tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Una parentesi di sole prima di pioggia e neve
Al weekend di bel tempo farà seguito un inizio di settimana contraddistinto dalle precipitazioni.
LUGANO
2 ore
Permessi al Planet: scatta l'interpellanza
Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
3 ore
Cede il terreno sotto i binari: disagi, ma danni limitati
Dopo qualche ora, le FFS hanno ripristinato la linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.
CONFINE
7 ore
Troppi dipendenti positivi, chiude l'hospice di Como
Gli otto degenti della struttura sono stati trasferiti altrove
CANTONE
7 ore
Frana sui binari, linea interrotta fra Cadenazzo e Locarno
La durata dell'interruzione non è al momento nota. Predisposti dei bus sostitutivi
CANTONE
7 ore
Dieci ricoveri, un decesso e altri 257 contagi
Negli ospedali ticinesi ci sono 62 persone positive al coronavirus.
FOTO
RIVIERA
9 ore
Esce di strada e finisce contro i ripari fonici della ferrovia
L'incidente della circolazione ha avuto luogo questa notte all'incrocio fra via Traversa e via Cantonale.
FOTO
CANTONE
19 ore
Comitato rinnovato in casa GLRBV
Kevin Pelli è stato nominato quale nuovo presidente
CANTONE
20 ore
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
23 ore
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
CANTONE
23 ore
Una classe in quarantena alla Scuola Media di Viganello
Lo comunicano il DSS e il DECS in un comunicato congiunto
CANTONE
30.09.2020 - 14:390
Aggiornamento : 18:15

È iniziato l'assalto alle farmacie: «Non ce n'è per tutti»

I ticinesi fanno a gara per accaparrarsi il vaccino stagionale. Ma il Dss frena: prima i gruppi a rischio

Sospese le vendite fino al 30 novembre, a eccezione di over 65, donne incinte, malati cronici e neonati prematuri

BELLINZONA - L'inverno, all'improvviso. E i ticinesi battono i denti. Con l'abbassamento delle temperature, nei giorni scorsi è iniziata ufficialmente la corsa alle vaccinazioni contro l'influenza stagionale. Ma le scorte non bastano per tutti. 

Complice il Covid, le farmacie e i medici di famiglia in Ticino hanno visto aumentare nettamente le richieste rispetto agli anni scorsi. Se ne è accorto il Dss: «I canali di distribuzione del vaccino anti-influenzale sono già molto sollecitati» rileva il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. A insistere per accaparrarsi una dose non sono solo i pazienti tradizionali, ma «un gruppo nutrito di nuove persone che negli anni passati non effettuavano la vaccinazione». 

È l'effetto coronavirus. Le autorità federali e cantonali hanno insistito molto, nei mesi scorsi, sulla necessità di vaccinarsi «ora più che mai» e sembra che la popolazione abbia colto il messaggio. Forse fin troppo? «I medici e i farmacisti devono riservare le prime dosi ai pazienti appartenenti ai gruppi a rischio tradizionali» chiarisce Zanini. «Sono quelli che ne hanno più bisogno. Gli altri dovranno aspettare un secondo momento». 

Insomma non è un "chi prima arriva meglio alloggia". O almeno, non dovrebbe esserlo. Per mettersi al riparo, la Confederazione ha negoziato un acquisto di dosi "di riserva". Il fabbisogno normale in Ticino è di 60-65mila vaccini all'anno: la prima infornata, quella di ottobre-novembre. Ma questo inverno potrebbero servirne fino al doppio. 

A differenza del passato, questa volta ci sarà una seconda fase, per le persone che si annunciano senza essere a rischio» tranquillizza Zanini. «Queste potranno fare capo a una fornitura supplementare, che verrà recapitata verosimilmente a partire da novembre e potrà pertanto essere distribuita ancora in tempo, siccome da noi il picco solitamente arriva attorno a metà gennaio». Il problema è che le aziende farmaceutiche faticano a stare dietro agli ordini.

Berna - abbiamo riferito settimana scorsa - sta penando non poco per procurarsi una copertura extra: l'obiettivo è di raggiungere 2 milioni di dosi (attualmente, ce ne sono 1,2 milioni) ma non è facile. Zanini mette le mani avanti: «Da un punto di vista ideale sarebbe interessante vaccinare tutti quelli che ne faranno richiesta. Questo avrebbe effetti positivi anche nel contrasto al Covid». Ma c'è una domanda a cui il farmacista cantonale non può rispondere: «Non sappiamo quanti si annunceranno. Abbiamo visto cosa è successo con le mascherine e la carta igienica». Qualcuno, forse, potrebbe rimanere a bocca asciutta. 

Il blocco fino al 30 novembre: 

Fino al 30 novembre il vaccino contro l’influenza potrà essere prescritto e somministrato solamente alle persone appartenenti ai gruppi a rischio e al personale sanitario o professionalmente in contatto con persone a rischio. Lo ha stabilito il Dipartimento della sanità e della socialità, nell’intento di massimizzare i benefici per la salute pubblica di questa importante misura di prevenzione. Le persone in buona salute che desiderano vaccinarsi potranno farlo a partire da fine novembre. 

I pazienti con la precedenza:

Per decisione del medico cantonale e del farmacista cantonale, comunicata ai medici e alle farmacie negli scorsi giorni, questa prima fornitura dovrà essere inizialmente riservata alle persone appartenenti ai gruppi a rischio, segnatamente alle persone di 65 anni e più, agli ospiti di case di cura e pazienti degenti in istituti per malati cronici, alle donne incinte, ai nati prematuri e alle persone affette da malattie croniche. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-24 17:52:22 | 91.208.130.86