Gvsi
ULTIME NOTIZIE Ticino
BEDRETTO
3 ore
Strada chiusa tra Ronco e All'Acqua
Troppo forte il rischio di caduta valanghe
LUGANO
4 ore
Andata e ristorno: le tasse dei frontalieri per scuole e strade
Da Bellinzona a Roma e ritorno nelle casse dei comuni di confine. Ecco come gli amministratori italiani hanno usato i soldi da anni al centro del dibattito politico in Ticino
SONDAGGIO
LUGANO
6 ore
Col digital parking “esplode” il costo del parcheggio
Anche in Ticino è sbarcata un’ulteriore app per il pagamento delle soste. Ma occhio al supplemento
LUGANO-CHIASSO
7 ore
Incidente in A2, traffico in tilt
Un sinistro tra Lugano-Sud e Coldrerio e code in dogana preannunciano un rientro da incubo per i pendolari
MORBIO INFERIORE
8 ore
La lite sul bus, le botte per strada
È accaduto questo pomeriggio di fronte al Serfontana. Sul posto la Polizia
CANTONE
9 ore
«Docenti frontalieri? Solo se necessario»
Bertoli tranquillizza in merito alle potenziali criticità rilevate per il futuro della scuola ticinese: «Stiamo lavorando per invogliare alla professione»
LUGANO
10 ore
A quando i lavori in via Nodivra?
«La strada dev'essere sistemata al più presto», chiede un'interrogazione presentata al Municipio di Lugano
CANTONE
10 ore
«Il termovalorizzatore non va ghiotto di plastica»
La risposta del Dipartimento del territorio a un’interpellanza sulla raccolta separata
FOTO
CANTONE
10 ore
Questa notte ritorna la neve nell'Alto Ticino
Meteo Svizzera ha diramato un'allerta di grado 3 (pericolo marcato) valida per praticamente tutto il Sopraceneri a partire dalla mezzanotte di oggi
SANT'ANTONINO
10 ore
Cifre nere e moltiplicatore confermato al 65%
Il preventivo 2020 di S.Antonino prevede un risparmio di spesa pari a quasi mezzo milione di franchi
CANTONE
10 ore
Proteste per Mark: «Nessun fermo davanti al carcere»
La risposta di Gobbi in merito alla manifestazione contro il rimpatrio del diciannovenne che ha avuto luogo tra il 23 e il 24 ottobre davanti alla struttura detentiva
CANTONE
11 ore
Un credito quadro «per semplificare l’investimento pubblico»
Il Gran Consiglio ha approvato la richiesta di sessanta milioni per il finanziamento delle procedure che portano alla realizzazione di opere pubbliche
CANTONE
11 ore
Rubavano attrezzi in rustici e depositi, tre giovani in manette
Si tratta di un 24enne del Bellinzonese, un 23enne del Luganese e un 21enne del Locarnese
CANTONE / ARGENTINA
08.11.2019 - 13:050

Il parco giochi come simbolo di generosità

Il Gvsi (Gruppo volontari Svizzera italiana) ha creato scuole, aule, refettorio, forno a legna, campi da gioco e viali

CANDELARIA - Nella comunità di Candelaria, 11mila abitanti nel nord dell’Argentina, è arrivato un po’ di Ticino. Esattamente, il cuore e la generosità: per festeggiare i 41 anni di fondazione, che cadono domenica 10 novembre 2019, il Gvsi (Gruppo volontari Svizzera italiana), che ha sede a Giubiasco, ha inaugurato il Parco giochi per i bambini, i ragazzi e i giovani di quella popolazione. Laggiù, per il Convento delle suore Misioneras de Jesùs Verbo y Victima, i volontari ticinesi hanno fatto molti altri interventi, tra cui aule scolastiche, un refettorio, il forno a legna, i campi da gioco, la sala polivalente esterna, i nuovi viali in cemento e vari lavori di manutenzione, completando così il Centro dell’infanzia.

