tipress
L'ospedale Beata Vergine
MENDRISIO
24.11.2019 - 10:530

Infermiere «killer», i colleghi rischiano il posto

Nuovi strascichi nel caso dei presunti omicidi intenzionali all'ospedale Beata Vergine. L'Eoc ha convocato alcuni dipendenti

di Redazione

MENDRISIO - Misure severe. Dall'ammonimento al licenziamento. È tutt'altro che chiuso il caso dell'infermiere dell'ospedale Beata Vergine di Mendrisio, accusato dalla Procura di avere soppresso intenzionalmente diversi pazienti malati di cancro. Alcuni ex colleghi del 45enne - riferisce oggi il Caffè - sono stati convocati dall'Eoc nei giorni scorsi. 

I sospetti - spiega il domenicale - non riguardano gli omicidi in sé ma alcuni reati "minori". Foto e video dei pazienti registrati a loro insaputa dall'infermiere, forse con qualche complice. E poi condivisi tra colleghi via chat.

Un comportamento scorretto e passibile di denuncia. E infatti, una trentina di familiari dei pazienti si sono costituiti accusatori privati. Dal canto suo, l'Ente ospedaliero non sembra intenzionato a prendere la questione sottogamba. Alcune lettere di convocazione - riferisce il Caffé - sono state inviate nei giorni scorsi a un gruppo di dipendenti: conterrebbero un «generico riferimento» a gradi diversi di responsabilità e a «conseguenze professionali». Compreso il licenziamento. Un messaggio chiaro, neanche troppo velato.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 21:26:47 | 91.208.130.89