello e nelle cellule nervose.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 03:36:14 | 91.208.130.86