Immobili
Veicoli

SVIZZERA«La Svizzera perennemente neutrale è superata»

16.07.22 - 13:31
Secondo il professore René Rhinow bisogna tornare alla base del concetto di neutralità nel diritto internazionale.
Imago
Fonte ATS
«La Svizzera perennemente neutrale è superata»
Secondo il professore René Rhinow bisogna tornare alla base del concetto di neutralità nel diritto internazionale.
«Non potremo evitare una cooperazione più forte con la NATO e l'UE sulle questioni di sicurezza» ha spiegato l'ex membro del Consiglio degli Stati.

BERNA - René Rhinow, professore emerito di diritto costituzionale, ritiene che la Svizzera debba tornare alla base del concetto di neutralità nel diritto internazionale. «La nostra idea che la Svizzera debba rimanere sempre e perennemente neutrale è, per così dire, superata».

L'ambiente svizzero è cambiato radicalmente negli ultimi 200 anni, ha dichiarato l'ex membro del Consiglio degli Stati del PLR di Basilea Campagna e professore emerito di diritto costituzionale e amministrativo all'Università di Basilea, in un'intervista alle testate Tamedia pubblicata oggi.

La rinuncia alla neutralità permanente rendeva possibile la sua presenza costante in linea di principio, con la possibilità di potervi rinunciare se necessario. La base del diritto internazionale è che la Svizzera non partecipi a una guerra tra due Stati, a condizione che la sua sicurezza e i suoi interessi esistenziali non vengano messi in pericolo.

Cooperazione con NATO e UE - La Svizzera deve accettare di dipendere e fare affidamento sulla cooperazione. «Non potremo evitare una cooperazione più forte con la NATO e l'UE sulle questioni di sicurezza», ha dichiarato Rhinow. Se l'Europa viene attaccata, la Svizzera non può più rimanere neutrale se vuole proteggersi efficacemente. Il Paese ha bisogno di una politica estera e di sicurezza attiva.

Una neutralità "ordinaria" - in contrapposizione a quella arricchita di epiteti, come la neutralità "cooperativa" di Ignazio Cassis o la neutralità "attiva" di Micheline Calmy-Rey - offre il necessario margine di manovra, ha affermato Rhinow. «La priorità deve essere la nostra politica estera, e lì deve essere possibile deviare dalla legge della neutralità».

«Grave sciocchezza» fissarla per iscritto - Rhinow ha sottolineato che è giusto e importante che il concetto di neutralità venga discusso. «Il popolo svizzero non si è occupato di neutralità per ben trent'anni», ha detto. Tuttavia, ritiene che sia una «grave sciocchezza» iscriverlo ora nella Costituzione, come vuole fare l'UDC con un'iniziativa programmata.

«Al momento non sappiamo come si svilupperà la situazione geopolitica. Soprattutto ora, sarebbe quindi negativo se limitassimo la nostra libertà d'azione con un concetto restrittivo di neutralità», ha detto Rhinow.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA