Andrea Genola
CANTONE
03.08.2017 - 15:260

«L’operato della commissione LIA venga verificato»

Andrea Genola ha presentato all’attenzione del Consiglio di Stato una segnalazione

ASTANO - «La legge LIA viene applicata in modo discriminatorio». Andrea Genola, artigiano ticinese, torna all’attacco contro la LIA, la Legge sulle imprese artigianali che ha introdotto l’iscrizione a un albo per ogni tipologia di servizi offerti dall’artigiano.

Andrea Genola ha già criticato la «disparità di trattamento» tra gli artigiani «meritevoli e non» - sui tempi previsti per l’iscrizione e le tasse -, tornando ora a denunciare «l’applicazione discriminatoria della LIA». E lo fa con una segnalazione rivolta direttamente al Consiglio di Stato.

Nella lettera raccomandata Genola cita «solo uno dei casi più evidenti»: «Ho pagato in ottobre 2016 la tassa d’iscrizione alla LIA di 600 franchi e mi sono accollato i costi dei documenti per l’evasione della pratica. Per il 2017 il rinnovo mi è costato 1’200 franchi. Iter condiviso da 1’600 aziende. Mentre sono state esentate le restanti 2’800 attività delle 4’400 che hanno fatto la richiesta nel 2016 ma non evase entro il 31.12».

Andrea Genola domanda pertanto al Consiglio di Stato una verifica dell’operato della commissione LIA, nonché il rimborso di quanto pagato per il 2017: «Se non avessi pagato sarei stato stralciato dall’albo - si legge nella lettera - e impossibilitato a lavorare. Mentre una decisione negativa per il rimborso mi dà l’opportunità di fare valere le mie ragioni in tribunale continuando a lavorare in regola».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Sarà 4 anni fa su tio
Una manna per le agenzie interinali che fanno da tramite per ditte ed operai stranieri.
87 4 anni fa su tio
Devo ancora capire a cosa serve concretamente la LIA. Oltre ai buoni propositi per cui è stata fatta. Attualmente serve solo a spillare soldi guadagnati onestamente, a far salire le tariffe degli artigiani, ad aumentare il carico amministrativo per artigiani e committenti (a questi è dovuto l'autocontrollo di impiegare artigiani iscritti regolarmente) e a creare tutti gli altri inutili ostacoli creati a chi lavora onestamente. Gli artigiani, anche se incapaci, ma che lavorano senza delle reali competenze, sono abili per l'iscrizione alla LIA. Giovani che hanno rubato il mestiere da tante maestranze, che magari vogliono osare a mettersi in proprio, sono ostacolati in tutti i modi.
leopoldo 4 anni fa su tio
@87 ottimo e non solo la LIA tante altre ci mangiano sopra cosi noi grazie a loro dobbiamo sborsare di piu per mangiare ecc.ecc.
Benji78 4 anni fa su tio
LIA = pizzo legalizzato in cambio di protezione.
Equalizer 4 anni fa su tio
La LIA, una maieria assurda faia dal canton, una vera porcada che la servis doma a strepa föra i soldi dal borsin da chi che lavora onestament.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 17:37:56 | 91.208.130.85