TiPress
CHIASSO
21.03.2017 - 15:010
Aggiornamento : 17:09

Incendio in via Odescalchi: «La Polizia non c'entra nulla»

La perizia effettuata dagli esperti di Zurigo ha scagionato gli agenti dalle «speculazioni della stampa» su eventuali responsabilità nel rogo di novembre 2016

CHIASSO - Gli agenti della Polizia cantonale non hanno alcuna responsabilità nell'incendio avvenuto nel novembre 2016 in via Odescalchi a Chiasso. La perizia effettuata dagli esperti di Zurigo esclude la loro responsabilità.

Il rogo era scoppiato il 23 novembre, poco prima delle 14, in un appartamento di una palazzina. Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale fanno notare che «vengono così a cadere le speculazioni diffuse a mezzo stampa» che parlavano di una «leggerezza o disattenzione» degli agenti. La Polizia era intervenuta alle 6 del mattino nel locale che ha successivamente preso fuoco per arrestare l'inquilino di 36 anni.

Lo stabile interessato dalle fiamme si trova in una strada di Chiasso che alimenta frequentemente i fatti di cronaca, compresa la rissa della scorsa notte che ha portato i cittadini a definirsi «esausti» e a maturare l'idea di trasferirsi. Nello stesso stabile abitava il 35enne portoghese ucciso a ottobre 2015 in una faida tra gang. Lo stesso Municipio aveva in seguito annunciato «misure incisive» a salvaguardia dei cittadini di via Odescalchi allo scopo di lottare contro attività illecite che impediscono una normale convivenza tra i cittadini del quartiere.

L'inchiesta del Procuratore pubblico Nicola Respini prosegue per chiarire cause e responsabilità.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 08:06:56 | 91.208.130.87