Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
45 min
I consigli della Polizia fanno arrabbiare le femministe
Il collettivo "Io l'8 ogni giorno" punta il dito contro un vademecum anti-aggressione, e chiede di rimuoverlo
BELLINZONA
1 ora
I giovani ne hanno combinate (anche con il Covid)
Furti, incendi, reati sui social, assembramenti. Il punto con il Magistrato dei minorenni
CANTONE
2 ore
«Pensione anticipata a 62 anni anche per fabbri e metalcostruttori»
Lo chiede una petizione corredata da 405 firme promossa da Unia.
LUGANO
3 ore
Colpì la giornalista con una testata, identificata dalla polizia
Si tratta di una 20enne svizzera domiciliata nel Luganese che il 30 novembre manifestava contro le restrizioni Covid
LUGANO
3 ore
La prima neve è arrivata
Da Chiasso a Mendrisio fino a parte del Luganese i primi timidi fiocchi stanno scendendo dal cielo
LUGANO
3 ore
«Concreti indizi di un movente estremista»
La 28enne di Vezia resta in carcere, arresto confermato dal giudice. L'avvocato: «Serve una perizia psichiatrica»
BELLINZONA
3 ore
Picchiato e poi chiuso in casa dagli "amici"
Nuovi dettagli sulla lite di stamattina in un appartamento. I vicini: «C'erano già stati problemi»
CANTONE
4 ore
Il dialogo tra Cantone e Comuni funziona
Nella quarta seduta della Piattaforma si è parlato di crisi sanitaria, ma anche di votazioni e commesse pubbliche
PONTE CAPRIASCA
4 ore
Nasce una nuova lista civica
Si chiama "Ponte c'è!" e punta al cambiamento
MINUSIO
6 ore
Traslato il nuovo ponte sul torrente Navegna
Un lavoro di precisione conclusosi con successo. La sostituzione del vecchio ponte in ferro erano iniziati a primavera
LUGANO
7 ore
È morto il dietologo dei Vip
Si è spento a Lugano Henri Chenot, naturopata che curò Maradona e Pavarotti
CANTONE
7 ore
Affitti commerciali: «Il Cantone intervenga»
Se Berna non fa sconti, il Ps chiede a Bellinzona di aiutare le imprese
LOCARNO
7 ore
Illuminare la Città Vecchia per accendere la magia del Natale
Decorare le finestre degli stabili con una candela, una lanterna o altro ancora, per creare una nuova tradizione locale.
CANTONE
30.10.2020 - 20:100
Aggiornamento : 21:46

I nervi della gente stanno cedendo: «E io non me ne dimentico»

Il Covid-19 ci sta mettendo a dura prova. L'appello di Raffaele De Rosa, direttore del DSS: «Teniamo duro».

«È un periodo frenetico, anche personalmente. Dormo poco, ma non è importante questo». Ecco la video intervista completa su piazzaticino.ch

BELLINZONA - Parola d'ordine: salvare gli ospedali. E, di conseguenza, il collasso del sistema sanitario. Sembra contare solo questo di fronte alla nuova avanzata del Covid-19 in Svizzera. Ma a che prezzo? Cosa ne sarà dei nostri nervi? Ne abbiamo parlato con Raffaele De Rosa, direttore del Dipartimento cantonale della Sanità e della Socialità (DSS), ospite su piazzaticino.ch

Salvare gli ospedali, si diceva. La popolazione lo sta capendo?
«Sì. Anche se noto una certa stanchezza, comprensibile. Sappiamo che la strada è ancora lunga. È importante tenere duro. Abbiamo il vantaggio dell'esperienza vissuta proprio da noi in Ticino la scorsa primavera. Sappiamo come comportarci per superare questo momento di fatica. Io sono convinto che, tutti insieme, possiamo farcela». 

Il Ticino, come altri Cantoni, ha giocato d'anticipo, prendendo decisioni importanti già a inizio settimana. Non vi dà fastidio il fatto che il Governo federale mandi avanti voi nelle scelte più delicate?
«Il nostro Consiglio di Stato è sempre stato tempestivo. La diversa percezione che c'è stata in primavera tra quello che ha vissuto il Ticino e quello che ha vissuto il resto della Svizzera ha un peso. Col senno di poi è facile pensare che il resto della Svizzera poteva fare meglio. Ma, ripeto, la percezione è stata diversa. Il Ticino, in ogni caso, è considerato come un pioniere». 

Anziani malati gravi non curati, precedenza ai giovani nel caso in cui le cure intense siano piene. Alcune persone in là con gli anni si sono spaventate di fronte a una simile notizia trapelata di recente...
«È importante fare chiarezza su documenti "accompagnatori" come quello in questione. Bisogna ridurre l'incertezza nel cittadino e facilitargli la comprensione di ciò che sta accadendo».

Sì, perché altrimenti si scatena il panico come per la questione citata...
«Va anche ricordato che siamo in un momento straordinario per tutti noi. Non è mai successo di vivere un così frenetico adeguamento di leggi e ordinanze, con simili impatti sulla vita quotidiana delle persone».  

Spesso, quando c'è una conferenza delle autorità, il cittadino resta con troppi margini di interpretazione. C'è modo di aggirare questo ostacolo comunicativo?
«È effettivamente un ostacolo su cui bisogna migliorare. Siamo in una situazione particolare, lo ribadisco. C'è anche l'esigenza di scambiarsi le informazioni tra Cantoni e Confederazione». 

Il Covid-19 colpisce anche i nervi della gente. Non temete di arrivare a gennaio coi ticinesi imbottiti di psicofarmaci?
«È una preoccupazione legittima, da me condivisa. A primavera era stata messa a disposizione della popolazione una hotline curata da specialisti. Non mi dimentico di questo aspetto. Diversi studi dimostrano che questa situazione, che genera isolamento e incertezza, ha avuto un impatto forte su varie persone: anziani, ma anche giovani. È importante tenere d'occhio questo fenomeno e, là dove è il caso, garantire un giusto supporto a chi è in difficoltà». 

Quanto è logorante per Lei, come politico, il periodo che stiamo attraversando?
«È un periodo frenetico, anche personalmente. Dormo poco, ma questo non è importante. Ho collaboratori estremamente competenti al mio fianco. In tutte le maratone arriva il momento di crisi. Abbiamo già percorso tanti chilometri, ma ce ne restano tanti altri. Voglio fare un appello anche pensando alle imminenti festività. Bisogna riuscire a leggere anche al di là delle leggi, mettendo in sicurezza sé stessi e gli altri». 

Il Covid in questo momento sembra più forte di noi. E la parola "lockdown" fa paura. 
«Il lockdown non lo vuole nessuno. Ed è per questo che tutti noi dobbiamo comportarci come sappiamo. È importantissimo farlo ora, perché il virus evolve molto rapidamente. Basta guardare cosa sta accadendo in altri Paesi, o semplicemente in altri Cantoni, per rendersene conto». 

GUARDA L'INTERVISTA INTEGRALE SU PIAZZATICINO.CH



 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-02 20:37:45 | 91.208.130.86