DECS
Lo stabile ex Felix
BELLINZONA
11.02.2019 - 11:330
Aggiornamento : 15:56

La Città dei mestieri "sorgerà" in Viale Stazione

La struttura ha finalmente trovato la sua sede nella capitale, presso lo stabile ex Felix

BELLINZONA - La “Città dei mestieri” della Svizzera italiana, a lungo al centro delle polemiche negli scorsi mesi, ha finalmente trovato una sede adeguata. Come annunciato oggi dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) nel corso di una conferenza stampa, la struttura troverà la sua sistemazione presso lo stabile ex Felix al numero 25 di Viale Stazione a Bellinzona.

Una posizione «centrale e interessante» ha sottolineato il numero uno del DECS, spiegando che il progetto non sarà inizialmente «in sinergia con l’Istituto della formazione continua (IFC)» ma che questa potrà essere in ogni caso recuperata in un secondo momento. Si tratterà a tutti gli effetti di «un nuovo modo di fare servizio pubblico» ha proseguito Furio Bednarz, capo dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione, dove un solo luogo avrà il compito di «intercettare» le molteplici domande dell'utenza.


DECS
Lo stabile ex Felix

Un portale d'accesso «dinamico» - In questa struttura, gestita e coordinata dalla Divisione della formazione professionale (DFP) in collaborazione con diversi settori e uffici dell’amministrazione cantonale e con le organizzazioni del mondo del lavoro, saranno riuniti diversi servizi inerenti all’orientamento, alla formazione professionale e al lavoro. Un portale d’accesso «che avrà una dimensione virtuale e fisica» ha evidenziato Bednarz, «che mette la persona in grado di confrontarsi con i molti servizi» che il Cantone offre.

In virtù del label ottenuto nel 2017, anche la Città dei mestieri ticinese non sarà una struttura isolata ma costituirà un hub in rete con altre strutture omologhe e con il Réseau internazionale. Un «tessuto connettivo» che si compone di tre elementi principali: spazi di consulenza, un centro di documentazione e un grande programma di eventi permanenti.

Verso l'apertura - L'obiettivo attuale, ha concluso Bednarz, è quello di attivare il progetto nel più breve tempo possibile. I passi previsti per i prossimi mesi si suddividono in due categorie. La prima riguarda la definizione del modello di governance partecipativa con le organizzazioni del mercato del lavoro, allestendo il programma di eventi e la campagna di comunicazione. La seconda invece contempla tutto il lato logistico e organizzativo, dall'allestimento degli spazi alla formazione dei consulenti.

«Un luogo d’incontro prezioso» - L’importante passo è stato accolto positivamente dal Partito Liberale Radicale (PLRT) e in particolare Nicola Pini, promotore di una mozione interpartitica volta al rilancio del progetto, a suo tempo congelato per questioni finanziarie. «La Città dei mestieri sarà una risposta concreta non solo per aiutare i giovani a scegliere il proprio cammino o sostenere chi vuole intraprendere una formazione continua, ma anche per coordinare varie politiche pubbliche e soprattutto per integrare maggiormente nell’inserimento professionale scuole, aziende e organizzazioni del mondo del lavoro. Più quest’ultime saranno presenti, più la Città dei mestieri saprà dare dei risultati», ha sottolineato il vicepresidente liberale radicale.

DECS
Guarda le 3 immagini
La ‘Città dei Mestieri’ in Ticino: grande possibilità o inganno?
11 mesi fa «La Città dei Mestieri venga nel Mendrisiotto»
1 anno fa Niente Città dei mestieri allo stabile eVita
1 anno fa Città dei mestieri: «Ha prevalso la voglia di chiarezza»
1 anno fa Città dei mestieri: tutto rimandato
1 anno fa Città dei mestieri, Pronzini vuole vedere la perizia
1 anno fa Città dei mestieri, la Lega: «Progetto da passare al microscopio. Niente voto il 18 giugno»
2 anni fa Città dei Mestieri: il Ticino seguirà l’esempio di Ginevra
2 anni fa Una «Città dei mestieri» anche in Ticino: via libera al progetto
Commenti
 
Nmemo 6 mesi fa su tio
Bene. Ora il Municipio di Bellinzona è alle prese con l’ultima delle molteplici varianti edilizie in corso d’opera per lo stabile di Giubiasco edificato con contenuti amministrativi in zona artigianale. Diversamente dal progetto iniziale, ora si chiede di approvare un progetto che al PT dello stabile in luogo di un deposito, insomma uno spazio non atto all’abitazione, si propone di rendere abitabile la totalità della superficie. Anche l’ufficio delle domande di costruzione dovrebbe verificare la conformità della licenza edilizia precedentemente accordata per un piano. La relativa istanza d’intervento è stata inoltrata, per motivi d’interesse pubblico, al Consiglio di Stato. L’ufficio, con la solita arroganza, fa sapere che interviene solo allorquando ravvisa indizi di una cattiva amministrazione o una violazione della legge. A rispondere per le rime, visto che sta esaminando in buona sostanza quanto deciso dall’ex Municipio dell’ex comune di Giubiasco del sindaco Bersani, andrebbe chiesto a quest’ufficio dove stava quando gli sono passate una marea d’istanze d’intervento, dalla discarica abusiva di Scarpapè, alle edificazioni (cambiamenti di destinazione) per l’insediamenti ancora, in zona industriali, che non possono essere considerati strutturalmente conformi alle norme vigenti /GJ.
Sciacallo 6 mesi fa su tio
Finalmente si rivaluta quanto già costruito anziché andare a costruire da zero.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-19 06:53:35 | 91.208.130.86