Keystone
Durante la conferenza stampa è intervenuto anche il ticinese Dick Marty
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
2 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
8 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
13 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SVIZZERA
13 ore
Premi cassa malati, i Cantoni siano coinvolti
Il Consiglio degli Stati ha accettato la mozione Lombardi e altre quattro iniziative
ZURIGO
14 ore
«Il Böögg brucerà lo stesso», nonostante il Covid-19
La tradizione popolare sarà mantenuta, ma senza la presenza di pubblico e senza la festa delle corporazioni di Zurigo.
VALLESE
14 ore
Sospetta frode nell'elezione del Parlamento
Ieri i cittadini di Briga hanno eletto 11 rappresentanti in Gran Consiglio: un socialista, un verde, tre UDC e sei PPD
SAN GALLO
15 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
TURGOVIA
15 ore
Una manovra errata e l'automobile finisce di sotto
L'incidente è avvenuto oggi a mezzogiorno in un parcheggio di Rickenbach bei Wil.
SVIZZERA
15 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
02.11.2020 - 14:200

"Imprese responsabili": lanciata la volata finale

Per i promotori l'iniziativa in votazione il prossimo 29 novembre è «una cosa ovvia».

BERNA - L'iniziativa popolare "Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente" è pragmatica, efficace e dovrebbe essere «una cosa ovvia». In questi termini il comitato favorevole al testo ha lanciato oggi a Berna la volata finale in vista della votazione del prossimo 29 novembre.

L'iniziativa, depositata il 10 ottobre 2016, chiede che le imprese che hanno la loro sede statutaria, l'amministrazione centrale o il centro d'attività principale in Svizzera debbano rispettare, sia nella Confederazione che all'estero, i diritti umani riconosciuti e le norme ambientali internazionali.

Le grandi imprese - gli iniziativisti hanno citato ad esempio Glencore, Syngenta o LafargeHolcim - che non li rispettano saranno chiamate a rispondere dei danni causati, compresi quelli delle aziende che controllano economicamente senza parteciparvi sul piano operativo. Il testo è sostenuto da 130 organizzazioni, dalle Chiese e da diversi partiti politici (PS, Verdi, Verdi liberali, PBD e PEV).

Imprese si assumino la responsabilità - Secondo Dick Marty, ex consigliere agli Stati (PLR/TI) e copresidente del comitato d'iniziativa, «le imprese devono assumersi la responsabilità delle proprie azioni. È un principio centrale della nostra società e del nostro Stato di diritto che (...) chiunque causi danni deve risponderne».

Per Chantal Peyer, pure membro del comitato ed esperta in economia e diritti umani, «nei Paesi con strutture statali deboli, le persone che cercano di difendersi localmente sono spesso minacciate e il sistema giudiziario è corrotto. È quindi fondamentale che le persone danneggiate possano chiedere un risarcimento qui in Svizzera».

Sulla stessa lunghezza d'onda il professore di diritto e consigliere agli Stati Daniel Jositsch (PS/ZH): «Con questa iniziativa andiamo a colpire proprio quelle poche multinazionali che attualmente non rispettano i diritti umani e gli standard ambientali. E questo andrà a vantaggio di tutte le aziende svizzere, che oggi si trovano in una situazione di svantaggio competitivo perché operano in maniera rispettosa».

Anche l'ex consigliere nazionale Dominique de Buman (PPD/FR) sostiene l'iniziativa contro il parere del suo partito. «Per me e per la maggior parte della nostra base, questa iniziativa ruota attorno al nucleo dei nostri valori: la dignità umana. È chiaro che le multinazionali non possono più distogliere lo sguardo quando intere zone di terreno sono avvelenate o i minori sono costretti a fare lavori pericolosi».

Ultimi sondaggi - Stando agli ultimi sondaggi, una maggioranza di svizzeri sarebbe favorevole al testo. Il Consiglio federale e il parlamento riconoscono la fondatezza dell'iniziativa, ma ritengono che si spinga troppo lontano e la considerano pericolosa per l'economia. Sostengono invece il controprogetto che entrerà in vigore automaticamente se l'iniziativa fosse respinta.

Quest'ultimo - adottato da una maggioranza di centro-destra dopo una lunga battaglia alle Camere federali - non regolamenta esplicitamente la responsabilità delle case madri elvetiche per le imprese controllate all'estero.

Secondo la consigliera federale Karin Keller-Sutter, responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia, il controprogetto potrebbe impedire alla Svizzera di ritrovarsi da sola ad applicare disposizioni come quelle previste dall'iniziativa. A suo avviso, in tempi incerti come quelli attuali, è meglio non fare esperimenti.

Tali argomenti sono stati contraddetti oggi dagli iniziativisti secondo cui Paesi quali la Francia, il Canada o i Paesi Bassi già applicano quanto propone l'iniziativa. Inoltre, l'Unione europea prevede di attuare una regolamentazione più severa dall'anno prossimo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-09 08:28:41 | 91.208.130.85