Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
51 min
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
3 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
4 ore
Lanciata una petizione a sostegno dei driver di Divoora
Le richieste: riconoscimento del tempo di lavoro e remunerazione di ogni ora lavorata
MENDRISIO
5 ore
A.A.A, asini cercansi
Servono a mantenere viva la tradizione del Palio che quest'anno festeggia i quarant'anni.
CANTONE
6 ore
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
6 ore
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
8 ore
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
MASSAGNO
9 ore
Nuova vettura di servizio per la Polizia Ceresio Nord
L'auto va ad ammodernare il parco veicoli ora composto da 8 vetture, 2 moto e 3 scooter.
CHIASSO
10 ore
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
11 ore
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
CANTONE
04.11.2021 - 06:000
Aggiornamento : 09:56

Debiti ereditati e salari importanti in fumo nell'era Covid

Stipendi bassi, posti di lavoro limitati e situazioni sfortunate.

Il Ticino resta uno dei cantoni più indebitati, e la pandemia non aiuta. Anche chi sta bene può trovarsi, da un momento all’altro, in seria difficoltà.

BELLINZONA - Pagare, pagare, pagare. In bucalettere le fatture non mancano mai, e qualcuno non ce la fa. Secondo un recente studio, il 7,5% dei ticinesi è infatti indebitato eccessivamente. Un valore tra i più alti a livello svizzero e inscritto in un contesto decisamente poco favorevole: quello della pandemia. Ne abbiamo parlato su Piazza Ticino con la responsabile dell’Associazione SOS Debiti Simona Bernasconi

Non siamo degli spendaccioni - «Non è vero che in Ticino spendiamo di più per oggetti futili, macchine e tecnologia: I giovani sono giovani ovunque», spiega Bernasconi, sfatando qualche falso mito. E, riguardo alla grande diffusione del leasing come mezzo di pagamento nel nostro cantone: «Certo, può esserci anche una componente di abitudine, ma è vero che in Ticino risparmiare è più difficile rispetto al resto della Svizzera». E il problema non sono solo i salari, specifica, ma anche la maggiore difficoltà nel trovare un posto di lavoro.

Il Long Covid del portafoglio - La pandemia ha poi giocato un suo ruolo, sottolinea, soprattutto per quanto riguarda piccole imprese o indipendenti. «Si sono ad esempio rivolte a noi parrucchiere ed estetiste che in un primo momento, durante la chiusura forzata, hanno potuto usufruire degli aiuti, ma che poi, potendo riaprire, hanno sofferto una perdita di clienti a causa del lavoro da casa e dei pochi eventi». E gli aiuti, a quel punto, non c’erano più. 

Cambiamenti repentini - Le principali cause di indebitamento in Ticino restano comunque quegli eventi che non sono facilmente prevedibili, chiarisce Bernasconi: può trattarsi di un divorzio, la perdita del posto di lavoro, una malattia. Ma anche la nascita di un figlio o l’accesso agli studi possono portare sull’orlo del baratro.

Buchi creati da altri - Sono inoltre più frequenti di quanto si possa pensare anche gli indebitamenti ereditati dai genitori. «Solo questa settimana ho visto due ragazzi che si trovano in questa situazione. Spesso vivono ancora con i genitori e sono convinti che coprano i costi delle loro fatture. Ma poi scoprono, per esempio andando all’ospedale, che le cure non possono essere prestate perché le fatture della cassa malati non sono state saldate». E non è raro che un genitore acquisti a nome del figlio senza pagare, aggiunge Bernasconi.

Nessuno escluso - Ma anche persone abbienti possono trovarsi nella palta. SOS Debiti ha prestato consulenza e aiuto «persino a due direttori di banca», racconta Bernasconi. «Avevano fatto degli acquisti proporzionati rispetto a quello che guadagnavano, ma una volta licenziati si sono trovati ad affrontare rate e impegni finanziari ormai diventati insostenibili». Una persona che guadagna 15-20mila franchi al mese cosa fa? «Compra una seconda casa, un paio di belle auto, manda i figli alle scuole private. E non c’è nulla di male. Però se tutto ad un tratto si trova senza lavoro, magari a 50 anni, è dura». Sì, perché spesso la casa è ancora da pagare, e il leasing e la retta della scuola da onorare. «Per mantenere un certo tenore di vita ci vuole un’entrata adeguata. Ma può capitare a chiunque che questa vada a cadere». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 18:35:45 | 91.208.130.89