Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
9 ore
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
LUCERNA
13 ore
Dopo l'alterco cade nel vuoto, muore un 61enne
Una lite ha preceduto i fatti, la polizia sta ancora indagando per chiarire le circostanze dell'indicente.
FRIBURGO
14 ore
In centinaia a una festa techno illegale
La musica ad altissimo volume che rimbombava da una cava di Montagny-les-Monts ha infastidito non poco i residenti.
FOTO
SOLETTA
14 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
14 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA / REP. CECA
15 ore
Ignazio Cassis ricevuto da Milos Zeman
Il presidente della confederazione e quello ceco hanno discusso di relazioni diplomatiche e di Ucraina.
SVIZZERA
15 ore
Più lavori "verdi" per la svolta energetica
Un sondaggio effettuato dall'azienda Stiebel Eltron rimarca l'interesse verso i lavori legati alle tecnologie verdi.
SVIZZERA
15 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
17 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
19 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
SOLETTA
20 ore
Perde il controllo del veicolo, muore dopo lo schianto
Deceduto un 33enne nel canton Soletta, le cause dell'incidente non sono state ancora chiarite.
URI
20 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
21 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
SVIZZERA
22.07.2020 - 14:270
Aggiornamento : 18:20

«L'espulsione dei criminali stranieri è una farsa»

Per l'UDC l'iniziativa approvata 10 anni fa non viene attuata a dovere: «È una presa in giro della volontà popolare».

BERNA - L'iniziativa per l'espulsione dei criminali stranieri non viene attuata adeguatamente dieci anni dopo la sua accettazione, sostiene l'UDC. Il partito ha minacciato di lanciare una nuova iniziativa sul tema durante una conferenza stampa, oggi a Berna, se questa lacuna non verrà colmata al più presto. Sul tema si espresso anche il ticinese Piero Marchesi: «In qualità di rappresentante di un cantone di frontiera, sono particolarmente scandalizzato dal rifiuto di applicare l'iniziativa. Noi soffriamo di più la "criminalità importata"». L'ex Consigliere agli Stati argoviese ed ex presidente del PLR Philipp Müller ritiene che giudici e governo siano troppo indulgenti.

L'UDC accusa il Consiglio federale e i partiti di centro-sinistra di aver introdotto una "scappatoia" grazie alla cosiddetta clausola di rigore. Procuratori e giudici si avvalgono di questa clausola nel 42% dei casi, affermano i democentristi. «È una bella eccezione!», ha sbottato l'ex consigliere nazionale Adrian Amstutz (BE), per il quale l'iniziativa risulta così svuotata di senso. «Le nostre leggi stabiliscono che non c'è posto in Svizzera per i richiedenti asilo respinti, i criminali e i truffatori sociali stranieri, ma ai tribunali non importa», ha aggiunto.

Poche espulsioni - Nel 2019, 1183 criminali sono scampati all'espulsione, tra cui 10 stupratori, 99 spacciatori di droga, 36 violenti, 22 pedofili e 16 rapitori, ha detto il consigliere nazionale Thomas Aeschi (ZG). «Perché dovrebbero rispettare la legge se nemmeno i tribunali lo fanno?», si chiede.

Meno del 5% degli stranieri che hanno frodato la previdenza sociale ha dovuto lasciare il paese. Questo non solo costa caro alla società, ha rincarato la consigliera nazionale Barbara Steinemann (ZH). "Questi crimini distruggono la fiducia dei cittadini nelle istituzioni sociali e minano la solidarietà".

Criminalità importata - «La maggior parte della criminalità e della violenza è importata e più del 70% della popolazione carceraria è straniera», ha detto ancora Aeschi. È un effetto dell'apertura incontrollata delle frontiere e della libera circolazione delle persone. I cantoni di confine, come il Ticino, sono colpiti più duramente dalla criminalità importata, ha sottolineato l'UDC che ha colto l'occasione per promuovere la sua iniziativa "per la limitazione", in votazione il 27 settembre. Un "sì" sarebbe una risposta concreta alla lotta contro la criminalità, a loro avviso.

I partiti "anti-UDC" hanno mentito alla popolazione: hanno promesso una rigorosa applicazione dell'iniziativa, ma in realtà, stanno facendo esattamente il contrario, sostiene il partito. L'UDC chiede pertanto la cancellazione della clausola di rigore. Se gli interventi parlamentari presentati in tal senso non dovessero raggiungere questo obiettivo, il partito valuterà se lanciare una nuova iniziativa popolare a tal fine.

Una farsa - Anche per l'ex senatore argoviese Philipp Müller (PLR) il fatto che solo il 58% dei criminali stranieri venga effettivamente espulso è una presa in giro della volontà popolare. Questa situazione lo aveva indotto a presentare una mozione nel 2019, poi accolta dai due rami del Parlamento, in cui si chiedeva che non fosse più possibile rinunciare all'espulsione di uno straniero criminale ricorrendo, nella procedura, a un decreto d'accusa, ha ricordato oggi in un'intervista al Blick.

Le disposizioni introdotte dopo l'accettazione dell'iniziativa dell'UDC "per l'espulsione degli stranieri che commettono reati" prevedono che l'allontanamento dalla Confederazione venga formalmente deciso da un giudice. Il ricorso al decreto d'accusa è pertanto escluso. Eppure, nella pratica, accade che la procedura del decreto d'accusa venga utilizzata quando si intende invocare un caso di rigore. La rinuncia all'espulsione, conformemente alla volontà del legislatore, dovrebbe invece avvenire soltanto in casi eccezionali.

«Giudici e governo troppo indulgenti» - Müller chiede quindi all'esecutivo di applicare infine la sua mozione e ai giudici di non ricorrere allo strumento del decreto d'accusa con troppa facilità, una scappatoia che fa strame della volontà popolare a suo parere. L'ex presidente del PLR ricorda nell'intervista che, in Parlamento, la ministra di giustizia Karin Keller-Sutter aveva detto di voler intervenire qualora ne fosse stata constatata la necessità. Se risultasse evidente che la volontà del legislatore non è stata rispettata, il governo è pronto a proporre un'adeguata modifica della legge, aveva dichiarato.

Qualora il Consiglio federale non dovesse dare seguito a queste promesse, secondo Müller non rimarrebbe altro da fare che abolire la clausola d'urgenza. Per l'autore della mozione, una possibile soluzione potrebbe prevedere che i titolari di un permesso di soggiorno accusati di un reato grave vengano sempre giudicati da un giudice penale e ciò indipendentemente dal fatto che venga pronunciata un'espulsione o meno.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-27 07:42:55 | 91.208.130.89