tipress
CANTONE
01.03.2017 - 11:540
Aggiornamento : 15:25

Oltre 2000 firme contro la Lia

La petizione lanciata dagli artigiani contro la nuova legge prosegue: «Solo grazie al passaparola»

BELLINZONA - Oltre duemila firme per abrogare la Lia, il nuovo albo degli artigiani che agli artigiani non piace per niente. La petizione a-politica lanciata da un pugno di lavoratori indipendenti nei mesi scorsi fa incetta di adesioni «e tutto grazie esclusivamente alla mobilitazione e al passaparola» si legge in un comunicato diffuso oggi dai promotori.

Questi ultimi ritengono la nuova norma «inutile e dannosa» perché «non raggiunge in nessun modo gli scopi dichiarati e aggiunge nuovi problemi moltiplicando quelli già esistenti, che affliggono gli artigiani ticinesi, come concorrenza estera, burocrazia e costi» spiega Andrea Genola, primo firmatario. L'appello è dunque «rivolto a tutte le persone affinché si attivino nella raccolta firme e spedire le firme già raccolte entro il 13 marzo a Rete Ticino».  

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 02:30:52 | 91.208.130.85