A dare una mano, in perfetta sinergia e collaborazione, architetti e ingegneri svizzeri e argentini, che hanno coinvolto le imprese locali dando così lavoro agli autoctoni.

«Siamo particolarmente orgogliosi di quanto realizzato in questi anni a Candelaria, soprattutto perché è rivolto ai più giovani che, da quelle parti, hanno bisogno di tutto», dicono Silvia Belgeri e Gianpaolo Mari, che sono i portabandiera dell’emerita associazione. E raccontano la genesi di questo cantiere: «Lo aveva fortemente voluto Federico, il nostro fondatore, ma proprio in quel maledetto 2014, quando vi era l’intenzione di cominciare a fare i sopralluoghi, Fredy si ammalò e in brevissimo tempo ci lasciò – ricordano con voce rotta i rappresentanti del sodalizio –. Per un periodo fummo come smarriti, sconfortati, non sapevamo cosa fare. Riflettemmo a lungo e alla fine si decise: dovevamo portare avanti l’ultimo, importante progetto del nostro fondatore e presidente». Da allora, è stato un susseguirsi di scambi tra il Canton Ticino e l’Argentina, attraverso i volontari, i professionisti e le imprese. «Fredy ha sempre operato, per prima cosa, a favore del benessere degli altri, dimenticando i propri bisogni, e ha sempre svolto il suo agire con particolare sensibilità a favore dell’infanzia e dei giovani adolescenti – ribadiscono Belgeri e Mari, fratello del fondatore –. Per noi del comitato è stato un motivo valido poter portare a compimento l’ultimo suo sogno e il 14 settembre scorso abbiamo consegnato i lavori, il parco giochi e completato, dunque, il Centro dell’infanzia che Federico aveva tanto voluto. Il miglior modo per festeggiare i nostri 41 anni». 

Il Gvsi

Nella notte tra il 7 e 8 agosto 1978 il Canton Ticino viene devastato da un’alluvione che colpisce in particolare la Valle Onsernone. In uno scenario apocalittico si muove, tra gli altri, un gruppo di giovani ticinesi: hanno tra i venti e i trent’anni e sono capitanati da Federico Mari, originario di Bodio, una vita negli scout e un anno di missione nelle Filippine. Quei ragazzi non erano nuovi a interventi di questo genere: Federico e gli altri erano stati tra i primi a portare aiuto al Friuli distrutto dal terremoto del 6 maggio 1976, un’esperienza forte che li segna e li rafforza. Ma è due anni dopo, in occasione dell’alluvione, che Mari e gli altri, di ritorno proprio quella sera di agosto dal terzo campo di ricostruzione in Friuli, decidono, dopo essere intervenuti nelle loro terre ferite dal maltempo, di fondare il Gruppo Volontari della Svizzera italiana, che nasce esattamente il 10 novembre 1978.

Da quel 1978 e fino al 1985 il Gruppo si adopera alla ricostruzione della Valle Onsernone, con il ripristino di strade e ponti distrutti dalla forza delle acque e l’organizzazione di attività ricreative e di animazione per la gente del territorio. Vengono aperti dei campi di lavoro frequentati, oltre che da ticinesi, anche da giovani provenienti da Marocco e Paesi Baschi.

Nel 1980 un altro terremoto, questa volta molto lontano, in Messico, e il Gvsi inizia a operare oltre oceano. Laggiù costruisce un centro per giovani chiamato “Casa de la Amistad” che ora funziona autonomamente. Successivamente, il Gruppo è in Brasile per costruire una casa per bambini problematici provenienti da famiglie difficili e dalla strada. E nel contempo segue progetti analoghi in Cile e Honduras.

Federico Mari ha in animo di intervenire anche su un centro di accoglienza per l’infanzia nel dipartimento di Candelaria, in Argentina e per questo entra in contatto con la Diocesi di Añatuya. Purtroppo, la sua repentina scomparsa spezza il sogno. Il Gvsi, tramite i membri del comitato, si fa carico di portare avanti il progetto che oggi è stato ultimato e che porta il suo nome.

Gvsi
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 02:27:00 | 91.208.130.89