I "risvegliati" dal coma: «Dall'11 marzo non ricordo nulla»
Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
MESOCCO (GR)
1 min
L'A13 piena di rotoli di plastica
Si tratta del carico che un mezzo ha perso lungo la semiautostrada in territorio di Mesocco
ROVEREDO (GR)
4 ore
Il lupi fanno incetta di pecore, anche in Mesolcina
Diverse predazioni sono avvenute in varie zone dei Grigioni. Ordinato l'abbattimento di un esemplare
BELLINZONA
4 ore
Trasloco in casa Ias
Diversi servizi dell'Ai e delle prestazioni sociali si trasferiranno in via Ghiringhelli 15A
CANTONE
5 ore
BancaStato, la regione di Chiasso ha un nuovo responsabile
Si tratta di Marco Soragni, che fra pochi giorni sostituirà Mario Grassi.
CANTONE
6 ore
Covid: 31 nuovi casi, oltre la metà dei ticinesi sono vaccinati
Stabili i ricoverati, che rimangono a quota 12. Le cure intense ospitano 4 di loro.
FOTOGALLERY
GRONO (GR) / SVIZZERA
6 ore
Temperature in sella, un successo lungo 400 km
La pedalata si è conclusa nella Siberia della Svizzera, dove è stato affisso un "termometro dell'amicizia".
CANTONE
6 ore
Una nuova veste per il percorso delle pietre miliari
L'itinerario offre una panoramica sulla decomposizione dei rifiuti e sulla problematica del littering.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Ticinesi, gente simpatica
Un sondaggio sulla simpatia dei vari cantoni, svolto nella Svizzera tedesca e in Romandia, ci mette al primo posto.
LUGANO
8 ore
«Siamo in carcere, non a St. Moritz»
Un ex detenuto si è lamentato per il trattamento ricevuto alla Farera. La replica del direttore Laffranchini
CANTONE
9 ore
C'è un pacco sospetto per te
I pirati informatici sono in agguato: e via mail si spacciano per la Posta
NOVAGGIO
23.04.2020 - 08:220
Aggiornamento : 12:04

I "risvegliati" dal coma: «Dall'11 marzo non ricordo nulla»

Alla clinica di Novaggio 17 pazienti in riabilitazione post-Covid. Ne abbiamo intervistato uno

Il racconto di un 73enne: «Sono svenuto e da allora vuoto totale. Un grande grazie ai medici»

NOVAGGIO - I prati assolati, le vigne circondate dal bosco, il monte Lema alle spalle. È quello che vedono i pazienti Covid-19 dopo essere usciti dal coma. Nel paesaggio bucolico di Novaggio, la clinica di riabilitazione dell'EOC ne ha ospitati 17 finora. 

Sono i primi "risvegliati" del coronavirus. Sommati agli ospiti della clinica privata Hildebrand di Brissago - 14, fanno sapere dall'Eoc - una trentina di persone in tutto. Intraprendono un lungo e paziente percorso, fatto di riposo e fisioterapia, in attesa di tornare - senza fretta - alle proprie case e alla vita di prima.

Alcuni ci sono già arrivati, ma si contano sulle dita di una mano. «È tutto molto difficile, non bisogna correre» racconta E.C., 73 anni. È rincasato il 19 aprile, giorno del suo compleanno. Lo ha festeggiato riabbracciando i cari, ma senza esagerare. «Sono ancora molto debole e devo stare attento».

E.C. è arrivato a Novaggio il 2 aprile dall'ospedale La Carità, ed era l'unico ospite assieme a un altro paziente (arrivato il giorno prima). «Quando me ne sono andato la struttura era piena» racconta. «Per me è la fine di un incubo. Anche se il personale sanitario è stato molto professionale e il servizio di altissimo livello». 

La presa a carico nelle cliniche post-Covid non è una passeggiata. Dura in media tre settimane. In base alle risoluzioni governative, a Novaggio i posti letto messi a disposizione sono 14, ma «possono essere aumentati in base alle necessità» fanno sapere dall'Eoc. I pazienti vengono ripartiti tra Novaggio e Brissago «in modo equo e in base alle competenze scientifiche delle due cliniche». Entrambe sono comunque attrezzate per accogliere in sicurezza i pazienti Covid. 

È l'ultimo miglio, in una gara con il virus che inizia molto prima. Il fischio d'inizio, per E.C., sono state le avvisaglie classiche - tosse e febbre - agli inizi di marzo. Dopo una settimana circa, l'11 marzo, il crollo: «Mio marito si è alzato una notte, è andato in cucina per prendere uno sciroppo ed è svenuto» racconta la moglie 60enne, ammalatasi prima ma con sintomi lievi. 

Dopo lo svenimento, E.C. non ricorda più nulla. «Vuoto totale, e forse è meglio così». È la consorte a ripercorrere l'odissea. «Si è ripreso ma dopo poco ha smesso di parlare, sembrava come assente. Abbiamo chiamato l'ambulanza e l'hanno portato a Locarno». 

Da allora la famiglia non ha più potuto vedere E.C., fino a domenica. Quasi un mese esatto. «Le telefonate dall'ospedale erano una tortura. Non arrivavamo mai, e temevamo sempre che arrivasse la chiamata brutta. Per fortuna non è arrivata» ricorda la moglie. 

In coma farmacologico dal 16 marzo, il 73enne ne è uscito gradualmente, a partire dal 24 marzo. Il 30 marzo torna a respirare senza ventilatore, e la moglie sente di nuovo la sua voce al telefono. «Non era ancora del tutto cosciente - racconta - ma è stato un enorme sollievo». 

Ora è tornata una normalità diversa. «In casa utilizziamo le mascherine e i guanti, teniamo le distanze» racconta E.C. E non si guardano più i telegiornali «per evitare le notizie negative». Al lieto fine il 73enne aggiunge un appello: «La mia storia è positiva, grazie a Dio, ma le regole vanno rispettate».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-27 16:06:35 | 91.208.130.85