tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
1 ora
Diversi casi di Covid all’OBV, sospese le visite ai pazienti
I positivi registrati negli ultimi giorni all'Ospedale Regionale di Mendrisio hanno costretto a misure ulteriori.
CANTONE
1 ora
Covid: 210 positivi e 8 decessi
Il totale dei pazienti ricoverati in ospedale è di 347, di cui 43 in cure intense.
CANTONE
2 ore
Infermieri col Covid-19: l'EOC corre ai ripari
Circa 380 dipendenti dell'Ente sono a casa in isolamento o in quarantena. Assunto personale avventizio
CANTONE
4 ore
Il Ticino ha tanta voglia di pioggia
La nostra regione si trova da parecchio tempo sotto l'influsso di un anticiclone.
CANTONE
17 ore
Si stupisce trovando i moretti alla Migros. «In Ticino mai tolti»
In giugno il dibattito aveva acceso il nord delle Alpi. Ma da noi kisss e prodotti freschi non sono mai scomparsi
CANTONE / CONFINE
18 ore
Natale (forse) blindato? Coppie transfrontaliere in protesta
Lanciata una petizione indirizzata direttamente all'ufficio del premier italiano Giuseppe Conte
LOCARNO
23 ore
Visite ai pazienti Covid: ecco cosa cambia
Incontri in camera, di 15 minuti, uno alla volta, ogni due giorni. È vietato portare loro cibo o bevande
CANTONE
1 gior
Altri 246 casi nelle ultime 24 ore
Sette le persone che hanno perso la vita ieri a causa del Covid-19. C'è una nuova classe in quarantena
CONFINE
1 gior
Latitante tradito dalla voglia di shopping
La vettura sulla quale circolava insieme ad altre due persone è stata fermata dalla Guardia di Finanza
CANTONE / VATICANO
1 gior
Fondi vaticani, le "carte di Lugano" per chiarire lo scandalo
I documenti potrebbero portare a una svolta nelle indagini sul caso del "palazzo di Londra".
CANTONE
1 gior
Referendum e iniziative popolari: «Sospendiamone i termini»
La richiesta al Governo arriva dal Partito Comunista.
CANTONE
30.09.2020 - 14:390
Aggiornamento : 18:15

È iniziato l'assalto alle farmacie: «Non ce n'è per tutti»

I ticinesi fanno a gara per accaparrarsi il vaccino stagionale. Ma il Dss frena: prima i gruppi a rischio

Sospese le vendite fino al 30 novembre, a eccezione di over 65, donne incinte, malati cronici e neonati prematuri

BELLINZONA - L'inverno, all'improvviso. E i ticinesi battono i denti. Con l'abbassamento delle temperature, nei giorni scorsi è iniziata ufficialmente la corsa alle vaccinazioni contro l'influenza stagionale. Ma le scorte non bastano per tutti. 

Complice il Covid, le farmacie e i medici di famiglia in Ticino hanno visto aumentare nettamente le richieste rispetto agli anni scorsi. Se ne è accorto il Dss: «I canali di distribuzione del vaccino anti-influenzale sono già molto sollecitati» rileva il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. A insistere per accaparrarsi una dose non sono solo i pazienti tradizionali, ma «un gruppo nutrito di nuove persone che negli anni passati non effettuavano la vaccinazione». 

È l'effetto coronavirus. Le autorità federali e cantonali hanno insistito molto, nei mesi scorsi, sulla necessità di vaccinarsi «ora più che mai» e sembra che la popolazione abbia colto il messaggio. Forse fin troppo? «I medici e i farmacisti devono riservare le prime dosi ai pazienti appartenenti ai gruppi a rischio tradizionali» chiarisce Zanini. «Sono quelli che ne hanno più bisogno. Gli altri dovranno aspettare un secondo momento». 

Insomma non è un "chi prima arriva meglio alloggia". O almeno, non dovrebbe esserlo. Per mettersi al riparo, la Confederazione ha negoziato un acquisto di dosi "di riserva". Il fabbisogno normale in Ticino è di 60-65mila vaccini all'anno: la prima infornata, quella di ottobre-novembre. Ma questo inverno potrebbero servirne fino al doppio. 

A differenza del passato, questa volta ci sarà una seconda fase, per le persone che si annunciano senza essere a rischio» tranquillizza Zanini. «Queste potranno fare capo a una fornitura supplementare, che verrà recapitata verosimilmente a partire da novembre e potrà pertanto essere distribuita ancora in tempo, siccome da noi il picco solitamente arriva attorno a metà gennaio». Il problema è che le aziende farmaceutiche faticano a stare dietro agli ordini.

Berna - abbiamo riferito settimana scorsa - sta penando non poco per procurarsi una copertura extra: l'obiettivo è di raggiungere 2 milioni di dosi (attualmente, ce ne sono 1,2 milioni) ma non è facile. Zanini mette le mani avanti: «Da un punto di vista ideale sarebbe interessante vaccinare tutti quelli che ne faranno richiesta. Questo avrebbe effetti positivi anche nel contrasto al Covid». Ma c'è una domanda a cui il farmacista cantonale non può rispondere: «Non sappiamo quanti si annunceranno. Abbiamo visto cosa è successo con le mascherine e la carta igienica». Qualcuno, forse, potrebbe rimanere a bocca asciutta. 

Il blocco fino al 30 novembre: 

Fino al 30 novembre il vaccino contro l’influenza potrà essere prescritto e somministrato solamente alle persone appartenenti ai gruppi a rischio e al personale sanitario o professionalmente in contatto con persone a rischio. Lo ha stabilito il Dipartimento della sanità e della socialità, nell’intento di massimizzare i benefici per la salute pubblica di questa importante misura di prevenzione. Le persone in buona salute che desiderano vaccinarsi potranno farlo a partire da fine novembre. 

I pazienti con la precedenza:

Per decisione del medico cantonale e del farmacista cantonale, comunicata ai medici e alle farmacie negli scorsi giorni, questa prima fornitura dovrà essere inizialmente riservata alle persone appartenenti ai gruppi a rischio, segnatamente alle persone di 65 anni e più, agli ospiti di case di cura e pazienti degenti in istituti per malati cronici, alle donne incinte, ai nati prematuri e alle persone affette da malattie croniche. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-29 12:08:13 | 91.208.130.85