Ufficio esecuzione e fallimenti
BELLINZONA
19.04.2019 - 10:560

«Villa Bonetti dev'essere acquistata dalla Città»

Le consigliere comunali della lista MPS-POP-Indipendenti hanno inoltrato una proposta di risoluzione al Municipio

BELLINZONA - Villa Bonetti sarà battuta all'asta a inizio luglio. Lo storico edificio di via Emilio Motta 5, realizzato nel 1911-13 su progetto dell’architetto Enea Tallone, è comparso sul sito della aste dell'Ufficio esecuzione e fallimenti il 12 aprile. E c'è chi ha le idee chiare sul possibile acquirente. Per l'MPS dovrebbe essere proprio la Città di Bellinzona ad acquistarla: «L’occasione è troppo interessante per farsela scappare».

A cosa potrebbe essere quindi destinata Villa Bonetti? «Vi potrebbero trovare posto spazi per la cittadinanza, per fare cultura, arte, politica o per semplicemente socializzare - risponde il Movimento -. Prima di veder sorgere l’ennesima palazzina di appartamenti asettici e dal dubbio valore storico ed architettonico».

Il valore ufficiale complessivo del fondo supera di poco i 2 milioni, mentre il valore venale commerciale del mappale, comprensivo di un parco di oltre tremila metri quadri, è stato stimato in 7,6 milioni di franchi. «Sono condizioni ideali per (ri)lanciare una riflessione intorno ad un utilizzo pubblico di Villa Bonetti», si legge nella proposta di risoluzione.

Se Bellinzona «è caratterizzata da un aumento impressionante e pericoloso dello sfitto (+37% nel 2018, Ufficio federale di statistica), parimenti non si può dire per la messa a disposizione della collettività di spazi di incontro, di luoghi in cui organizzare conferenze, presentazioni, mostre, assemblee».

Le consigliere comunali per la lista MPS-POP-Indipendenti Angelica Lepori Sergi e Monica SoldiniConsiglio invitano pertanto il Municipio «a fare tutti i passi necessari per assicurarsi l’acquisto di Villa Bonetti».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
beta 1 anno fa su tio
Le ... " signore " ; se la comprino !
Nmemo 1 anno fa su tio
Fare proposte senza motivazioni oggettivamente sostenibili è indice di superficialità. Qualche riflessione concettuale farebbe onore anche alle signore.
LAMIA 1 anno fa su tio
Si con i vostri soldi che ne avete tanti
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 16:05:49 | 91.208.130.89