Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
37 sec
La casa anziani di Sementina torna in consiglio comunale
Tuto Rossi vuole sapere la posizione del Municipio nei confronti del rapporto del Medico cantonale
FOTO
CANTONE
39 min
È iniziata la scuola di polizia 2021
Gli aspiranti sono in tutto 34: 22 della Polizia cantonale e 12 appartenenti ad altri corpi.
BALERNA
1 ora
Mille franchi alle aziende che assumono un apprendista
Il Municipio di Balerna ha istituito un fondo di 30mila franchi destinato alle imprese locali.
CANTONE
1 ora
Perché il personale sanitario è il penultimo della lista?
È la domanda posta da quattro deputati dell'UDC al Consiglio di Stato.
FOTO
CANTONE
2 ore
Viabilità e traffico, gendarmeria sugli attenti a Mendrisio
È attiva da oggi la nuova sede operativa, situata negli spazi dell'ex Pretorio.
CANTONE
2 ore
Denuncia "il malandazzo" in ufficio, parte la procedura di licenziamento
Sul caso avvenuto all'Istituto delle assicurazioni sociali (IAS) l'MPS ha presentato un'interpellanza
FOTO E VIDEO
CANTONE
2 ore
«La gente ha voglia di uscire e fare shopping»
Dopo quarantadue giorni di chiusura a causa della pandemia, oggi è avvenuta l'attesa riapertura dei negozi
CANTONE
3 ore
Somministrate altre 1'800 dosi
In Ticino prosegue la campagna di vaccinazione. Mercoledì apre il centro cantonale di Giubiasco
BELLINZONA
3 ore
Sorpassi di spesa in altri quattro cantieri della capitale?
Il budget previsto sarebbe stato oltrepassato del 10% in tutte e quattro le opere. Luca Madonna: «Vogliamo le cifre».
AIROLO / URI
4 ore
Gottardo chiuso per un veicolo in avaria
Inagibile dalle 12.30, il tunnel dovrebbe riaprire quando l'impianto di ventilazione libererà il fumo sprigionatosi
LOCARNO
5 ore
Multe Covid devolute alla Lega Polmonare
Il Municipio di Locarno ha deciso di donare i 1'250 franchi incassati delle sanzioni disciplinari all'ente ticinese.
CANTONE
5 ore
«Pensavo di aver visto tutto a 80 anni, ma sono finito in prigione»
Don Azzolino Chiappini rompe il silenzio, a qualche giorno dal decreto di abbandono per "sequestro di persona"
CANTONE
6 ore
Assembramenti e mascherina: in Ticino sono scattate 490 multe
È il bilancio del primo mese di controlli effettuati dalla polizia cantonale e da quelle comunali
CANTONE
30.10.2020 - 20:100
Aggiornamento : 21:46

I nervi della gente stanno cedendo: «E io non me ne dimentico»

Il Covid-19 ci sta mettendo a dura prova. L'appello di Raffaele De Rosa, direttore del DSS: «Teniamo duro».

«È un periodo frenetico, anche personalmente. Dormo poco, ma non è importante questo». Ecco la video intervista completa su piazzaticino.ch

BELLINZONA - Parola d'ordine: salvare gli ospedali. E, di conseguenza, il collasso del sistema sanitario. Sembra contare solo questo di fronte alla nuova avanzata del Covid-19 in Svizzera. Ma a che prezzo? Cosa ne sarà dei nostri nervi? Ne abbiamo parlato con Raffaele De Rosa, direttore del Dipartimento cantonale della Sanità e della Socialità (DSS), ospite su piazzaticino.ch

Salvare gli ospedali, si diceva. La popolazione lo sta capendo?
«Sì. Anche se noto una certa stanchezza, comprensibile. Sappiamo che la strada è ancora lunga. È importante tenere duro. Abbiamo il vantaggio dell'esperienza vissuta proprio da noi in Ticino la scorsa primavera. Sappiamo come comportarci per superare questo momento di fatica. Io sono convinto che, tutti insieme, possiamo farcela». 

Il Ticino, come altri Cantoni, ha giocato d'anticipo, prendendo decisioni importanti già a inizio settimana. Non vi dà fastidio il fatto che il Governo federale mandi avanti voi nelle scelte più delicate?
«Il nostro Consiglio di Stato è sempre stato tempestivo. La diversa percezione che c'è stata in primavera tra quello che ha vissuto il Ticino e quello che ha vissuto il resto della Svizzera ha un peso. Col senno di poi è facile pensare che il resto della Svizzera poteva fare meglio. Ma, ripeto, la percezione è stata diversa. Il Ticino, in ogni caso, è considerato come un pioniere». 

Anziani malati gravi non curati, precedenza ai giovani nel caso in cui le cure intense siano piene. Alcune persone in là con gli anni si sono spaventate di fronte a una simile notizia trapelata di recente...
«È importante fare chiarezza su documenti "accompagnatori" come quello in questione. Bisogna ridurre l'incertezza nel cittadino e facilitargli la comprensione di ciò che sta accadendo».

Sì, perché altrimenti si scatena il panico come per la questione citata...
«Va anche ricordato che siamo in un momento straordinario per tutti noi. Non è mai successo di vivere un così frenetico adeguamento di leggi e ordinanze, con simili impatti sulla vita quotidiana delle persone».  

Spesso, quando c'è una conferenza delle autorità, il cittadino resta con troppi margini di interpretazione. C'è modo di aggirare questo ostacolo comunicativo?
«È effettivamente un ostacolo su cui bisogna migliorare. Siamo in una situazione particolare, lo ribadisco. C'è anche l'esigenza di scambiarsi le informazioni tra Cantoni e Confederazione». 

Il Covid-19 colpisce anche i nervi della gente. Non temete di arrivare a gennaio coi ticinesi imbottiti di psicofarmaci?
«È una preoccupazione legittima, da me condivisa. A primavera era stata messa a disposizione della popolazione una hotline curata da specialisti. Non mi dimentico di questo aspetto. Diversi studi dimostrano che questa situazione, che genera isolamento e incertezza, ha avuto un impatto forte su varie persone: anziani, ma anche giovani. È importante tenere d'occhio questo fenomeno e, là dove è il caso, garantire un giusto supporto a chi è in difficoltà». 

Quanto è logorante per Lei, come politico, il periodo che stiamo attraversando?
«È un periodo frenetico, anche personalmente. Dormo poco, ma questo non è importante. Ho collaboratori estremamente competenti al mio fianco. In tutte le maratone arriva il momento di crisi. Abbiamo già percorso tanti chilometri, ma ce ne restano tanti altri. Voglio fare un appello anche pensando alle imminenti festività. Bisogna riuscire a leggere anche al di là delle leggi, mettendo in sicurezza sé stessi e gli altri». 

Il Covid in questo momento sembra più forte di noi. E la parola "lockdown" fa paura. 
«Il lockdown non lo vuole nessuno. Ed è per questo che tutti noi dobbiamo comportarci come sappiamo. È importantissimo farlo ora, perché il virus evolve molto rapidamente. Basta guardare cosa sta accadendo in altri Paesi, o semplicemente in altri Cantoni, per rendersene conto». 

GUARDA L'INTERVISTA INTEGRALE SU PIAZZATICINO.CH



 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-01 17:51:02 | 91.208.130.85