Immobili
Veicoli
Ti-Press
Un'operaia della Farmaconsult di Sementina al lavoro.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 min
Le nuove officine FFS nel Piano settoriale dei trasporti
Il Consiglio federale ha approvato l'integrazione di diversi progetti, tra cui quello previsto ad Arbedo-Castione
CANTONE
8 min
Galleria del San Gottardo chiusa
Fino alle 12.45 di oggi il tunnel non è percorribile a causa di un mezzo pesante in avaria
CANTONE
16 min
La SUPSI ha diritto ai sussidi federali
Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale, che ha riconosciuto la richiesta
CHIASSO
23 min
I ragazzi delle medie ricordano l'Olocausto
Il percorso letterario creato dagli allievi di quarta vive la sua prima Giornata della memoria.
CANTONE
27 min
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
PARADISO
1 ora
Più gente in Paradiso
I residenti nel Comune luganese sono aumentati di 190, arrivando a toccare quota 4'531.
CANTONE
2 ore
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
6 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CANTONE
6 ore
La pandemia del narcisismo
Vivono sui social. Raccontano qualsiasi cosa della propria vita. Un bisogno che nasconde diversi problemi.
BELLINZONA
14 ore
Una mozione per il rifacimento della parte alta del viale Stazione
Il settore del famoso viale si presenta oggi come «anonimo e poco curato» secondo il Gruppo PLR in Consiglio Comunale
CONFINE
18 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
21 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
21 ore
Lanciata una petizione a sostegno dei driver di Divoora
Le richieste: riconoscimento del tempo di lavoro e remunerazione di ogni ora lavorata
MENDRISIO
23 ore
A.A.A, asini cercansi
Servono a mantenere viva la tradizione del Palio che quest'anno festeggia i quarant'anni.
CANTONE
1 gior
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
1 gior
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
1 gior
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
MASSAGNO
1 gior
Nuova vettura di servizio per la Polizia Ceresio Nord
L'auto va ad ammodernare il parco veicoli ora composto da 8 vetture, 2 moto e 3 scooter.
CANTONE
20.07.2020 - 06:380
Aggiornamento : 10:03

È il business dell'estate 2020: produrre mascherine contro il Covid

Boom di imprese che cavalcano l’onda anti coronavirus. Soprattutto da quando sono subentrati gli obblighi.

Dietro le quinte di un mondo tutto da scoprire. E se a primavera, quando per avere il materiale si dipendeva dall’estero, i prezzi erano alle stelle, ora dovrebbero essere decisamente più abbordabili.

Da raccomandate a obbligatorie, perlomeno in alcuni settori. Nella Svizzera italiana è sempre più l’estate delle mascherine anti Covid-19. Dopo l'imposizione sui mezzi pubblici, da oggi è coinvolta anche la ristorazione, e se ne sta parlando anche per la scuola e per altri settori... Intanto stanno spuntando come funghi gli imprenditori che hanno visto in questa situazione, un’occasione per fare affari. A Riazzino, ad esempio, di recente è nata l’azienda LanLoc SA. «Volevamo colmare un’esigenza del mercato – ammette Andrea Locker, uno dei soci –. Abbiamo richieste dai Municipi, dalle aziende private, dalle banche, dai ristoranti, dalle cliniche». 

La richiesta è in aumento – Nel frattempo LanLoc ha dato impiego a cinque lavoratori indigeni. «Produciamo le mascherine anche personalizzate. Con loghi e nomi». A Ligornetto, invece, già da aprile è attiva Timask. «Puntiamo soprattutto sulla mascherina “chirurgica” certificata – dice il responsabile Moreno Lazzaroni –. Improvvisamente tutti si sono messi a fabbricare mascherine? C’è spazio per tutti. La Svizzera è grande. Da quando in alcuni settori hanno introdotto l’obbligo della mascherina, abbiamo avuto più richieste. I nostri collaboratori sono una decina, abbiamo creato nuovi impieghi dunque».

Quei prezzi vergognosi – Ma c’è anche chi non è partito da zero. A Sementina (dove a produrre mascherine c’è anche la Farmaconsult) la Sitisa SA, ditta che si occupa di meccanica di precisione, si è lanciata su questo mercato partendo in sordina. «Il nostro percorso è iniziato a marzo – sostiene il portavoce del progetto Massimo Iannacone –. Ci siamo resi conto che il Ticino dipendeva troppo dall’estero. E per questo i prezzi delle mascherine, a un certo punto sempre più rare, si erano fatti vergognosi. Non si poteva continuare così».

Ben 60.000 pezzi al giorno – Detto e fatto. Oggi la Sitisa produce circa 60.000 mascherine “chirurgiche” al giorno. E di recente ha avanzato richiesta alle autorità per potere lavorare anche di notte. «Abbiamo un sacco di commissioni da evadere – riprende Iannacone –. In nessuna fase della lavorazione, la mascherina viene toccata con le mani. È un grande valore aggiunto per noi. Lavoriamo tanto con la Svizzera interna».   

