ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
24.07.2012 - 17:360
Aggiornamento : 22.11.2014 - 18:38

Oltre 100mila presenze per il LongLake Festival

LUGANO - Un’edizione difficile da dimenticare quella che si è conclusa domenica sera e che certamente non ha deluso le aspettative: il Festival internazionale LongLake per 25 giorni ha reso Lugano la piazza culturale ed artistica dell’estate.

Un intenso open air gratuito che con i suoi sei Festival - Lugano International Festival, Estival Jazz, Lugano Buskers Festival, Lugano Words Festival, Lugano Urban Art Festival, Lugano Family Festival - ha offerto a turisti e residenti in media 10 proposte giornaliere gratuite pensate per tutte le fasce d’età: dalla musica pop a quella classica, dal teatro al cabaret, dal cinema d’autore agli appuntamenti con la danza, dagli incontri ai recital, fino all’arte urbana, ai corsi intensivi e alle masterclass.

Un’edizione che si chiude con un bilancio più che positivo. Il pubblico ha risposto davvero numeroso a tutte le proposte offerte. Sono state superate le 100.000 presenze. Sicuramente attese erano le migliaia di persone che hanno riempito Piazza Manzoni per i concerti degli ospiti big inseriti all’interno del Lugano International Festival.

Caparezza ha letteralmente mandato in visibilio il pubblico, mentre la voce intensa di Malika Ayane ha creato un’atmosfera davvero unica nella stessa piazza. Anche i “nostri” The Vad Vuc non sono stati da meno, esibendosi davanti una Piazza Manzoni gremita di gente, in quello che per loro è stato l’ultimo concerto con il violinista Sebalter. Parco Ciani gremito anche per il concerto del noto cantautore Giovanni Lindo Ferretti.

Quello che però va sottolineato e che ha sorpreso è stata la risposta massiccia del pubblico a quelli che possiamo considerare i “piccoli eventi”: dalle rassegne di cinema per bambini, alle letture di fiabe, agli incontri proposti dal Lugano Words Festival presso il Park&Read, ai concerti di musica classica, alle rassegna di danza, agli spettacoli per bambini proposti dal Lugano Family Festival con le famiglie che ogni sera si davano appuntamento fisso in Rivetta Tell, anche sotto la pioggia.

Grandissimo successo anche per i due concerti di musica classica al Palazzo dei Congressi (HAHN-BIN e Igudesman&Joo) che hanno registrato il tutto esaurito, e per i concerti proposti al Teatro Foce come quello del clarinettista argentino Giora Feidman, che ha conquistato il pubblico con la sua musica: un grande evento da “sold-out” per il Foce. Molte anche le persone incuriosite e affascinate dagli originali interventi artistici di Lugano Urban Art che hanno temporaneamente rivoluzionato il contesto urbano cittadino. Ultimo in ordine cronologico, ma non d’importanza, il Lugano Buskers Festival ha attirato sul lungolago un flusso itinerante di gente che ha largamente apprezzato il carisma e la magia dell’arte di strada.

Azzeccata anche la formula che contempla la diversificazione delle attività con dislocazioni diverse (33 location differenti, inclusi i luoghi alternativi messi a disposizione in caso di cattivo tempo che quest’anno, fortunatamente, ha giocato a nostro favore) e proposte di appuntamenti distribuiti in diversi orari, dalle 18:30 alle 24:00 con un’offerta qualitativa tale da soddisfare tutti i gusti.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-25 00:01:55 | 91.208.130.86