«Da quando c'è il Certificato Covid, perso il 70% dei clienti»
Foto di Davide Giordano
Ary Antonietti nel suo locale.
ULTIME NOTIZIE Ticino
MESOCCO (GR)
4 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
CANTONE
7 ore
Giornalisti sportivi riuniti in assemblea
Nel corso dell'appuntamento sono stati attribuiti i premi Giuseppe Albertini e al Merito Sportivo.
FOTO
LOCARNO
9 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE / CONFINE
9 ore
Navigazione sul Lago Maggiore, una mozione per smuovere le acque
I consiglieri nazionali ticinesi chiedono al Consiglio federale di avviare i negoziati per una nuova convenzione.
CANTONE
10 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
1 gior
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
FOTO
MELIDE
1 gior
I pompieri di Melide festeggiano Santa Barbara
La messa è stata officiata ieri sera da Don Ernesto Ratti presso la Caserma di Melide
CANTONE
1 gior
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
LUGANO
20.10.2021 - 08:050
Aggiornamento : 13:46

«Da quando c'è il Certificato Covid, perso il 70% dei clienti»

Continuano i grattacapi nella ristorazione. Il caso dello storico Grotto Monte Creda. Guarda il video.

Il gerente Ary Antonietti: «Porto avanti questo posto da 17 anni. Ho investito tutti i risparmi per reggere l'urto con la pandemia. Ma ora...»

LUGANO - La pandemia continua a creare grattacapi a chi ha un esercizio pubblico. E c'è chi non ne può già più del Certificato Covid. Soprattutto se si trova in una posizione discosta. La vicenda del Grotto Monte Creda di Lugano è emblematica. «Tanta gente non è ancora vaccinata – ammette il titolare Ary Antonietti –. E quindi i gruppi di disgregano. Morale della favola: in questo periodo perdiamo tra il 70 e l'80% della clientela rispetto al solito».  

All'ombra dei Denti della Vecchia – Stando a un sondaggio di GastroSuisse da metà settembre, con l'obbligo di presentare un Certificato Covid da parte della clientela, il settore della ristorazione in Svizzera avrebbe perso quasi il 28% di fatturato. E le zone rurali sarebbero le più colpite. Antonietti, classe 1981, porta avanti lo storico ritrovo situato a un'altitudine di 800 metri, all'ombra dei Denti Della Vecchia, da ben 17 anni. Mai si sarebbe aspettato una situazione del genere.

«Avrei lo spazio anche per i non vaccinati» – «I lockdown – sospira – mi hanno messo a durissima prova. Ho investito tutti i miei risparmi per fare fronte alla pandemia. Un altro inverno di incognite sarebbe durissimo da affrontare. E pensare che abbiamo una superficie enorme. Potremmo benissimo accogliere anche persone non vaccinate distanziandole da tutte le altre, come recentemente proposto dal presidente di GastroTicino Massimo Suter». 

L'agenda tristemente vuota – Antonietti ci mostra la sua agenda. In un autunno normale sarebbe stata presa d'assalto. «Questo è il periodo in cui si iniziava a pensare alle cene aziendali. Si sgomitava per avere un posto. Ora l'agenda è ancora vuota. La gente è incerta. Non sa cosa fare. Se ha un amico della compagnia che non è vaccinato preferisce stare a casa».

«Preoccupatissimo per l'inverno» – In più il Grotto Monte Creda non è di certo in una posizione centrale. «La clientela – conferma Antonietti – non ci passa davanti, siamo a dieci minuti dalla Vedeggio-Cassarate ma allo stesso tempo discosti. Uno viene qui per una scelta ben precisa, legata all'ambiente e al tipo di cucina». E aggiunge: «Io sono una persona che si è vaccinata senza problemi, purtroppo però da quando è stato introdotto il Certificato Covid la clientela è calata drasticamente. Finora le belle giornate in cui si poteva ancora stare all’aperto hanno tenuto a galla il locale, sono preoccupatissimo per i mesi freddi». 

Impieghi ridotti al minimo – Problemi anche per quanto riguarda gli impieghi e i salari. Al Monte Creda al momento lavorano in due. «E non lavoriamo neanche abbastanza per tirare fuori due stipendi. Avevo in mente di assumere nuovo personale proprio in vista degli eventi autunnali e invernali. Non sarà ovviamente possibile». 

Foto di Davide Giordano
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 20:28:03 | 91.208.130.85