Dopo l'emergenza – Ma cosa accadrà a queste imprese quando l’emergenza sarà finalmente rientrata e le mascherine non saranno più necessarie? Se la Sitisa ha comunque già la sua missione aziendale prioritaria, diverso è il discorso per le altre due ditte citate. A Riazzino si pensa positivo. «Il macchinario che abbiamo ordinato – evidenzia Locker – è polivalente. Può essere usato anche per altre funzioni. Questo settore di mercato non è legato solo alla pandemia. In ambito sanitario, inoltre, ci sarà sempre bisogno di materiale». 

Oltre le mascherine – Più o meno sulla stessa lunghezza d’onda Lazzaroni da Ligornetto. «Possiamo produrre anche i vestiti destinati agli operatori sanitari. La nostra azienda va ben al di là delle mascherine chirurgiche classiche. Pensiamo anche ai dentisti. In questo ramo è importante avere abiti da lavoro consoni».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Duca72 1 anno fa su tio
Io ammiro chi riesce a fare impresa e non sta a casa sul divano a sfruttare la disoccupazione (che abolirei) Non volete usarle o vi sentite imbrogliati a causa dei prezzi alti? Evitate posti affollati o state a casa quando potete, questo non vi costa nulla!
lollo68 1 anno fa su tio
Io preferisco vedere le persone senza mascherina che tengono la distanza piuttosto che le persone che indossano la stessa mascherina da un mese.
sedelin 1 anno fa su tio
@lollo68 ecco qualcuno che pensa, finalmente :-)
spank77 1 anno fa su tio
@lollo68 Scusa ma in certe circostanze come su un treno pieno di persone la tua frase e troppo di comodo... Sarebbe "preferisco vedere persone senza mascherina e SENZA DISTANZA che persone che indossano la stessa mascherina da un mese senza distanza.... "
vulpus 1 anno fa su tio
Dovrebbero essere obbligatorie nei grandi centri commerciali, dove troppa gente non ha rispetto per niente e epr nessuno. Tu stai ad aspettare a giusta distanza che si liberi il banco, ed ecco il bifolco o la bifolca che ti passano davanti senza rispettare la tua posizione. Sono sicuramente cavolate, ma la reazione è che poi nessuno più rispetta la distanza
seo56 1 anno fa su tio
Oggi, alla Coop, nel fine settimana (tutti i venerdì e sabato) trovi quelle cinesi a CHF 17 per una scatola da 50 pezzi (scontati al 50%)
pillola rossa 1 anno fa su tio
A chi giovò il proibizionismo?
spank77 1 anno fa su tio
L altro giorno una mia amica Coreana mi ha chiesto come mai qui in Svizzera ci sono persone accanite contro la uso della mascherina per limitare la diffusione del virus e fungere da vettori verso le categorie a rischio. Le ho risposto che i motivi principali erano: attacco ai diritti fondamentali dell uomo, mascherina pericolosa e inutile e non volere collaborare alla truffa del secolo.... E stato come distruggerle un mito... La Svizzera in tre secondi... Le ho detto che per fortuna sono solo ca 1/4 della popolazione. Dal motto non ufficiale Elvetico: "uno per tutti tutti per uno."
sedelin 1 anno fa su tio
@spank77 solo 1/4, purtroppo :-(
miba 1 anno fa su tio
@spank77 Caro spank77, prima di andare a raccontare fesserie ai Coreani vorrei gentilmente farti presente che l'uso della mascherina in molti paesi asiatici era già in vigore ben prima dell'arrivo del coronavirus e ciò a causa degli elevatissimi tassi d'inquinamento. Da noi per fortuna per il momento questo non esiste ancora quindi se non sei una persona a rischio fai una bella passeggiata e respira profondamente: è indubbiamente (molto) più indicato e salutare che non accumulare batteri inutilmente con la mascherina :)
pillola rossa 1 anno fa su tio
@spank77 L'accanimento c'è nell'imposizione, la normalità è respirare secondo natura.
spank77 1 anno fa su tio
@miba Vive in Svizzera. Da 8 anni.
spank77 1 anno fa su tio
@miba Bravo... Se vuoi saperlo la mascherina la indossano per due motivi... Uno e quello per inquinamento che per tua informazione caro miba hanno un filtro speciale in carbone... E L altro motivo sui mezzi di trasporto se sono raffreddati alcuni la indossano di loro iniziativa oppure la mettono per proteggersi . Sei abilissimo bel modificare input a tuo piacere . Io non sono a rischio carissimo miba ma madre natura mi ha dato anche quella cosa chiamata ALTRUISMO che a te sembra mancare... Cerca suo vocabolario cosa significa. Ciao
spank77 1 anno fa su tio
@miba E scusa ma di leggono spesso queste motivazioni anti misure: Le ho risposto che i motivi principali erano: attacco ai diritti fondamentali dell uomo, mascherina pericolosa e inutile e non volere collaborare alla truffa del secolo....e in aggiunta motivo d ) Tormentone della estate... Svizzero precisiamo.
Orso 1 anno fa su tio
Sono stati furbi e scaltri. Invece di piangersi addosso come tanti altri, hanno sfruttato le occasioni nel Mercato. Bravi
momo73 1 anno fa su tio
non mi meraviglierei se qualche giornalista di questa testata fosse in prima linea nella produzione, visto lo smaronamento che ci stanno propinando con queste mascherine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-26 12:27:07 | 91.208.130.89